Stampa 

tourismGli arrivi turistici nel mondo hanno raggiunto nel 2018 la cifra di 4,1 miliardi. Osservando le tendenze attuali, le prospettive economiche e l’UNWTO Confidence Index, per il 2019 si prevede una crescita degli arrivi internazionali che va dal 3 al 4%. Il turismo rappresenta uno dei settori economici in rapida crescita a livello globale: nelle esportazioni si posiziona al terzo posto dopo i prodotti chimici e i combustibili e prima dell’industria automobilistica. Senza contare che in molti paesi in via di sviluppo il turismo rappresenta una vera - spesso unica - risorsa.

Per una visione strategica, il nostro Paese deve puntare al rafforzamento competitivo, a un’offerta turistica sostenibile e accessibile, alla valorizzazione del patrimonio ambientale ed artistico, alla valorizzazione delle biodiversità e delle tradizioni. Il viaggio è esperienza emozionale ma anche passaparola.

Il turismo è dunque un fattore chiave per il progresso socio-economico, è diventato uno dei principali attori nel commercio internazionale, rappresenta una delle principali fonti di reddito per molti paesi in via di sviluppo e ha prodotto benefici economici e occupazionali in molti settori correlati, da quello delle costruzioni all’agricoltura o le telecomunicazioni.

I lati positivi? Un settore turistico ben progettato e gestito può aiutare a preservare il patrimonio naturale e cu lturale da cui dipende, vengono potenziate le comunità ospitanti, genera opportunità commerciali e favorisce la pace e la comprensione interculturale.
Ma esiste anche un lato negativo. Il crescente numero di persone che viaggiano ogni anno a livello nazionale e internazionale produce pressioni in termini di emissioni di gas serra, di gestione delle risorse e di impatto sulle comunità locali e i beni culturali.

campaign-tourismL’ISO lancia una campagna globale - #travelstandards - che si concentra sul tema “International Standards and Travel”. Dal 10 luglio al 9 agosto 2019 la campagna intende sensibilizzare la comunità internazionale sull’importanza delle norme dedicate all’industria del turismo, ai visitatori e agli ospiti. Il fine è quello di mitigare i rischi e dare forza a un impatto sostenibile a livello economico, ambientale e socio-culturale, stabilendo un equilibrio tra queste dimensioni e garantire la sostenibilità a lungo termine.

La campagna prende la prospettiva di un viaggiatore moderno, e si concentra su 3 aree chiave: sostenibilità, accessibilità, sicurezza.

Il turismo si collega anche agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, la nuova roadmap volta a migliorare la vita delle persone entro il 2030. In questo ambito, le norme rappresentano uno strumento a supporto degli obiettivi SDG 8 Lavoro dignitoso e crescita economica, SDG 12 Consumo e produzione responsabili e SDG 17 Partnership per gli obiettivi.

tourism campaign1Le norme internazionali coprono diversi aspetti del turismo e servizi correlati.
Un panorama: in tema di accessibilità è in fase di sviluppo l’ISO/CD 21902 che riguarda il turismo accessibile a tutti.
Per il settore alberghiero è stata pubblicata la ISO 21401:2018 relativa ai requisiti di un sistema di gestione della sostenibilità per le strutture ricettive, mentre sono in elaborazione l’ISO/DIS 22483 “Accommodation: Hotels - Service requirements” e l’ISO/AWI 21620 “Heritage Hotels”.
Operatori e servizi turistici: adottata come UNI ISO 13009:2018 la norma internazionale sui requisiti e raccomandazioni per le attività in spiaggia. Una serie di norme si applicano al turismo d’avventura: competenza del personale (ISO/TR 21102:2013), informazione ai partecipanti (ISO 21103:2014), buone pratiche per la sostenibilità (ISO 20611:2018), requisiti per un sistema di gestione della sicurezza (ISO 21101:2014), servizi nel turismo industriale (ISO 13810:2015). Altre norme riguardano i servizi di immersione: programmi di allenamento, escursioni di snorkeling, pratiche sostenibili.
Stabiliscono i requisiti del servizio del ramo turistico dedicato al benessere le norme ISO 21426:2018 (centri medico-termali), ISO 17679:2016 (centri benessere) e ISO 17680:2015 (talassoterapia). È in fase di elaborazione l’ISO/CD 22525 “Medical Tourism - Services requirements”.
In ambito conservativo dal punto di vista naturalistico la ISO 18065:2015 riguarda i servizi turistici forniti da Autorità delle aree naturali protette. E ancora: la ISO 14785:2014 specifica i requisiti del servizio di informazione e di reception degli uffici di informazione turistica.

Il Gruppo di lavoro GL 22 "Turismo" della Commissione Servizi segue i lavori di normazione a livello nazionale. Ecco alcuni esempi di norme o documenti normativi disponibili:

Esistono poi molte norme che consentono ai viaggiatori di partire: riguardano i requisiti per i passaporti, la biometrica, i codici dei Paesi, i simboli grafici, la sicurezza degli aeroporti, gli aerei…

 Per saperne di più:
>> brochure UNWTO Tourism Highlights, 2018 Edition
>> brochure Tourism for Development. 20 Reasons Sustainable Tourism Counts for Development

 


“una cartolina da”… e viaggia con le norme!
Sarà parte della Campagna ISO un’iniziativa originale e divertente dove un viaggiatore immaginario si sposterà di Paese in Paese, visiterà qualcuno di voi e invierà una o più cartoline con il fine di raccontare le norme internazionali in relazione alle attività turistiche. ’idea? Ognuno di noi, in qualità di ospite, potrà twittare la cartolina digitale (un file immagine). ISO la ritwitterà a tutti i follower!


 

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.