Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU
UN MONDO FATTO BENE.
Login

Il 16 novembre 2010 la Dieta mediterranea è stata riconosciuta dall’UNESCO patrimonio immateriale dell’umanità. Dieci anni in cui è cresciuta la consapevolezza della sua importanza per la qualità della vita.

dieta med 1000

Ha solo 10 anni ma la conoscono tutti. E tutti la considerano dispensatrice di benessere, elisir di lunga vita, strumento per mantenere ricordi e tradizioni, stimolo di convivialità.
Parliamo della Dieta mediterranea, che a Nairobi (Kenya) il 16 novembre 2010 è stata riconosciuta dall’UNESCO quale patrimonio immateriale dell’umanità.

frase dietamedIl suo potere “evocativo” è indubbio, tanto che il solo citarla ha la capacità di aumentare il numero di followers o far crescere i “like” a post che troppo spesso si fermano alla dimensione dello slogan; ma al di là della sua larga popolarità non sono certo i like e le condivisioni che possono farla crescere o contribuire a promuovere uno stile di vita sano, all’insegna della sostenibilità.
Per farla crescere e dispiegarne le sue enormi potenzialità è sufficiente… la sua reale adozione!

Ed è proprio in questa direzione che l’Osservatorio per la Dieta Mediterranea promuove la prassi di riferimento UNI/PdR 25 (“Dieta Mediterranea patrimonio immateriale UNESCO - Linee guida per la promozione di uno stile di vita e di una cultura favorevole allo sviluppo sostenibile”), che rappresenta il percorso più idoneo per procedere ad una prima valorizzazione e definizione dei principi fondanti della Dieta Mediterranea e delle modalità per una sua capillare adozione.
La Prassi rappresenta infatti lo strumento ideale attraverso cui l’immaterialità dichiarata dall’Unesco diventi materialità e si avvii un nuovo processo di sviluppo sostenibile e duraturo migliorando la salute e la qualità della vita delle generazioni presenti e future.

Si tratta – concretamente - di avviare un processo di transizione nutrizionale verso il modello alimentare sostenibile per antonomasia, riconosciuto a livello mondiale come il migliore fra 41 paesi al mondo (la Dieta mediterranea si è infatti confermata come la miglior dieta dalla U.S. News & World Report annual rankings).
Questa transizione nutrizionale è un passaggio ormai inderogabile e rappresenta la condizione essenziale affinché nella società cresca la consapevolezza che nutrirsi con intelligenza è la prima fonte di salute e di benessere e contribuisce a migliorare la qualità della vita: un viatico, non uno slogan.
Parafrasando François de La Rochefoucauld si può dire che mangiare è una necessità, ma mangiare intelligentemente è un’arte.

Auguri quindi alla Dieta Mediterranea, a 10 anni esatti dal riconoscimento UNESCO come patrimonio immateriale dell’umanità!

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.