Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.
Login

News

Mercoledì, 20 Ottobre 2010

In occasione del SAIE, il Salone internazionale delle costruzioni che come ogni anno si tiene a Bologna e che mette a confonto i più importanti operatori del settore, Assomarmomacchine organizza un convegno dal titolo “NEW GREEN STONE AGE: per una nuova età della pietra autenticamente naturale ed eco-compatibile tra Direttive EPD, Certificazioni LEED, Normazione Tecnica e Ricerca formale” (pdf scarica la locandina ).

All’appuntamento, previsto per giovedì 28 ottobre alle ore 14.30 presso la hall 21 del SAIE Bologna Fiere, interverrà tra gli altri Clara Miramonti, Funzionario tecnico UNI nonché Segretario del CEN TC 246 “Natural stones”.

Assomarmomacchine
C.so Sempione, 30 - 20154 Milano
Tel.+39 02315360-Fax+39 02315354
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Martedì, 19 Ottobre 2010

Venerdì 29 ottobre, presso il Palazzo della Provincia di Pistoia, si terrà il corso “Responsabilità sociale a tutela dell’individuo e della comunità” (pdf scarica il programma ).
Organizzato dalla Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari (F.I.D.A.P.A.) e dal locale Lions Club, con il supporto di CNA che ospita il Punto UNI, l’incontro pone l’accento sui vari aspetti della dignità del lavoro e dell’impresa eticamente responsabile, con un occhio di riguardo al ruolo svolto in questo contesto dalla normazione tecnica volontaria.

Tra i relatori che tracceranno il quadro delle attuali e future attività normative vi sarà Stefano Sibilio, Responsabile Divisione UNI “Organizzazione, processi, servizi e società”, il cui intervento avrà per oggetto la recente approvazione della norma ISO 26000 sulla responsabilità sociale, un testo condiviso a livello internazionale e frutto di un lungo lavoro che ha visto l’attiva partecipazione di una nutrita delegazione italiana.
A livello nazionale i lavori normativi sono infatti stati seguiti dalla Commissione UNI “Responsabilità sociale delle organizzazioni”.

CNA Pistoia (Punto UNI)
Via E. Fermi 2 (Zona Industriale Sant'Agostino) - 51100 Pistoia
Tel. 0573921428 - Fax 0573539504
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lunedì, 18 Ottobre 2010

La Regione Toscana ha previsto un incentivo per le PMI e le microimprese del territorio che vogliono ottenere la certificazione Valore Sociale. Si tratta di una certificazione etica che intende fornire garanzie in merito alla sostenibilità ambientale e sociale delle attività svolte dall’organizzazione, sia essa pubblica o privata, profit o non profit, che operi in qualunque settore produttivo o dei servizi.
L’incentivo previsto dalla Regione Toscana copre l’intero costo del processo di certificazione.

Valore Sociale è stato pensato come un marchio di qualità sulla Responsabilità Sociale d’Impresa che coniuga sia la dimensione sociale che ambientale, come richiede la linea  guida a livello europeo ISO 26000, il nuovo documento normativo di riferimento che ha concluso recentemente l’iter di approvazione e che verrà pubblicato come norma internazionale nelle prossime settimane.

La Regione Toscana ha già progettato una serie di seminari volti a illustrare nel dettaglio i contorni di questa certificazione etica e l’importanza che la sua diffusione può avere nell’intero tessuto produttivo del territorio.
Il primo incontro, dal titolo “Lo standard di certificazione Valore Sociale: come attuare la linea guida ISO 26000 in Toscana”, è previsto per il 21 ottobre prossimo a Firenze, presso l’Unioncamere Toscana.

Unioncamere Toscana
Via Lorenzo il Magnifico 24 – 50129 Firenze
Tel. 05546881 – Fax 0554684052
Web: Seminario 21 ottobre

Venerdì, 15 Ottobre 2010

ue_imcoIl 7 ottobre scorso la Commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatori del Parlamento Europeo (IMCO) ha adottato all’unanimità la relazione sul futuro del Sistema Europeo di Normazione. In essa viene riconosciuto il ruolo significativo svolto dalla normazione europea e vengono indicate le nuove sfide che gli enti normatori saranno chiamati ad affrontare negli anni a venire...

Leggi tutto...

Venerdì, 15 Ottobre 2010
uni11367_datePer conoscere meglio il contenuto e discuterne gli aspetti principali con chi ha partecipato ai lavori di normazione, UNI organizza un ciclo di 5 incontri per presentare la norma UNI 11367 “Classificazione acustica delle unità immobiliari - Procedura di valutazione e verifica in opera”, un nuovo strumento per costruire a regola d’arte. La partecipazione è gratuita, previa iscrizione...

