Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.
Login

Il 13 dicembre scorso, in occasione della riunione plenaria della Commissione Sicurezza della società e del cittadino, alcuni studenti del corso di laurea magistrale di Ingegneria gestionale dell’Università di Pisa hanno accolto l’invito dell’UNI e hanno partecipato in qualità di uditori al tavolo dei lavori. Erano accompagnati dalla loro docente, Adarosa Ruffini, e dal vicepresidente del corso di laurea Franco Failli.

 

studenti pisa 13dic2019 bis

 

Si tratta di una delle numerose azioni che UNI - in sinergia con il mondo accademico - sta mettendo in atto per coinvolgere le nuove generazioni e fare accrescere la cultura della normazione tecnica. Il problema che si riscontra, infatti, è proprio la scarsa conoscenza delle norme e della normazione volontaria. Fa parte quindi di un percorso di avvicinamento alle scuole - in particolare agli istituti di istruzione superiore e universitaria – l’iniziativa messa in campo da UNI per far entrare a pieno titolo la normazione come materia di studio in modo che possa far parte a tutti gli effetti del patrimonio culturale del nostro Paese.

“Dobbiamo affiancare alla didattica tradizionale esperimenti di nuovo tipo che attingano a fonti finora mai sperimentate dal mondo universitario” spiega Franco Failli. “Una di queste è sicuramente quella che una volta si chiamava 'normazione tecnica' e che oggi viene correttamente indicata come normazione integrata, convenzionale e pattizia. Si tratta di una fonte importante di informazioni, di cultura aziendale e di vita. Noi vorremmo che i nostri ragazzi diventassero sempre più in grado di essere fruitori di questa conoscenza e al tempo stesso creatori di questa conoscenza”.

Per guardare i video realizzati nel corso della giornata:
>> vai alla playlist "Scuola e Università"

 


Nota: La Commissione Sicurezza della Società e del cittadino è stata istituita nel 2008 per interfacciare i primi Comitati tecnici CEN e ISO che si occupavano di sicurezza (ISO/TC 223 "Societal security", CEN/PC 199 “Supply chain security” e CEN/BT WG 161 "Protection and security of the citizen"). Oggi opera a pieno ritmo con una struttura articolata in cinque gruppi di lavoro che si occupano - tra l’altro - di organizzazione e gestione della sicurezza, di gestione del rischio, di protezione civile e di sicurezza delle spiagge. Attualmente la commissione interfaccia i lavori di quattro comitati tecnici europei e di cinque comitati tecnici internazionali.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.