Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.
Login

Qui di seguito trovate i progetti di prassi di riferimento in corso.

Trovate 25 prassi di riferimento:

Modello semplificato di organizzazione e gestione di cui al D.lgs. n. 231/2001 per la prevenzione della corruzione nelle PMI

Sommario: Lo scopo della Prassi di Riferimento è volta alla definizione degli elementi di contenuto di una linea guida che, in collegamento con quanto previsto anche dal Piano per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza della Provincia autonoma di Trento, definisca un modello di organizzazione e gestione ai sensi del D.lgs. 231/2001 idoneo a prevenire fenomeni di corruzione e di illegalità in coerenza con le finalità della L. 190/2012 e secondo quanto previsto dalla delibera ANAC n. 1134/2017.
Ambito di attività: Servizi; Sistemi di gestione
Proponente: Provincia autonoma di Trento
Descrizione: La Provincia Autonoma di Trento è una istituzione pubblica che ha siglato un Accordo di collaborazione con UNI finalizzato alla redazione e approvazione di una serie di Prassi di Riferimento (UNI/PdR) come misura di razionalizzazione e semplificazione dei controlli sulle imprese. L’obiettivo è promuovere lo sviluppo del sistema produttivo e la competitività delle imprese, assicurando la miglior tutela degli interessi pubblici: controlli semplificati in una prospettiva di maggiore efficacia ed efficienza, l'eliminazione delle attività di controllo non necessarie, la riduzione delle duplicazioni e sovrapposizioni che intralciano il normale esercizio delle attività dell'impresa.
Data avvio Tavolo di lavoro: 12/01/2021
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Linee guida alle misure per il contenimento del rischio di contagio da COVID-19 nello svolgimento di matrimoni

Sommario: La Prassi di Riferimento definisce delle linee guida - partendo dal processo di erogazione del servizio di wedding planning così come descritto nella già pubblicata UNI/PdR 61:2019 – che illustrano le misure da adottare nello svolgimento dei matrimoni e degli eventi ad essi collegati contenendo il rischio di contagio da COVID-19.
Ambito di attività: Servizi
Proponente: AIWP
Descrizione: AIWP (Associazione Italiana Wedding Planner) è un’associazione senza scopo di lucro che ha lo scopo di far conoscere il servizio di wedding planning e supportare la categoria emergente - nell’economia del turismo e della ricettività italiana - dei wedding planner.
Data avvio Tavolo di lavoro: 15/12/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Linee guida per valutare gli aspetti rilevanti della sostenibilità dei prodotti biobased

Sommario: Il documento si propone di elaborare delle linee guida per valutare gli aspetti più rilevanti della sostenibilità dei prodotti a base biologica (biobased) dal punto di vista del ciclo di vita - per benchmarking, eco-design e qualificazione della sostenibilità - anche in relazione al raggiungimento degli Obiettivi 2030 di Sviluppo Sostenibile ONU.
Ambito di attività: Ambiente; Prodotti e materiali
Proponente: Unitelma Sapienza; Technische Universtät Berlin
Descrizione: Unitelma Sapienza è un Ateneo privato legato alla più grande università d'Europa, Sapienza Università di Roma. L’attività di ricerca svolta presso Unitelma Sapienza si sviluppa in diversi laboratori e gruppi di ricerca. Tra questi, il Bioeconomy in Transition - Research Group (BiT-RG), la cui attività scientifica è articolata lungo tre tematiche riconducibili all’economia dell’ambiente e dell’innovazione. Nello specifico le tematiche sono bioeconomia, innovazione e crescita, economia circolare. Unitelma Sapienza (attraverso il BiT-RG) conduce attività di ricerca nel settore della bioeconomia, soprattutto attraverso la partecipazione a progetti di ricerca nazionali e internazionali. Technische Universtät Berlin (TUB) ha al proprio interno il dipartimento di Economia dell'innovazione, istituito nel 2006 in collaborazione con il Fraunhofer Institute for Systems and Innovation Research (ISI). Il dipartimento è attivo nello sviluppo e utilizzo di standard nazionali ed europei e offre corsi nel campo della standardizzazione strategica.
Data avvio Tavolo di lavoro: 18/12/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Linee guida per l’utilizzo responsabile della plastica