Leggi tutto...

Giovedì, 14 Ottobre 2010

saie2010_newstoneSAIE New Stone Age Design, iniziativa nata dalla collaborazione di SAIE, Confindustria Marmomacchine e il Consorzio Pietra Autenticamente Naturale, torna nel 2010 a SAIE per mostrare come la pietra si integra col verde per fornire nuove forme di urban design con la mostra “Green & Stone: una nuova visione per l’urban design”.

Aprire il settore della pietra autenticamente naturale a nuovi mercati significa guardare al mondo dell'architettura e del design, offrendo le potenzialità tecniche e produttive proprie del settore del marmo a progettisti e imprenditori che ogni giorno cercano nuovi prodotti e nuovi sistemi per arricchire, arredare e dare personalità ai propri edifici.

Nell'ambito di SAIE New Stone Age Design, si svolgerà il giovedì 28 ottobre alle ore 14 l'incontro "NEW GREEN STONE AGE: per una nuova età della pietra autenticamente naturale ed eco-compatibile tra direttive EPD, certificazioni LEED, normazione tecnica e ricerca formale" al quale parteciperà in qualità di relatore in funzionario tecnico UNI Clara Miramonti.

pdf Locandina dell'incontro

L'incontro è organizzato presso SAIE/BolognaFiere, Hall 21, c/o la Piazza dell'Involucro per l'Architettura e l'Urban-Design.

Per informazioni e conferme di partecipazione:
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giovedì, 14 Ottobre 2010

Nello scorso mese di settembre l’UNI ha recepito, per ora in lingua inglese, una importante norma sulla valutazione ambientale di siti e di organizzazioni.
Si tratta della UNI EN ISO 14015:2010. Essa fornisce una guida su come condurre appunto una valutazione ambientale di siti e organizzazioni (attività anche conosciuta con l’acronimo inglese di EASO, Environmental Assessment of Sites And Organizations) tramite un processo sistematico di identificazione degli aspetti e delle questioni ambientali.
Si tratta di una attività che, per quanto riguarda una impresa, può essere effettuata in particolari momenti – nel caso di acquisizioni o cessioni, ad esempio – o rientrare in una normale verifica periodica. 

La norma si occupa, nel particolare, di definire i ruoli e le responsabilità delle parti coinvolte nella valutazione (cliente, valutatore, rappresentante del valutato) nonché le fasi del processo di valutazione (pianificazione, raccolta e validazione delle informazioni, valutazione e rendicontazione).
La norma non si occupa di altre tipologie di valutazione ambientale quali le analisi ambientali iniziali, gli audit ambientali, le valutazioni di impatto ambientale o le valutazioni delle prestazioni ambientali. 

Sempre nel mese di settembre è stata pubblicata, in lingua inglese e francese come recepimento della norma europea, la nuova edizione della UNI EN ISO 14050 che definisce i termini e i concetti fondamentali relativi alla gestione ambientale pubblicati nelle norme della serie ISO 14000.
Avere un linguaggio comune e principi perfettamente condivisi può aiutare una più efficace e puntuale applicazione dei sistemi di gestione ambientale a livello europeo e internazionale. 

Entrambe le norme sono state elaborate in seno al comitato ISO/TC 207, Environmental management. In ambito UNI i lavori sono stati seguiti dalla .

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Diffusione UNI
tel. 02 70024.200, fax 02 5515256
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mercoledì, 13 Ottobre 2010

procedure_businessA volte, purtroppo, le procedure non vengono vissute come un mezzo che ci aiuta a lavorare meglio ma vengono considerate come un appesantimento del proprio lavoro: ecco allora che vengono ignorate o vengono applicate male e non nel modo corretto. Questo è dunque il momento di intervenire perché significa che non è stato spiegato in modo sufficientemente chiaro il loro ruolo e soprattutto non sono state impostate nella maniera corretta: è necessario pertanto rivedere criticamente la loro impostazione.
Si scopre così che, spesso, si tratta fondamentalmente di un problema di comunicazione perché, nel redigere una procedura, si è dedicata una maggiore attenzione ad ottemperare ai requisiti della norma, piuttosto che a rendere il contenuto facile da comprendere e, quindi, da applicare.

Accade perciò che, a causa di un linguaggio poco chiaro, la procedura riesca sì a superare brillantemente l’esame della certificazione ma non rappresenti assolutamente un concreto ed utile strumento di lavoro, come dovrebbe invece essere.

