Stampa 

statuto approvato noscrittaDopo quasi 30 anni lo Statuto di UNI è stato cambiato!

Statuto UNI

A conclusione del referendum online, partito il 17 febbraio 2020 e chiuso il 29 luglio 2020, al quale hanno partecipato oltre 2.500 Soci, l’approvazione del nuovo Statuto dell’Ente è stata sancita dal superamento dei 2/3 dei voti favorevoli.

E’ stato un progetto impegnativo che ha coinvolto tutto il sistema UNI. In un momento difficile per il Paese (e per il mondo intero) il nuovo Statuto apre uno scenario di grande responsabilità per tutto il sistema della normazione” afferma il Presidente Piero Torretta. “Il nuovo ruolo dei Soci, l’apertura alla società civile, il coinvolgimento più incisivo delle Istituzioni, la rinnovata relazione tra gli indirizzi politici e l’attività normativa rendono più semplice l’applicazione del principio di sussidiarietà del Nuovo approccio europeo. Il nuovo Statuto è un’opportunità per il mondo economico e la Società intera di essere più protagonisti e più responsabili nella definizione delle regole per lo sviluppo sostenibile del Paese, in un’ottica di innovazione e globalizzazione”.

L’esigenza di modificare lo Statuto è stata determinata dalla pubblicazione del Decreto legislativo 223/2017, norma di attuazione del Regolamento UE 1025/2012, che ha creato un nuovo scenario di fronte al quale il mondo della normazione si è interrogato, per aggiornare i propri strumenti, le proprie strategie e rispondere alle nuove esigenze della società:

  1. valorizzando il ruolo dei Soci;
  2. rispondendo al quadro legislativo sulla normazione;
  3. avvicinandoci sempre di più alle esigenze del mercato e della società.

Il nuovo Statuto è entrato in vigore lo scorso agosto dopo che la Prefettura lo ha regolarmente iscritto negli appositi registri.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.