Sommario: La prassi di riferimento fornisce i requisiti minimi di un sistema di gestione finalizzato ad un utilizzo responsabile della plastica. Essa si applica alle organizzazioni di qualsiasi tipologia e dimensione, pubbliche o private, utilizzatrici finali di prodotti di plastica o contenenti plastica. Sono quindi escluse le organizzazioni che gestiscono il rifiuto plastico come attività principale e caratterizzante. La prassi di riferimento può essere utilizzata dalle organizzazioni secondo tre modalità: applicando il sistema di gestione per l'utilizzo responsabile della plastica, che può essere certificato da organismi di valutazione della conformità di terza parte (di seguito "organismi di certificazione") operanti secondo la UNI CEI EN ISO/IEC 17021; applicando il sistema di gestione come base per l’asserzione ambientale “Utilizzo responsabile della Plastica” se corredata da una dichiarazione esplicativa che chiarisca l’obiettivo raggiunto o che l’organizzazione intende raggiungere. L’asserzione ambientale può essere validata/verificata secondo la UNI EN ISO 14021 da un organismo di certificazione operante in conformità alla UNI CEI EN ISO/IEC 17021; applicando il sistema di gestione come base per l’asserzione ambientale “Utilizzo Responsabile della Plastica” se è anche conforme alla prassi di riferimento sulla sostenibilità e al programma previsto in Appendice alla presente prassi di riferimento; in tal caso l’asserzione può essere verificata/validata secondo la UNI ISO/TS 17033 da un organismo di certificazione operante in conformità alla UNI CEI EN ISO/IEC 17029.
Ambito di attività: Ambiente
Proponente: Bureau Veritas
Descrizione: Bureau Veritas è una organizzazione che opera a livello mondiale nei servizi di ispezione, verifica di conformità e certificazione. La missione è quella di fornire valore aggiunto ai propri clienti facendo in modo che un’efficace gestione dei loro sistemi e processi relativi alla qualità, all’ambiente, alla sicurezza, alla salute e alla responsabilità sociale gli permetta di prevenire i rischi e migliorare le prestazioni. Bureau Veritas ha richiesto di sviluppare una UNI/PdR raccogliendo il supporto il supporto delle seguenti organizzazioni: Assobioplastiche, Consorzio Italiano Compostatori, Comune di Milano, Comune di Torino, Novamont SpA, Pool Pack Srl.
Data avvio Tavolo di lavoro: 27/07/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: 04/01/2021
Data pubblicazione: -

Attività professionali non regolamentate: Profili professionali nell’ambito della sostenibilità- Parte 1 – Sustainability manager – Sustainability Practitioner – Requisiti di conoscenza, abilità e responsabilità e autonomia

Sommario: Il documento definisce i requisiti relativi all’attività professionale del Sustainability Manager e Sustainability Practitioner ossia del professionista che svolge attività di gestione a livello manageriale della sostenibilità in azienda e della responsabilità sociale d’impresa e professionista che sviluppa e gestisce a livello operativo la sostenibilità.
Ambito di attività: Servizi
Proponente: Intertek; CSR Manager Network; Confassociazioni
Descrizione: Il Gruppo Intertek fornisce servizi su misura di Assurance, Testing, Ispezioni e Certificazioni, adottando un approccio sistematico nell’aiutare i clienti ad ottenere attestazione di qualità in tutte le aree operative dei loro business, tra cui: Ricerca & Sviluppo, approvvigionamento di materie prime, fornitura di componentistica, produzione, trasporto, distribuzione e canali del retail, nonchè i rapporti con il consumatore finale. Il CSR Manager Network è l’associazione nazionale che raduna i professionisti che presso ogni tipo di organizzazione (imprese, fondazioni d’impresa, società professionali, P.A., enti non profit) si dedicano, full-time o part-time, alla gestione delle problematiche socio-ambientali e di sostenibilità connesse alle attività aziendali. CONFASSOCIAZIONI è l’espressione unitaria delle Federazioni, dei Coordinamenti, delle Associazioni, delle imprese, dei professionisti e delle persone che risiedono in Italia ed in Europa.
Data avvio Tavolo di lavoro: 10/09/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Linee guida per l’esecuzione delle attività di verifica funzionale e metrologica non legale dei misuratori/contatori utilizzati per il servizio di teleriscaldamento e teleraffrescamento

Sommario: Scopo del documento è di definire le modalità con cui i gestori delle reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento dovranno eseguire le verifiche funzionali e metrologiche non legali dei misuratori (o contatori) di energia termica in seguito a richieste dell'utente finale. Infatti, nel caso di dubbi sollevati dal consumatore circa il corretto funzionamento di tali apparecchi, le verifiche che verranno descritte da questo documento rappresentano il primo step per controllare la funzionalità dei misuratori, prima di eventuali verifiche metrologiche legali previste dalla legislazione in materia (Direttiva (UE) 2014/32 "MID").
Ambito di attività: Energia
Proponente: CTI - Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente
Descrizione: Il CTI è un Ente federato ad UNI che ha lo scopo di svolgere, in ambito nazionale ed internazionale, attività normativa e di unificazione nei vari settori della termotecnica e della produzione e utilizzazione di energia termica in generale, incluse le relative implicazioni ambientali.
Data avvio Tavolo di lavoro: 02/11/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Linee guida per l’esecuzione delle attività di ricerca delle dispersioni di fluido termovettore del servizio di teleriscaldamento e teleraffrescamento

