Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La sostenibilità nelle costruzioni è un tema che coinvolge tutti gli Enti locali, e che riguarda sia gli edifici nuovi sia gli edifici già costruiti.
Gli aspetti ambientale, economico e sociale chiamati in causa dal concetto di sostenibilità sono da tempo trattati dalla normazione tecnica a livello europeo dal Comitato Tecnico CEN/TC 350 che negli anni ha elaborato una serie di norme che riguardano sia l'edificio che il prodotto edilizio in sé.
Va detto che l’approccio del CEN è basato sulla valutazione degli impatti nel ciclo di vita dell’edificio e non prevede l’elaborazione di benchmark. Tuttavia le norme europee sulla valutazione della sostenibilità dell’edificio consentono l’aggregazione di indicatori e una valutazione del tipo “a punteggio” su scala nazionale e locale.

Per questo nel 2015 UNI, in collaborazione con Itaca (l’Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale), ha elaborato una prassi di riferimento - la UNI/PdR 13, suddivisa in due sezioni - che descrive i principi metodologici e procedurali per la valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici, ai fini della loro classificazione attraverso l’attribuzione di un punteggio di prestazione (vd. Le prassi pubblicate).

Un documento che si è rilevato importante ed utile, come testimoniato proprio nelle ultime settimane da alcune deliberazioni regionali di Puglia e Calabria.
Il 21 dicembre scorso, con la Deliberazione n. 2290, la Giunta Regionale della Puglia ha approvato il "Protocollo Itaca Puglia 2017 - Edifici Residenziali", un documento che nasce con l'intento di fornire criteri e modalità atti a definire un sistema per la valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici ai fini della loro classificazione attraverso l’attribuzione di un punteggio di prestazione. Questo "Protocollo Itaca Puglia 2017 - Edifici Residenziali" è stato redatto proprio sulla base della Prassi di Riferimento UNI/PdR 13.1:2015.

Analogamente il 6 febbraio di quest’anno è stata pubblicata sul BURC la Deliberazione della Giunta regionale della Calabria n. 581 del 23 novembre 2017 che riguarda il "Protocollo di sostenibilità ambientale per Edifici Pubblici e delle Linee Guida di riferimento". Questo provvedimento, oltre ad abrogare il precedente Disciplinare Tecnico, approva un nuovo testo e soprattutto approva il documento tecnico “Protocollo ITACA Regione Calabria - Edifici Pubblici 2017”, che - come nel caso della Regione Puglia - prende le mosse proprio dalla prassi di riferimento citata.

Si tratta in entrambi i casi di esempi emblematici di quel rapporto “virtuoso” tra norme e leggi che una buona amministrazione pubblica è in grado di attivare.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.