Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

sustainable citiesInteressano la Commissione Responsabilità sociale delle organizzazioni 13 progetti di norma, adozioni di documenti internazionali ISO, entrati nella fase dell’inchiesta preliminare.
Fino al 19 giugno 2019 sarà possibile inviare commenti dalle apposite pagine del sito web (>> vai alla banca dati). Gli interessati possono inoltre segnalare all'UNI il proprio interesse a partecipare ai lavori di normazione su questi temi.

UNI1606395 “Gestione delle risorse umane - Linee guida per la rendicontazione interna ed esterna del capitale umano” (adozione ISO 30414:2018) vuole rendere trasparente il contributo del capitale umano (HRC) all'organizzazione e supportare la sostenibilità della forza lavoro. È applicabile a tutte le organizzazioni, indipendentemente dal tipo, dimensione, natura o complessità del business, sia nel settore pubblico, privato o del volontariato. Il progetto fornisce linee guida aree chiave in ambito HCR. Qualche esempio? Conformità ed etica, costi, diversità, leadership, cultura organizzativa, salute, sicurezza e benessere organizzativo, produttività...

6 progetti riguardano città e comunità sostenibili: adottano le norme ISO 37100:2016, ISO 37101:2016, ISO 37104:2019, ISO 37106:2018, ISO 37120:2018 e ISO/TR 37121:2017 elaborate dall'ISO/TC 268 “Sustainable cities and communities”. Sono norme potenzialmente utili al mercato nazionale che favoriscono lo sviluppo sostenibile nelle città e comunità, aiutandole a diventare più resilienti e intelligenti per supportare la gestione dei risultati ambientali, economici e sociali.
UNI1606396 “Città e comunità sostenibili - Vocabolario” definisce i termini relativi allo sviluppo sostenibile nelle comunità, nelle infrastrutture per comunità intelligenti e argomenti correlati.
UNI1606397 “Città e comunità sostenibili - Sistema di gestione per lo sviluppo sostenibile - Requisiti con la guida per l’utilizzo” utilizza un approccio olistico per garantire coerenza con le politiche di sviluppo sostenibile. Il prpogetto intende aiutare le comunità a diventare più resilienti, intelligenti e sostenibili, attraverso l’attuazione di strategie, programmi, progetti, piani e servizi e dimostrare e comunicare i loro risultati.
UNI1606398 “Città e comunità sostenibili - Trasformare le nostre città - Linee guida per l'attuazione pratica a livello locale della norma ISO 37101” indica come implementare e mantenere un sistema di gestione per lo sviluppo sostenibile basato sui principi della ISO 37101, in particolare nel contesto delle città, ma applicabile ad altre forme di insediamento. Aiuta a diventare più sostenibili, attraverso l'implementazione a livello comunale di strategie, programmi, progetti, piani e servizi. Fornisce anche una piattaforma per aiutare a dimostrare e comunicare il l'impegno, i progressi e i risultati.
UNI1606399 “Città e comunità sostenibili - Guida per stabilire modelli operativi di città intelligenti per comunità sostenibili” fornisce una guida ai leader delle città e comunità intelligenti (dal settore pubblico, privato e volontariato) per sviluppare un modello operativo aperto, collaborativo, incentrato sui cittadini e abilitato al digitale, che metta in pratica la visione di un futuro sostenibile. Il documento non descrive un modello unico per il futuro delle città. L'attenzione è focalizzata sui processi di abilitazione attraverso i quali l'uso innovativo della tecnologia e dei dati, unito al cambiamento organizzativo, può aiutare ogni città a realizzare la propria visione specifica per un futuro sostenibile in modi più efficienti, efficaci e agili.
UNI1606400 “Città e comunità sostenibili - Indicatori per i servizi urbani e la qualità di vita” definisce e stabilisce metodologie per un insieme di indicatori per orientare e misurare la prestazione dei servizi urbani e la qualità di vita.
UNI1606401 “Sviluppo sostenibile nelle comunità - Inventario delle linee guida e degli approcci esistenti in materia di sviluppo sostenibile e resilienza nelle città”, fornisce un inventario delle linee guida e degli approcci esistenti in materia di sviluppo sostenibile e resilienza nelle città. Si concentra sulla resilienza, intesa come la capacità di una città, sistema, comunità, governo locale o società esposta ai pericoli di resistere, assorbire, accogliere e riprendersi dagli effetti di un pericolo in modo tempestivo ed efficiente, anche attraverso la conservazione e il ripristino delle sue strutture e funzioni di base essenziali.