Sommario: Scopo del documento è la definizione delle modalità con cui i gestori delle reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento dovranno eseguire la ricerca delle dispersioni di fluido termovettore lungo la rete di trasporto e di distribuzione dello stesso. L'autorità di regolazione ha definito alcuni requisiti di base, tra cui le tempistiche per controllare il 100% della rete, ma ha lasciato al tavolo costituito presso il CTI, il compito di individuare le modalità applicative in funzione delle tecnologie disponibili e delle prassi gestionali attuali.
Ambito di attività: Energia
Proponente: CTI - Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente
Descrizione: Il CTI è un Ente federato ad UNI che ha lo scopo di svolgere, in ambito nazionale ed internazionale, attività normativa e di unificazione nei vari settori della termotecnica e della produzione e utilizzazione di energia termica in generale, incluse le relative implicazioni ambientali.
Data avvio Tavolo di lavoro: 02/11/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Prodotti a km zero

Sommario: Scopo del documento è la definizione di una linea guida che possa rappresentare uno standard di riferimento per i prodotti a filiera corta: i cosiddetti Km zero.
Ambito di attività: Alimentare
Proponente: Provincia autonoma di Trento
Descrizione: La Provincia Autonoma di Trento è una istituzione pubblica che ha siglato un Accordo di collaborazione con UNI finalizzato alla redazione e approvazione di una serie di Prassi di Riferimento (UNI/PdR) come misura di razionalizzazione e semplificazione dei controlli sulle imprese. L’obiettivo è promuovere lo sviluppo del sistema produttivo e la competitività delle imprese, assicurando la miglior tutela degli interessi pubblici: controlli semplificati in una prospettiva di maggiore efficacia ed efficienza, l'eliminazione delle attività di controllo non necessarie, la riduzione delle duplicazioni e sovrapposizioni che intralciano il normale esercizio delle attività dell'impresa.
Data avvio Tavolo di lavoro: 03/11/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Linee guida relative alle misure per il contenimento del rischio di contagio da Covid-19 del comparto turistico – Imprese di noleggio autobus con conducente (autobus turistici)

Sommario: La UNI/PdR definisce delle linee guida sulle soluzioni da attuare nelle imprese turistiche di noleggio autobus con conducente per garantire la sicurezza dei lavoratori e dei consumatori, nella prevenzione del contagio da COVID-19. La prassi di riferimento si propone di rispondere alle esigenze di sicurezza e igiene dei luoghi di lavoro e alle esigenze di fruizione delle strutture e dei servizi da parte dei clienti/passeggeri, definendo requisiti in termini di organizzazione, ambienti, informazione e formazione del personale e comunicazione ai clienti/passeggeri.
Ambito di attività: Sicurezza
Proponente: ANAV
Descrizione: ANAV - Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori si è costituita nel 1944 e rappresenta in Confindustria la categoria delle imprese a capitale privato che esercitano i servizi di trasporto passeggeri con autobus impegnate nel trasporto pubblico locale, nelle autolinee interregionali e nel noleggio autobus con conducente.
Data avvio Tavolo di lavoro: 12/05/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: 06/11/2020
Data termine consultazione: 27/11/2020
Data pubblicazione: -

Linee guida relative alle misure per il contenimento del rischio di contagio da Covid-19 del comparto turistico

Sommario: La prassi di riferimento ha l’obiettivo di definire delle linee guida sulle soluzioni da attuare nel comparto turistico, per garantire la sicurezza dei lavoratori e dei consumatori, nella prevenzione del contagio da COVID-19. Il documento fornisce indicazioni che possono contribuire a ridurre il rischio del contagio e finalizzate all’erogazione del servizio in modo sicuro, sia per i lavoratori/fornitori che per i consumatori/clienti/fruitori/residenti nonché sostenibile per l’ambiente. La prassi di riferimento si propone di rispondere alle esigenze di sicurezza e igiene dei luoghi di lavoro e a quelle di fruizione delle strutture e dei servizi da parte dei clienti, definendo requisiti in termini di organizzazione delle strutture/servizi, di formazione degli addetti e, infine, di comunicazione ai clienti al fine di riconquistarne la fiducia.
Ambito di attività: Sicurezza
Proponente: Federturismo
Descrizione: Federturismo Confindustria è la Federazione Nazionale dell’Industria dei Viaggi e del Turismo del sistema Confindustria e rappresenta l’intera filiera produttiva dell’industria del turismo. Costituita nel maggio 1993 per iniziativa di 18 soci costituenti è stata riconosciuta come Federazione di settore dalla Giunta di Confindustria il 25 maggio 1995. Aderiscono alla Federazione 23 Associazioni di Categoria dell’industria turistica, 6 selezionate imprese di particolare rilievo nazionale (Soci Impresa) e numerose Associazioni Territoriali di Confindustria.
Data avvio Tavolo di lavoro: 12/05/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: 09/11/2020
Data termine consultazione: 27/11/2020
Data pubblicazione: -

