Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.

citta resilienteUna città intelligente è una città resiliente, in grado di adattarsi alle sfide e di reagire in caso di eventi imprevisti, impegnata a mantenere attive le funzioni essenziali. Ma per costruire la resilienza, le città devono identificare i propri rischi, vulnerabilità e punti di forza, in modo da prendere decisioni informate e valutare le conseguenze delle misure messe in atto.

Ma come può una città valutare il proprio livello di resilienza? Con la ISO 37123 “Sustainable cities and communities - Indicators for resilient cities”. La norma completa gli altri standard della famiglia, per esempio la UNI ISO 37120 “Città e comunità sostenibili - Indicatori per i servizi urbani e la qualità di vita” e la UNI ISO 37122 “Città e comunità sostenibili - Indicatori per le città intelligenti” che propone una serie di indicatori per misurare le prestazioni delle città in diverse aree, stabilire utili comparazioni nel mondo e trovare soluzioni innovative alle sfide che le città devono affrontare. Integra anche la norma UNI ISO 37101 “Città e comunità sostenibili - Sistema di gestione per lo sviluppo sostenibile - Requisiti ed orientamenti per l'utilizzo”.

Secondo Bernard Gindroz, presidente dell’ISO/TC 268 “Sustainable cities and communities” che ha sviluppato la serie di norme, le città devono ottimizzare la loro solidità e prepararsi agli impatti dei cambiamenti climatici, ai rischi legati alla sicurezza, alle conseguenze portate dall’aumento della popolazione. “Le città stanno affrontando un numero crescente di eventi inaspettati: condizioni meteorologiche estreme, attacchi informatici, conflitti politici. Hanno la possibilità di prepararsi comprendendo appieno i rischi che affrontano e, di conseguenza, agire in modo da ridurre la loro vulnerabilità. La ISO 37123 aiuterà i centri urbani fornendo una serie di criteri confrontabili a livello globale, utilizzati per identificare nelle città di tutto il mondo le aree di debolezza”.

“La resilienza delle città viene spesso discussa senza utilizzare dati comparabili a livello globale – aggiunge Patricia McCarney, convenor dell’organo tecnico che ha sviluppato la norma - I dati quantitativi sono tuttavia necessari per comprendere tutti i fattori che compongono la resilienza di una città, incluso il livello di preparazione a un evento estremo nonché la sua capacità di reagire e ricostruire qualora si verificasse. Associato agli indicatori contenuti nelle ISO 37120 e ISO 37122, questo standard fornirà alle città le misure necessarie per ricercare soluzioni innovative in risposta alle sfide incontrate”.

L’international organization for standardization ha sviluppato la ISO 37123 in collaborazione con l’UNDRR (United Nations Office for Disaster Risk Reduction) per garantire il suo allineamento con il Sendai Framework for Disaster Risk Reduction, un accordo volontario firmato dagli stati membri delle Nazioni Unite. La norma supporta anche la campagna mondiale dell’UNDRR “Making Cities Resilient”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.