Gli altri progetti riguardano le infrastrutture delle comunità intelligenti: adottano le norme ISO/TR 37150:2014, ISO/TS 37151:2015, ISO/TR 37152:2016, ISO 37153:2017, ISO 37154:2017 e ISO 37157:2018, sempre elaborate dall’ISO/TC 268.
UNI1606402 “Infrastrutture della comunità intelligente - Riesame delle attività esistenti rilevanti per le metriche” propone una revisione delle attività esistenti. Il concetto di intelligenza viene affrontato in termini di prestazioni relative a soluzioni tecnologicamente implementabili, in accordo con lo sviluppo sostenibile e la resilienza delle comunità. Riguarda le infrastrutture della comunità come l'energia, l'acqua, i trasporti, i rifiuti e le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT).
UNI1606403 “Infrastrutture della comunità intelligente - Principi e requisiti per la misurazione delle prestazioni” fornisce i requisiti per definire, identificare, ottimizzare e armonizzare le metriche delle prestazioni dell'infrastruttura e le raccomandazioni per l'analisi, tra cui: intelligenza, interoperabilità, sinergia, resilienza, sicurezza garanzia di infrastrutture comunitarie.
UNI1606404 “Infrastrutture delle comunità intelligenti - Quadro di riferimento comune per lo sviluppo e il funzionamento” delinea il concetto di base di un quadro comune per lo sviluppo e la gestione di infrastrutture comunitarie intelligenti. Il quadro descrive la metodologia di pianificazione, sviluppo, gestione e manutenzione per facilitare l'armonizzazione di ogni infrastruttura come parte di una comunità intelligente e garantisce che le interazioni tra più infrastrutture siano ben orchestrate. È applicabile a tutti i processi del ciclo di vita delle infrastrutture di comunità intelligente (dalla progettazione concettuale alla pianificazione, allo sviluppo, al funzionamento, alla manutenzione, alla riqualificazione e al feedback).
UNI1606405 “Infrastrutture delle comunità intelligenti - Modello di maturità per la valutazione e il miglioramento” fornisce le basi, i requisiti e una guida per un modello di maturità per valutare le prestazioni tecniche, i processi e l’interoperabilità delle infrastrutture comunitarie, il contributo alla comunità e una guida per i miglioramenti futuri.
UNI1606406 “Infrastrutture delle comunità intelligenti - Linee guida sulle migliori pratiche per il trasporto” rappresenta una guida per pianificare, progettare, sviluppare, organizzare, monitorare, manutenere e migliorare i sistemi e le infrastrutture di trasporto intelligenti. Può aiutare a promuovere soluzioni per le questioni interne ed esterne alla città che hanno un impatto sulla qualità della vita, sull'ambiente o su qualsiasi altra area delle prestazioni della città. Si applica alle infrastrutture di trasporto utilizzate per la movimentazione di persone, merci o altre merci, compresi gli oggetti trasportati per la consegna. La norma è destinata all'uso da parte di urbanisti e altri decisori comunitari, funzionari governativi, assicuratori, organizzazioni di investimento e di finanziamento, operatori di trasporto e fornitori di servizi e produttori di attrezzature di trasporto. È destinata ad essere utilizzata da coloro che sono coinvolti nelle decisioni sulle modalità di trasporto per soddisfare gli obiettivi di accessibilità economica, convenienza, basso impatto ambientale e affidabilità, soddisfacendo al contempo le esigenze di un gruppo eterogeneo di soggetti interessati, tra cui residenti in città, visitatori, autorità governative, operatori dei trasporti. Affronta il tema del trasporto intelligente considerando i fattori che caratterizzano le comunità, come la popolazione, la demografia, i luoghi, la cultura locale e la storia.
UNI1606407 “Infrastrutture delle comunità intelligenti - Trasporto intelligente per città compatte” aiuta a pianificare o organizzare il trasporto intelligente e si applica alle città che devono affrontare un calo della popolazione. Il trasporto intelligente può contrastare la perdita di popolazione come mezzo per attirare di nuovo la gente in città.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.