Gestione della sicurezza delle trasferte del personale aziendale

Sommario: La prassi di riferimento è finalizzata alla definizione dei requisiti dei profili professionali per la gestione della sicurezza trasferte del personale aziendale, individuandone compiti e attività specifiche e relative conoscenze e abilità, e definendo gli indirizzi operativi per la valutazione della conformità.
Ambito di attività: Servizi
Proponente: Confindustria Emilia Area Centro
Descrizione: Confindustria Emilia Area Centro è l’associazione di imprese nata dal percorso di integrazione tra Unindustria Bologna, Unindustria Ferrara e Confindustria Modena. Costituita nel 2017, l’associazione sancisce la tutela delle imprese emiliane, piccole, medie e grandi, mettendo a disposizione l’eccellenza e la qualità dei servizi e della cultura d’impresa rispondendo alle esigenze del mercato globale in una prospettiva che guarda agli scenari competitivi del futuro. Confindustria Emilia riunisce oggi oltre 3.300 imprese delle province di Bologna, Ferrara e Modena, il 69% delle quali manifatturiere, organizzate in 20 filiere. Una comunità di imprese che occupa 167.000 collaboratori, genera 109 miliardi di euro di giro di affari e 64 miliardi di euro di export.
Data avvio Tavolo di lavoro: 04/11/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Manutenzione predittiva impianti di climatizzazione - Requisiti per la valutazione di conformità di terza parte

Sommario: La prassi di riferimento fornisce i requisiti specifici per la valutazione di conformità di parte terza rivolta alle figure professionali previste dalle Linee Guida per la definizione di protocolli tecnici di manutenzione predittiva per gli impianti di climatizzazione sancite dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano in data 5 ottobre 2006, n. 2636 in G.U. n. 256 del 03/11/2006
Ambito di attività: Manutenzione
Proponente: ICMQ
Descrizione: ICMQ è un organismo di certificazione fondato nel 1988 e attivo dal 1990. Ha operato dal 2001 quale organismo di certificazione e di ispezione accreditato da Accredia nel settore della certificazione dei prodotti e servizi per le costruzioni. È società il cui unico socio è ICMQ Istituto di certificazione e marchio qualità per prodotti e servizi nelle costruzioni, un’associazione senza fini di lucro con lo scopo di promuovere e diffondere la cultura della qualità e di controllare l’osservanza delle norme e delle prescrizioni, il rispetto delle regole e dei corretti comportamenti nella produzione industriale e nei servizi per le costruzioni e l’edilizia in genere. Tra i propri soci l’Istituto annovera associazioni nazionali di categoria di imprese e di produttori della filiera delle costruzioni (Aitec, Andil, Anpar, Assobeton, Atecap, Cagema, Conpaviper), i Ministeri dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente, delle Infrastrutture e Trasporti e del Lavoro e le grandi committenze (RFI, Enel).
Data avvio Tavolo di lavoro: 31/07/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: 19/11/2020
Data pubblicazione: -

Impresa 4.0 - Linee guida per la gestione dell’innovazione nelle PMI e nelle Reti di Imprese

Sommario: La Prassi di Riferimento si propone di indirizzare e supportare le piccole e medie imprese (PMI) nei processi di gestione dell’innovazione, valorizzando il modello delle Reti di Imprese. Il documento è sviluppato in modo coerente con le indicazioni del Manuale di OSLO 2018 in termini di innovazione e con contenuti della Legge 27 dicembre 2019, n. 160 “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022” (commi da 198 a 209) che prevede la ridefinizione della disciplina degli incentivi fiscali collegati al “Piano nazionale Impresa 4.0” ed il decreto attuativo del Piano Transizione 4.0 in cui la gestione dell'innovazione è trasversale agli obiettivi di innovazione digitale.
Ambito di attività: Gestione dell'innovazione
Proponente: ASSINRETE; CFI; USGM
Descrizione: ASSINRETE - Associazione Nazionale Professionisti Reti D’imprese - è iscritta negli elenchi del Ministero dello Sviluppo Economico tra le associazioni professionali che possono rilasciare attestazione di qualità dei servizi offerti dai propri associati. Lo scopo primario dell’associazione è la tutela e la valorizzazione delle professioni per le Reti d’Impresa e delle competenze ad esse associate. CFI - Cluster Nazionale Fabbrica Intelligente - è un'associazione che include imprese di grandi e medio-piccole dimensioni, università e centri di ricerca, associazioni imprenditoriali e altri stakeholder attivi nel settore del manufacturing avanzato. L’associazione è riconosciuta dal MIUR come propulsore della crescita economica sostenibile dei territori dell’intero sistema economico nazionale, favorendo l’innovazione e la specializzazione del sistema manifatturiero nazionale. USGM - Università degli Studi Guglielmo Marconi – è il primo ateneo italiano ufficialmente riconosciuto dal MIUR con D.M. 1 marzo 2004 ad aver attivato corsi in modalità e-learning e blended learning al fine di raggiungere i migliori risultati di apprendimento e di formazione umana e culturale per lo studente.
Data avvio Tavolo di lavoro: 23/10/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Attività e requisiti del babywearing educator

