Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

L'accesso alle risorse informative attraverso le immagini digitalizzate delle raccolte librarie, archivistiche, documentali e museali è fondamentale per la ricerca e per la trasmissione di conoscenze culturali. Le immagini digitali costituiscono una larga parte del contenuto informativo nel web (immagini di libri, giornali, manoscritti, mappe, pergamene, stampe, originali d’arte, documenti di archivio…). Tuttavia, l’accesso a tali risorse è dipendente dall’impiego di software e applicativi locali.

Proprio per un uniforme livello di accesso alle risorse informative digitalizzate, la Commissione Documentazione e informazione è interessata al progetto UNI1605177, che intende recepire le specifiche tecniche del protocollo di interoperabilità “IIIF”, largamente adottato su scala internazionale, nelle biblioteche digitali realizzate per le raccolte librarie, archivistiche e museali.

Di competenza della SC 04 “Automazione e documentazione”, il progetto “Documentazione e informazione - International Image Interoperability Framework (IIIF)” intende fornire agli utenti un uniforme livello di accesso alle risorse informative digitalizzate definendo un insieme di interfacce di programmazione di applicazioni comuni che supportino l'interoperabilità tra archivi di immagini.

Obiettivi del progetto sono:

  • sviluppare, coltivare e documentare tecnologie condivise per le immagini digitalizzate dei beni librari, archivistici, documentali e museali
  • consentire la circolazione nel web del patrimonio culturale italiano digitalizzato relativo a biblioteche, archivi, musei e centri di documentazione
  • fornire al mercato italiano di riferimento la conoscenza necessaria per l’impiego del protocollo di interoperabilità “IIIF”.

In breve, il progetto di norma si propone come uno strumento per l’applicazione del protocollo di interoperabilità “IIIF” a vantaggio dei ricercatori e degli utenti, ma anche delle imprese italiane di settore per il loro adeguamento professionale alle best practices del “IIIF” a cui aderisce una estesa comunità delle più significative istituzioni depositarie del cultural heritage mondiale (cfr. http://iiif.io/community/).

Il progetto si trova nella importante fase dell’inchiesta pubblica preliminare: chiunque fosse interessato può inviare i propri commenti entro il 21 ottobre 2018.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.