Stampa 

Un nuovo lavoro normativo viene avviato quando dal mercato, dalle istituzioni, dai consumatori o dagli stessi organi tecnici UNI emerge l'esigenza di avere un riferimento certo e condiviso.

UNI elabora uno studio di fattibilità, per evitare che la norma venga scritta per l’esigenza di una singola azienda o che risponda a una logica di cartello. Solo se il risultato è positivo, assegna i lavori all'organo tecnico competente o ne crea uno nuovo.
In questa fase si esaminano:

  1. i benefici che la nuova norma apporterebbe al mercato
  2. le condizioni economiche, sociali o politiche del suo inserimento nel mercato, per individuare le parti interessate da convocare
  3. le competenze cui ricorrere per l'attività di ricerca
  4. le risorse necessarie per tutta l'attività
  5. le criticità che si potrebbero incontrare
  6. la legislazione da osservare o da integrare
  7. le specifiche tecniche alle quali correlare l'attività.

Questa prima analisi si svolge già nella più piena trasparenza attraverso l'inchiesta pubblica preliminare: UNI comunica i riferimenti generali del progetto di norma ai portatori di interesse e li mette a disposizione online per dar loro e al pubblico la possibilità di inviare commenti e manifestare interesse a partecipare ai lavori.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.