Sommario: La prassi di riferimento è finalizzata alla definizione dei requisiti di conoscenza, abilità, autonomia e responsabilità del profilo professionale di "babywearing educator", (o "consulente del portare", "consulente babywearing" e simili) individuando le attività che è chiamato a svolgere e le relative competenze, definite sulla base del Quadro europeo delle qualifiche (EQF).
Ambito di attività: Attività professionali non regolamentate
Proponente: Associazione Scuola del Portare
Descrizione: Associazione Scuola del Portare, nata nel 2015, è una realtà associativa che conta ad oggi oltre 350 Consulenti che operano in tutta Italia, isole comprese. Obiettivo della Scuola del Portare è quello di diffondere la pratica del babywearing e della genitorialità a contatto e sostenibile attraverso persone formate e qualificate. La Scuola del Portare è dotata di un Direttivo che lavora con l’obiettivo di migliorare sia la formazione continua dei Consulenti del Portare, degli operatori sanitari o del personale delle strutture richiedenti, sia sulle proposte rivolte ai genitori.
Data avvio Tavolo di lavoro: -
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Trasporto pubblico scolastico

Sommario: Lo scopo della Prassi di Riferimento è la elaborazione di un documento di applicazione volontaria riservato alle ditte di autotrasporto e loro consorzi, a sostegno dell'innalzamento dei livelli di qualità del servizio di trasporto in questo ambito.
Ambito di attività: Servizi
Proponente: Provincia autonoma di Trento
Descrizione: La Provincia Autonoma di Trento è una istituzione pubblica che ha siglato un Accordo di collaborazione con UNI finalizzato alla redazione e approvazione di una serie di Prassi di Riferimento (UNI/PdR) come misura di razionalizzazione e semplificazione dei controlli sulle imprese. L’obiettivo è promuovere lo sviluppo del sistema produttivo e la competitività delle imprese, assicurando la miglior tutela degli interessi pubblici: controlli semplificati in una prospettiva di maggiore efficacia ed efficienza, l'eliminazione delle attività di controllo non necessarie, la riduzione delle duplicazioni e sovrapposizioni che intralciano il normale esercizio delle attività dell'impresa.
Data avvio Tavolo di lavoro: 24/09/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Competenze dell’assistente tecnico zooiatrico

Sommario: La prassi di riferimento si propone di definire le conoscenze, abilità e responsabilità dell’assistente tecnico zooiatrico, operatore da impiegare nelle strutture veterinarie, allevamenti di animali da reddito e da compagnia, esercizi commerciali nei quali si trattano animali vivi e articoli per animali, in appoggio logistico e operativo. In tali contesti, la presenza di un operatore che possa dare suggerimenti che guidino la scelta dei clienti verso i prodotti più adeguati alle problematiche di ordine alimentare, igienico e comportamentale dell’animale, può essere di utile supporto.
Ambito di attività: Attività professionali
Proponente: A.S.T.A. e FICSS
Descrizione: ASTA è un ente senza scopo di lucro che dal 1994 si occupa della cura degli animali randagi. L'associazione è gestita da Medici Veterinari che vengono affiancati, nella loro attività quotidiana, dai Tecnici Veterinari, le cui mansioni sono state stabilite dall’Allegato del CCNL degli studi professionali. FICSS Professional è un'associazione professionale che nasce all'interno di FICSS, si muove nell'ambito delle responsabilità e delle competenze stabilite dalla Legge 14 gennaio 2013 n. 4, sulle nuove professioni non organizzate in ordini o collegi. Possono essere soci di FICSS Professional tutti i professionisti che operano nel settore della Cinofilia o del Pet a diverso titolo.
Data avvio Tavolo di lavoro: 15/09/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Servizi di formazione per l’uso professionale dei veicoli fuoristrada

Sommario: Il documento definisce i requisiti relativi al servizio di formazione per l’uso professionale dei veicoli fuoristrada, incluse le modalità di erogazione (per esempio contenuti, durata, articolazione didattica, ecc). Inoltre sviluppa e definisce i requisiti relativi alle competenze, in termini di conoscenza, abilità e responsabilità-autonomia, richieste agli istruttori incaricati di svolgere corsi di guida professionale in fuoristrada.
Ambito di attività: Servizi di formazione
Proponente: FIF Federazione Italiana Fuoristrada
Descrizione: FIF, costituita nel 1973, nel corso di oltre quarant’anni ha permesso l’evolversi del fuoristrada sportivo e turistico in Italia. Oggi FIF è una Federazione di club che superano le 200 unità e le attuali Delegazioni Regionali sono 17 sul territorio nazionale. Dal 2015 FIF ed ACI Sport hanno in essere una convenzione che ha per oggetto il rilancio e la crescita delle specialità sportive della guida in fuoristrada. Tra le operazioni già avviate, c’è quella che porterà al riconoscimento del CONI ai Club affiliati alla Federazione Italiana Fuoristrada come ASD accreditate, con una Licenza di Club 4X4 ACI.
Data avvio Tavolo di lavoro: 30/06/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Linee guida per le buone pratiche di fabbricazione nella produzione di integratori alimentari

