Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

world water day 2018 logoIl 22 marzo si celebra la Giornata mondiale dell’acqua (World Water Day 2018), una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite per richiamare tutti all'importanza di preservare un bene così prezioso.
Le risorse idriche costituiscono infatti un patrimonio tanto delicato quanto fondamentale per l’umanità, eppure è stupefacente constatare quanto poco di esse ci si curi. Si può anzi dire che non esista altro elemento naturale come l’acqua in grado di mostrare tanto emblematicamente il rapporto schizofrenico che le moderne società industriali (e post-industriali) hanno con l’ambiente in cui vivono e operano.

Qualche dato: ad oggi ben 2,1 miliardi di persone vivono senza disponibilità di acqua potabile in casa, mentre a causa della crescita della popolazione mondiale si stima che entro il 2050 la domanda di acqua per consumo umano salirà del 30%. Ancora: circa 1,8 miliardi di persone vivono in zone afflitte dal fenomeno della desertificazione e circa il 65% delle foreste sono attualmente in pericolo di veloce degrado. Senza contare che, in poco più di un secolo, dal 64 al 71% di zone umide naturali sono andate perdute a causa delle attività umane. Infine, oltre l’80% delle acque reflue prodotte dalla società nel suo insieme – per attività agricole o industriali - sono reimmesse nell’ambiente senza essere depurate, quindi con effetti inquinanti, o essere in qualche modo riutilizzate [Fonte: UNESCO (2018) United Nations World Water Development Report 2018].
land degradationUn quadro generale caratterizzato dunque da due elementi: carenza e spreco.
Senza scomodare sin troppo abusate etichette come “ambientalismo” o “ecologismo”, basterebbe il semplice buon senso per comprendere quanto sia urgente invertire la tendenza.
Volontà, conoscenze e opportunità non mancano.

Il tema attraverso cui si sviluppa quest’anno la Giornata mondiale dell’acqua è “Nature for water”, un titolo che vuole indicare come - attraverso i meccanismi stessi della natura – sia possibile risolvere molti dei problemi che affliggono gli ecosistemi a causa degli interventi sconsiderati dell’uomo. Non a caso il sottotitolo è “The answer is in nature”, ossia è possibile ridurre inondazioni, siccità e inquinamento idrico attraverso soluzioni che già troviamo in natura (le cosiddette Nature-Based Solutions - NBS). Qualche esempio? Piantare alberi per ricostituire le foreste, ricollegare i fiumi alle pianure alluvionali, ripristinare le zone umide sono solo alcuni dei modi sostenibili ed economici attraverso cui è possibile riequilibrare il ciclo dell'acqua, mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, migliorare la salute dell’uomo e preservare in maniera intelligente i suoi più basilari mezzi di sussistenza.

Eppure se questa è la strada che bisogna intraprendere – e non c’è dubbio che lo sia – va anche detto che il problema impone una sorta di rieducazione culturale da un lato e un approccio analitico dall’altro, che passa attraverso molte altre azioni.
water loss drink waterLe norme tecniche forniscono numerosi strumenti per attuare una gestione strutturata, misurabile, efficiente delle risorse idriche.
In ambito internazionale da anni operano dei comitati tecnici che, sotto vari aspetti, si occupano di acqua, della sua qualità, del suo utilizzo: sono l'ISO/TC 147 "Water quality"; l'ISO/TC 224 "Service activities relating to drinking water supply systems and wastewater systems – Quality criteria of the service and performance indicators" e l'ISO/TC 282 "Water reuse".
Negli anni questi comitati hanno sviluppato oltre 80 norme tecniche che vanno - solo per fare qualche esempio - dalla ISO 17381:2003 ("Water quality - Selection and application of ready-to-use test kit methods in water analysis") alla ISO 24512:2007 ("Activities relating to drinking water and wastewater services - Guidelines for the management of drinking water utilities and for the assessment of drinking water services") e ISO 24518:2015 ("Activities relating to drinking water and wastewater services - Crisis management of water utilities"); dalla ISO 20760-2:2017 ("Water reuse in urban areas - Guidelines for centralized water reuse system - Part 2: Management of a centralized water reuse system") alla ISO 24521:2016 ("Activities relating to drinking water and wastewater services - Guidelines for the management of basic on-site domestic wastewater services"); dalla ISO 16075-4:2016 ("Guidelines for treated wastewater use for irrigation projects - Part 4: Monitoring") alla serie ISO 5667 ("Water quality - Sampling").
isofocus janfeb2018Per non parlare della ISO 14046 sulla impronta idrica, adottata anche in ambito europeo e recepita in lingua italiana non più di sei mesi fa come UNI EN ISO 14046 “Gestione ambientale - Impronta Idrica (Water Footprint) - Principi, requisiti e linee guida”.

A proposito dell'attività di normazione lungo l'articolata filiera dell'acqua, è utile segnalare una pubblicazione liberamente scaricabile in formato PDF da internet: si tratta di ISO Focus, il magazine bimestrale dell’ISO, che sul recentissimo numero di gennaio-febbraio 2018 esplora approfonditamente proprio questo aspetto: il ruolo della normazione nell’ambito "water & sanitation".

Il tema, come si vede, è ampiamente trattato e anche in campo nazionale non mancano specifici contributi che vanno ad esempio nella direzione della riduzione degli sprechi e della più efficiente gestione delle reti di distribuzione idrica. E’ il caso della prassi di riferimento UNI/PdR 37:2018 “Risanamento senza scavo di tubazioni sotterranee rigide per acqua potabile mediante rivestimento con malte cementizie o resine”, che verrà pubblicata significativamente proprio il 22 marzo (vd. Le prassi pubblicate) e che indica, tra l'altro, le procedure, i controlli di qualità e le verifiche inerenti i lavori su tubi di distribuzione dell’acqua potabile e, in particolare, la selezione dei materiali, la pulizia delle tubazioni, l’applicazione del materiale scelto per il risanamento, le modalità di trattamento dei materiali, i requisiti di ispezione e di disinfezione.

UN global goals 2030 pt6 newQuanto la qualità degli impianti, la potabilità dell’acqua e la sanitizzazione (cioè la riduzione della carica microbica) sia un argomento centrale lo dimostra nuovamente con la massima autorevolezza nientemeno che l’Organizzazione delle Nazioni Unite che nell'ambito dei "Global Goals 2030" – cioè i 17 obiettivi che si intendono perseguire nei prossimi anni a livello mondiale – segnala come punto 6 proprio il tema “Clean water and sanitation”: l’accesso all’acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari per tutti.

Insomma: il modo migliore per celebrare la Giornata mondiale dell’acqua è adottare comportamenti responsabili, diffondere pratiche sostenibili, gestire in modo efficiente le risorse disponibili. Come? Anche con le norme tecniche, non c’è dubbio.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.