Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.
Login

E’ ora disponibile la seconda prassi di riferimento frutto di un accordo stipulato tra UNI e Provincia autonoma di Trento finalizzato alla redazione e approvazione di una serie di documenti che supportino le pubbliche amministrazioni che, da un lato vogliano migliorare l’efficienza e l’efficacia delle proprie attività di controllo e, dall’altro - semplificando i controlli rivolti alle aziende - promuovano l’attività imprenditoriale e la competitività del proprio territorio.
prov autonoma trento logo360Si tratta della prassi di riferimento UNI/PdR 76:2020 “Documentazione di progetto - Linee guida di supporto alle imprese beneficiarie di incentivi europei, nazionali, regionali e provinciali: la ‘fascicolazione della documentazione di progetto’”.

Il documento fornisce, alle imprese che ottengono l’accesso a fondi pubblici a sostegno dello sviluppo imprenditoriale, indicazioni pratico-operative e organizzative per una corretta ed efficiente gestione degli obblighi informativi e documentali legati all’erogazione del finanziamento stesso.
Si tratta di fondi che possono essere erogati sia nell’ambito di iniziative puramente provinciali o regionali, sia - ed è questo il caso cui si riferisce in particolare la prassi - nell’ambito di iniziative che scaturiscono dall’utilizzo di fondi strutturali e di investimento europei, tra cui il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

Questi fondi richiedono infatti un elevato livello di sistematizzazione degli obblighi informativi e documentali previsti per la loro gestione e rendicontazione. Obblighi che consentono all’amministrazione erogatrice un controllo sulla concreta ed effettiva realizzazione dell’intervento, sulla “congruità” dei risultati raggiunti e sulla ammissibilità e rimborsabilità delle spese sostenute.
Una volta che il progetto presentato è stato ammesso al finanziamento, ciascun beneficiario deve organizzare il “Fascicolo di progetto” nel quale inserire in modo tempestivo e ordinato tutta la documentazione necessaria per rispettare gli obblighi imposti.
Questa prassi fornisce proprio uno standard comune di Fascicolo di progetto che viene messo a disposizione delle imprese che presentano domanda e ottengono il contributo richiesto.

Occorre sottolineare come tale modello di fascicolazione sia stato costruito grazie all’esperienza pluriennale maturata dai C.A.T. (Centri di assistenza tecnica) che, secondo quanto disposto dal d.lgs. 31 marzo 1998, n. 114, forniscono, assieme ad altre attività, assistenza alle imprese che intendono accedere ai finanziamenti pubblici. Infatti, la redazione della prassi di riferimento trova il suo punto di partenza proprio dalla volontà dei C.A.T. di mettere a disposizione e condividere la loro rilevante esperienza in materia di supporto alle imprese nella richiesta di incentivi erogati o riconosciuti dalle diverse amministrazioni pubbliche.

Destinatari della UNI/PdR 76 sono quindi le imprese, gli individui o altri organismi (reti di imprese, consorzi, ecc.) che a seguito della partecipazione a un bando abbiano ottenuto un contributo per la realizzazione dell’intervento presentato.

Attraverso la definizione della prassi - spiega l’Assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli - la Provincia intende fornire alle imprese un valido strumento capace di guidare le stesse durante tutta la fase di gestione e attuazione del progetto o dell’iniziativa per i quali è stato richiesto un finanziamento pubblico. La prassi – prosegue l’Assessore – rappresenta quindi un importante strumento capace di sostenere lo sviluppo imprenditoriale, agevolando le imprese nell’accesso ai fondi pubblici attraverso una guida che si pone l’obiettivo di raggiungere una semplificazione bidirezionale, sia dal lato delle imprese che dal lato delle amministrazioni pubbliche controllanti, che grazie allo strumento della fascicolazione potranno velocizzare e razionalizzare le procedure di controllo”.
L’Assessore conclude con: “un ringraziamento particolare va ai C.A.T. delle diverse associazioni di categoria che, con spirito collaborativo, hanno lavorato alla redazione del documento, condividendo e mettendo a fattor comune la loro esperienza, nonché alla Federazione Trentina della Cooperazione che ha sottoscritto il Protocollo d’intesa per la realizzazione della Prassi”.

Aderire a questa prassi di riferimento - spiega il presidente UNI Piero Torretta - significa, per le imprese, migliorare la propria capacità amministrativa organizzando sin dall’inizio tutta la documentazione necessaria per un dato adempimento e, per le amministrazioni, avere la possibilità di effettuare controlli più veloci ed efficienti anche grazie a documenti prodotti secondo uno schema standardizzato”.
Scopo della normazione - prosegue Torretta - è infatti quello di contribuire al miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia del sistema socio-economico, fornendo gli strumenti di supporto alla semplificazione, all’innovazione e alla competitività”. 

La predisposizione della Prassi di Riferimento è stata preceduta da un Tavolo di lavoro composto da esperti dell’amministrazione della Provincia autonoma di Trento e da esperti esterni.
Tra gli obiettivi del documento l’esigenza che esso risponda a criteri di proporzionalità, coordinamento e programmazione, collaborazione, razionalizzazione e progressiva informatizzazione. Il tutto per ridurre duplicazioni e sovrapposizioni ed eliminare attività di controllo non necessarie per la tutela degli interessi pubblici.

Per informazioni:
Divisione Innovazione
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.