Sommario: La prassi di riferimento sviluppa delle linee guida per le buone pratiche di fabbricazione nella produzione di integratori alimentari (come definiti dalla Direttiva 2002/46 recepita dal D.Lgs. 169/04). Vengono illustrati anche elementi di corretta pratica igienica in ambito aziendale e fornisce indicazioni sul processo di autocontrollo del processo produttivo, prendendo in esame le possibili fonti di contaminazione chimica e microbiologica.
Ambito di attività: Salute, alimentazione
Proponente: FederSalus
Descrizione: FederSalus - Associazione Nazionale Produttori e Distributori Prodotti Salutistici è un’associazione che rappresenta circa 220 aziende di produzione e commercializzazione di integratori alimentari e, per mandato statutario, promuove la qualità dei prodotti attraverso documenti di buone pratiche di fabbricazione, manuali di corretta prassi igienica, schede di qualità di ingredienti e di prodotti, ed altri atti di indirizzo e orientamento.
Data avvio Tavolo di lavoro: 19/05/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Asserzioni etiche di sostenibilità – Indirizzi applicativi alla UNI ISO/TS 17033:2020

Sommario: Il documento ha lo scopo di definire i requisiti per predisporre un’asserzione etica di sostenibilità di un prodotto, un servizio, un processo o un’organizzazione. Il processo di elaborazione dell’asserzione etica di sostenibilità comprende le tre dimensioni della sostenibilità, che sono: economico; sociale; ambientale. L’asserzione etica di sostenibilità permette di promuovere la domanda e l’offerta di quei prodotti, servizi, processi o organizzazioni, le cui caratteristiche possono stimolare un processo di miglioramento continuo verso la sostenibilità con il coinvolgimento degli stakeholder secondo il principio della materialità.
Ambito di attività: Valutazione della conformità
Proponente: ACCREDIA
Descrizione: ACCREDIA è l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal Governo Italiano, in applicazione del Regolamento europeo n. 765/2008, ad attestare la competenza, l’indipendenza e l’imparzialità degli organismi di certificazione, ispezione e verifica, e dei laboratori di prova e taratura. ACCREDIA è un’associazione riconosciuta che opera senza scopo di lucro, sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico.
Data avvio Tavolo di lavoro: 18/05/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: 29/09/2020
Data termine consultazione: 30/10/2020
Data pubblicazione: -

Tecnologia di realizzazione delle infrastrutture interrate a basso impatto ambientale - Sistemi ad aspirazione pneumatica

Sommario: La presente prassi di riferimento fornisce una descrizione delle pratiche di aspirazione pneumatica attuabili per le applicazioni in campo industriale e civile ed è destinata a tutti i soggetti che operano in questi settori, siano essi progettisti, enti di gestione, società multiutility o operatori e ha lo scopo di fornire indicazioni per una corretta scelta della tecnologia di “aspirazione pneumatica” più adeguata secondo le prestazioni raggiungibili, le caratteristiche ambientali, la geologia del sito, le condizioni tecniche e logistiche al contorno, con particolare riguardo alle implicazioni specifiche alla sicurezza, che la tecnologia ad “aspirazione” deve garantire. La “tecnologia di aspirazione pneumatica” o “aspirazione”, si applica alle attività di manutenzione relative ai sottoservizi interrati (luce, acqua, gas, telefonia, ecc.), alle manutenzioni di fognature e depuratori, al settore edile (risanamenti, restauri, infrastrutture, ecc.) agli interventi su impianti industriali e petrolchimici in esercizio.
Ambito di attività: Opere civili
Proponente: IATT; UNINDUSTRIA
Descrizione: IATT - Italian Association for Trenchless Technology è un’associazione la cui missione è quella di promuovere l’avanzamento delle conoscenze scientifiche e tecniche nel campo delle tecnologie non invasive del suolo a basso o nullo impatto ambientale, favorendo la diffusione presso Enti, Pubbliche Amministrazioni, Aziende di gestione delle reti di servizi, Università, Imprese, tecnici e ricercatori di tecnologie esecutive che consentono di effettuare installazione, manutenzione e sostituzione di servizi interrati con un limitato o nullo ricorso agli scavi a cielo aperto per ridurre in modo significativo i costi ambientali e sociali causati dai lavori di scavo per la posa e la manutenzione dei sotto-servizi. UNINDUSTRIA è l’Unione degli Industriali e delle Imprese di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, la più grande associazione imprenditoriale del sistema Confindustria per estensione territoriale e la seconda per numero di soci, circa 3.600 imprese per un totale di circa 250.000 dipendenti. Promuove e favorisce lo sviluppo di attività imprenditoriali, anche tramite forme di collaborazione con istituzioni, e da diversi anni è impegnata nel favorire interventi di tipo regolatorio e progetti sperimentali per la realizzazione di infrastrutture di rete digitali, in particolare nelle principali aree urbane e nei siti di interesse produttivo.
Data avvio Tavolo di lavoro: 30/03/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: 08/07/2020
Data termine consultazione: 31/08/2020
Data pubblicazione: -

Tecnologia di realizzazione delle infrastrutture interrate a basso impatto ambientale - Metodologie di posa fibra ottica nelle infrastrutture esistenti di gestori e operatori

