Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.
Login

serraturaLa serratura di alta sicurezza, elettronica o meccanica, deve poter resistere ai tentativi di apertura condotti nei modi più diversi: fraudolenti come la manipolazione tramite grimaldelli oppure a forzatura, tendenti a distruggere la serratura stessa.

I lavori per la realizzazione di una norma sulle serrature di alta sicurezza - iniziati tempo fa con l’istituzione a livello europeo del comitato CEN/TC 263 “Secure storage of cash, valuables and data media” WG3 “Safe locks” e seguiti a livello nazionale dalla commissione Sicurezza, hanno portato alla pubblicazione, nel luglio 2011, della nuova edizione della norma UNI EN 1300 “Mezzi di custodia - Classificazione delle serrature di altasicurezza in base alla loro resistenza ad una apertura non autorizzata“ .
La norma specifica i requisiti e i metodi di prova delle serrature di alta sicurezza (HSL - high security locks) con riferimento ad affidabilità, resistenza allo scasso e apertura non autorizzata. Fornisce anche uno schema di classificazione delle HSL in base alla loro resistenza all’effrazione valutata e all’apertura non autorizzata.

La UNI EN 1300 definisce una serratura di alta sicurezza come un assieme, solitamente montato su un mezzo forte (cassaforte), che ne consente l’apertura immettendo il corretto codice di apertura. Per le serrature meccaniche il codice è rappresentato dalla mappatura della chiave (numero e altezze dei denti).

Tra i requisiti di sicurezza delle serrature, troviamo i codici utilizzabili, la resistenza alla manipolazione e all’effrazione distruttiva, la resistenza elettrica ed elettromagnetica, la resistenza a fattori fisici e ambientali, alla temperatura.

Ogni HSL dovrà riportare la marcatura, leggibile e permanente, in una posizione visibile anche quando assemblata al mezzo di custodia. Le informazioni riportate sulla marcatura del prodotto dovranno comprendere l’identificazione del fabbricante, il numero del modello, l’anno di fabbricazione e la classificazione, il numero della norma europea.

Altre norme sull’argomento sono in preparazione. I documenti già pubblicati:

  • UNI EN 1047-1 “Mezzi di custodia - Classificazione e metodi di prova per la resistenza al fuoco - Parte 1: Armadi di sicurezza per dati e contenitori per dischetti”
  • UNI EN 1047-2 “Mezzi di custodia - Classificazione e metodi di prova per la resistenza al fuoco - Parte 2: Camere e contenitori per dati”
  • UNI EN 1143-1 “Mezzi di custodia - Requisiti, classificazione e metodi di prova per la resistenza all'effrazione - Parte 1: Casseforti, casseforti per ATM, porte per camere corazzate e camere corazzate”
  • UNI EN 1143-2 “Mezzi di custodia - Requisiti, classificazione e metodi di prova per la resistenza all'effrazione - Parte 2: Sistemi di deposito”
  • UNI EN 14450 “Mezzi di custodia - Requisiti, classificazione e metodi di prova per la resistenza all'effrazione - Casseforti per uso privato”
  • UNI EN 15659 “Mezzi di custodia - Classificazione e metodi di prova per la resistenza al fuoco - Armadi ignifughi leggeri”

Ulteriori dettagli relativi alla nuova edizione della norma UNI EN 11300 sono contenuti in un articolo che verrà pubblicato sulla rivista U&C-Unificazione e Certificazione.

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Diffusione UNI
tel. 0270024200, fax 025515256
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.