E’ pertanto importante "imparare" a scrivere le procedure ed è proprio questo l’obiettivo che si pone il corso "Procedure: croce o delizia? Metodi e strumenti per migliorare la comunicazione" , che vuole rendere le persone padrone degli strumenti utili per migliorare il testo di una procedura, affinché sia non solo corretta ma anche chiara e semplice da applicare.

Dopo una lettura critica delle procedure occorre intervenire sul testo, il che significa "pulire" il testo, ovvero: semplificare, togliere, limare, alleggerire. Inoltre, poiché la procedura descrive una trasformazione, è necessario arricchirla con un diagramma di flusso a matrice che espliciti, in modo visivo, quindi semplice e diretto, le attività e le relazioni fra gli attori del processo, rendendo così ben chiaro il passaggio delle informazioni.

Durante il corso, in programma a Milano giovedì 28 ottobre, verranno eseguite numerose esercitazioni per applicare tecniche e accorgimenti atte a migliorare il linguaggio grafico e testuale. Il corso può essere quindi di interesse per dirigenti, responsabili, quadri, personale operativo di imprese, istituzioni, Pubblica Amministrazione.

Centro Formazione UNI
tel. 02 70024379 - 70024440
fax 02 70024411
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Martedì, 12 Ottobre 2010

orsa_homeAlla luce del nuovo testo unico sulla sicurezza dei lavoratori (D.Lgs 81/08) si mostra sempre più complessa l’esecuzione di una valutazione dei rischi completa ed esaustiva. La stessa redazione del “Documento Programmatico per la sicurezza nei luoghi di lavoro”, stilato al termine della valutazione, richiede particolare attenzione e precise competenze.

Solamente la conoscenza dei metodi appropriati e diversificati per ciascuna tipologia di rischio garantisce una valutazione oggettiva e in conformità con gli adempimenti previsti dal D.Lgs. 81/08 (in particolare articoli 28 e 29) e in linea con i requisiti previsti dall’art. 30 del D. Lgs. 81/08 per le aziende che vogliano dotarsi di un Sistema di Gestione della Sicurezza.

ORSA CONSULTING s.r.l., il Punto UNI di Palermo, organizza nei giorni 28 e 29 ottobre il Workshop di aggiornamento per ASPP e RSPP su Valutazione dei rischi per la sicurezza sul lavoro: metodi e strumenti.
Gli obiettivi del workshop di aggiornamento sono:

  • fornire una metodologia oggettiva per gestire efficacemente il processo di gestione del rischio (individuazione dei pericoli, valutazione del rischio, individuazione delle misure di prevenzione e protezione)
  • fornire le conoscenze e le competenze per effettuare la valutazione dei principali rischi per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro
  • fornire un approccio strutturato alla redazione del “Documento Programmatico per la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro”
  • sviluppare, mediante le esercitazioni pratiche, le capacità per effettuare in maniera autonoma le valutazioni dei rischi.

Il workshop - della durata di 10 ore -  si svolgerà a Palermo, presso l’ORSA CONSULTING s.r.l., in viale dell’Olimpo n. 30a.

ORSA CONSULTING s.r.l.
tel. 0915074168 - Fax 0917480168
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Martedì, 12 Ottobre 2010

Considerando il crescente interesse del mercato per la definizione di criteri di sostenibilità della biomassa solida per applicazioni energetiche, tematica che ad oggi sembra essere trascurata dai tavoli di lavoro normativi nati a supporto della direttiva 2009/28/CE, il Comitato Termotecnico Italiano-CTI ha attivato un Gruppo di lavoro specifico - il GL 1003 "Criteri di sostenibilità della biomassa solida per applicazioni energetiche" - per affrontare tali argomenti.

Dopo un incontro formativo che si è tenuto lo scorso 18 maggio, è ora convocata una seconda riunione operativa aperta a tutti gli interessati, che si svolgerà mercoledì 10 novembre dalle ore 10.30 alle ore 13.30 a Milano (presso Hotel Bristol, via Scarlatti 29, Milano).

L'ordine del giorno della riunione:

  1. Presentazione e inquadramento delle attività del GL 1003 in ambito CTI
  2. Discussione del progetto di norma CTI "Criteri di sostenibilità della biomassa solida per applicazioni energetiche" (doc 100300004)
  3. Varie ed eventuali.

Per motivi organizzativi è obbligatorio inviare conferma di partecipazione.

pdf La convocazione alla riunione del GL 1003

 

Per confermare la partecipazione:
Daniele Duca
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.