Sommario: La presente prassi di riferimento descrive le modalità impiegate per consentire l’accesso alle infrastrutture di rete esistenti sul territorio, attraverso la loro descrizione e le tecniche per utilizzarle, affinché gli operatori e i progettisti possano effettuare la posa della fibra ottica nelle reti dei sottoservizi esistenti (gasdotti, acquedotti, telecomunicazioni, energia, fognature, ecc.) con un limitato o nullo ricorso agli scavi a cielo aperto. Ai fini del presente documento le infrastrutture di utilities e operatori vengono raggruppate nelle seguenti tipologie di rete a seconda del servizio che queste erogano: − telecomunicazione; − infrastrutture asservite (o in accompagnamento): approvvigionamento idrico, gas, teleriscaldamento, ecc.; − elettriche e illuminazione esterna; − smaltimento delle acque; − ferroviarie (elettriche, cunicoli e gallerie); − gas e oleodotti (dismessi o asserviti); − ad uso promiscuo; − interne a edifici (tratta in ingresso dall’ambito pubblico all’ambito privato). Ogni tipologia rappresenta un modello di infrastruttura il cui utilizzo per la posa di fibra ottica può essere affrontato con differenti soluzioni tecnologiche, caratterizzate tutte dal limitatissimo impatto ambientale e, per tale motivo, può costituire l’opportunità di velocizzare il provisioning delle reti.
Ambito di attività: Opere civili
Proponente: IATT; UNINDUSTRIA
Descrizione: IATT - Italian Association for Trenchless Technology è un’associazione la cui missione è quella di promuovere l’avanzamento delle conoscenze scientifiche e tecniche nel campo delle tecnologie non invasive del suolo a basso o nullo impatto ambientale, favorendo la diffusione presso Enti, Pubbliche Amministrazioni, Aziende di gestione delle reti di servizi, Università, Imprese, tecnici e ricercatori di tecnologie esecutive che consentono di effettuare installazione, manutenzione e sostituzione di servizi interrati con un limitato o nullo ricorso agli scavi a cielo aperto per ridurre in modo significativo i costi ambientali e sociali causati dai lavori di scavo per la posa e la manutenzione dei sotto-servizi. UNINDUSTRIA è l’Unione degli Industriali e delle Imprese di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, la più grande associazione imprenditoriale del sistema Confindustria per estensione territoriale e la seconda per numero di soci, circa 3.600 imprese per un totale di circa 250.000 dipendenti. Promuove e favorisce lo sviluppo di attività imprenditoriali, anche tramite forme di collaborazione con istituzioni, e da diversi anni è impegnata nel favorire interventi di tipo regolatorio e progetti sperimentali per la realizzazione di infrastrutture di rete digitali, in particolare nelle principali aree urbane e nei siti di interesse produttivo.
Data avvio Tavolo di lavoro: 30/03/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: 06/07/2020
Data termine consultazione: 31/08/2020
Data pubblicazione: -

Welfare aziendale – Requisiti per la progettazione, la realizzazione e valutazione di progetti di welfare aziendale e requisiti di competenza del welfare manager

Sommario: Il documento definisce: −i requisiti per la progettazione, la realizzazione e la valutazione di progetti di welfare aziendale; −i requisiti del welfare manager in termini di compiti, conoscenze, abilità, responsabilità e autonomia; −le raccomandazioni per l’attività di verifica di prima e di terza parte. Il presente documento può essere utilizzato per qualificare fornitori (interni ed esterni all’organizzazione) di progetti di welfare aziendale e per la verifica indipendente (certificazione o attestazione dei progetti). La prassi può essere applicata ad ogni organizzazione, sia privata sia pubblica, e a unità locali italiane di organizzazioni estere. Il documento fornisce una serie di indicazioni per attività di autovalutazione del soggetto che eroga il servizio e valutazione di conformità di parte terza (certificazione) dei requisiti del servizio.
Ambito di attività: Servizi
Proponente: eQwa
Descrizione: eQwa è un’impresa sociale che nasce per diffondere e sviluppare riflessioni, studi e comportamenti orientati alla persona nella sua interezza, per supportarne il benessere attraverso sistemi e strumenti di welfare, e contribuire così alla riduzione delle diseguaglianze economiche e sociali. eQwa persegue politiche e azioni basate sulla qualità, sul “fare le cose per bene”; fa riferimento a metodi scientifici e norme di qualità, terze, condivise e democratiche. eQwa è orientata al futuro ed alla sostenibilità e promuove attività inserite nei modelli e nei pensieri di welfare, volte a dare benessere, progettualità e stabilità futura alle famiglie, ai cittadini, ai lavoratori. Fanno parte di questa impresa sociale organizzazioni che rappresentano interessi collettivi, in particolare: eQwa S.r.l. - Impresa sociale, Laboratorio di Statistica applicata alle decisioni economico aziendali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Progetica S.r.l., Audit in Italy S.r.l., Assimoco S.p.a., Movimento Consumatori Lombardia e Gruppo Cooperativo CGM.
Data avvio Tavolo di lavoro: 21/02/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: 09/09/2020
Data termine consultazione: 09/12/2020
Data pubblicazione: -

