Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Sono quasi arrivati al traguardo 5 progetti di norma entrati il 3 aprile in inchiesta pubblica finale, fase fondamentale del processo di elaborazione delle norme.

La Commissione UNI/CT 040 Servizi presenta 2 progetti in tema di attività professionali non regolamentate.
UNI1601752 definisce i requisiti relativi alla figura del professionista della Conformità e Etica (Compliance and Ethics) per persone giuridiche, associazioni ed enti pubblici o privati operanti per il settore bancario, finanziario e assicurativo-previdenziale. Il professionista ha il compito di assicurare la conformità dell’organizzazione alle norme di etero e di autoregolamentazione, di identificare e valutare i relativi rischi, di pianificare e rendicontare l’attività di controllo e gli interventi di gestione necessari a correggere le eventuali carenze, monitorandone l’andamento, favorendone l’attuazione, verificando le condizioni di efficacia nonché sviluppando una cultura improntata a valori di eticità e di correttezza dei comportamenti.
UNI1604603 definisce i requisiti del consulente di management, ossia l’attività di libera professione finalizzata alla fornitura, intesa come progettazione ed erogazione, di servizi immateriali e intellettuali, esercitata individualmente, in gruppo o sotto forma di società e i cui clienti sono soggetti collettivi (imprese/organizzazioni/enti), a prescindere dalle competenze occorrenti nell’attività specialistica esercitata. Sostituisce UNI 11369:2010.
I requisiti di entrambi i progetti sono specificati in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (EQF).

Gli altri 3 progetti sono di competenza Unichim (UNI/CT 410/GL 01 “Metodi chimici e chimico-fisici”). UNI1605881 descrive un metodo per determinare il fosforo totale e il fosforo come ortofosfato in acque di scarico e in acque destinate al consumo umano mediante test in cuvetta. Il metodo descritto nel progetto UNI1605882 si applica per determinare l’indice al permanganato espresso come mg/l di ossigeno, mediante la tecnica denominata “test in cuvetta”, in acque di diversa provenienza: acque destinate al consumo umano acque superficiali e sotterranee, acque minerali naturali, oltre che l’acqua presente nelle piscine. Infine, UNI1605883 riguarda la determinazione dell’azoto totale mediante spettrometria UV dopo digestione ossidativa con persolfato di sodio utilizzando una apparecchiatura che opera in sequenza analitica coordinata. L’azoto è uno dei principali elementi che contribuiscono all’eutrofizzazione delle acque.. Le principali fonti di azoto sono sia naturali che antropiche. Fra queste ultime, particolare importanza è da assegnare agli scarichi civili e ai fertilizzanti. L’abbattimento del carico di azoto presente negli scarichi può essere realizzato negli impianti di depurazione attraverso processi di denitrificazione.

In banca dati (NORMAZIONE > UNI: inchiesta pubblica finale) trovate le schede, i testi completi e il modulo per far pervenire a UNI gli eventuali commenti entro la scadenza dell’inchiesta: 31 maggio 2019.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.