Linee guida per la manutenzione e i controlli su parti di impianto in sito o in cantiere delle organizzazioni ai fini della prevenzione dei danni ambientali

Sommario: La Prassi di riferimento ha l’obiettivo di definire delle linee guida sui criteri tecnici per un’efficace prevenzione dei danni all’ambiente, tutela delle risorse naturali e protezione della salute delle persone. Il documento si rivolge in particolare a tutte le tipologie di organizzazioni che svolgono la propria attività in un sito o in un cantiere (impianti produttivi, depositi, magazzini, centri logistici, cantieri edili) e nello specifico ambito delle manutenzioni e dei controlli da effettuare su quelle parti di impianto che potenzialmente possono diventare sorgente di danno all’ambiente, causando deterioramento di risorse come acque, terreno, specie animali e habitat naturali protetti, o alle persone che convivono con falde, fiumi, acque costiere, terreni contaminati. Sono escluse le organizzazioni che svolgono l’ attività presso impianti di terzi quali le imprese di manutenzione e le discariche.
Ambito di attività: Ambiente
Proponente: Pool Ambiente
Descrizione: Pool Ambiente è il consorzio di Coriassicurazione fondato su impulso di ANIA e Confindustria nel 1979 per rispondere all’esigenza delle imprese di avere coperture assicurative adeguate per i danni all’ambiente. Il Pool è costituito da 22 compagnie di Assicurazione e Riassicurazione (Amissima, Assimoco, Axa MPS Danni, Axa Assicurazioni, BCC, Generali Italia, Groupama, Hannover RE, HDI Assicurazioni, Helvetia, Italiana, Itas Mutua, Le Assicurazioni Di Roma, Munich Re, New Re, Sara Assicurazioni, Scor Italia, Società Cattolica, Società Reale Mutua, Swiss Re Europe, UnipolSai, Vittoria) ed è un organo di consultazione informale di ANIA e ISPRA. Pool Ambiente, inoltre, partecipa regolarmente ad incontri della DG Environment della Commissione Europea come esperto nazionale sui temi ambientali.
Data avvio Tavolo di lavoro: 19/02/2020
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: -
Data pubblicazione: -

Linee guida per il calcolo, la riduzione e la compensazione delle emissioni di gas serra di organizzazioni e prodotti, e requisiti per i progetti di generazione di crediti di carbonio

Sommario: La prassi di riferimento definisce i requisiti e le linee guida per compensare (calcolare e ridurre) le emissioni di gas serra, sia a livello di organizzazione che a livello di prodotto (bene o servizio), e individua i requisiti per la generazione di crediti di carbonio nel mercato volontario
Ambito di attività: Ambiente
Proponente: BIOS
Descrizione: BIOS è un organismo di controllo e certificazione del metodo di produzione biologico ai sensi del Reg. CE 834/2007 e del Reg. CE 889/2008, autorizzato per l’Italia dal Ministero delle Politiche agricole, forestali e del Turismo (MiPAAFT) nel 1999 e rinnovato con DM 17893 del 10/12/2018. Bios opera ai sensi della norma UNI CEI EN ISO IEC 17065:2012 con accreditamento n. 056B ricevuto da Accredia. Parallelamente all’attività di certificazione, BIOS fornisce servizi di certificazione volontaria in diversi ambiti tra cui quello del disciplinare proprietario βNeutral.
Data avvio Tavolo di lavoro: 22/11/2019
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: 08/12/2020
Data pubblicazione: -

Amministrazione, Finanza e Controllo – Attività e requisiti dei profili professionali responsabili dell’area amministrazione, finanza e controllo e indirizzi operativi per la valutazione di conformità

Sommario: Il documento definisce i processi supervisionati e coordinati dai soggetti responsabili delle aree amministrazione, finanza e controllo (Responsabile AFC/CFO), le loro attività distintive e quelle degli altri profili professionali correlati, individuandone le relative conoscenze, abilità e responsabilità-autonomia, definite sulla base del Quadro europeo delle qualifiche (EQF).
Ambito di attività: Servizi
Proponente: ANDAF - Associazione Nazionale dei Direttori Amministrativi e Finanziari
Descrizione: ANDAF è una associazione senza scopo di lucro e si propone di contribuire, tramite iniziative nazionali e internazionali, alla formazione e crescita professionale degli aderenti e di farsi portavoce delle esperienze maturate e delle esigenze dei Soci anche nelle sedi istituzionali. Opera in Italia mediante una struttura centrale e 12 sezioni locali. Fa parte di IAFEI - International Association of Financial Executives Institutes (IAFEI), la Federazione mondiale che riunisce 21 Paesi membri per un totale di oltre 25 mila aderenti e di cui ANDAF è socio fondatore.
Data avvio Tavolo di lavoro: 19/10/2018
Data approvazione Tavolo di lavoro: -
Data termine consultazione: 31/01/2021
Data pubblicazione: -

 

Per informazioni contattare:
Divisione Innovazione
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.