Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Rappresentano adozioni di norme internazionali ISO tre progetti di interesse della Commissione Acustica e vibrazioni che intendono aggiornare il parco norme del settore. Dal 13 febbraio sono entrati nella fase dell’inchiesta pubblica preliminare.

“Vibrazioni meccaniche - Valutazione delle vibrazioni delle macchine mediante misurazioni sulle parti non rotanti - Parte 3: Macchine industriali con potenza nominale maggiore di 15 kW e velocità di rotazione nominale compresa tra 120 giri/min e 15.000 giri/min, quando misurate in opera” è il titolo del progetto UNI1604266 che adotta la ISO 10816-3:2009 e l’Amd 1:2017 e va a sostituire la UNI ISO 10816-3:2012. La futura norma, aggiornata per l’aggiunta dell’emendamento 1, fornisce i criteri per la misurazione delle vibrazioni a gruppi macchina con le caratteristiche descritte. I gruppi macchina trattati comprendono: turbine a vapore con potenza fino a 50 MW; turbo-gruppi a vapore con potenza maggiore di 50 MW e velocità minori di 1.500 giri/min o maggiori di 3.600 giri/min (non inclusi nella ISO 10816-2); compressori rotativi; turbine a gas industriali con potenza fino a 3 MW; pompe centrifughe; generatori (tranne quelli usati negli impianti idroelettrici e di pompaggio); motori elettrici; soffianti o ventilatori.

Il secondo progetto UNI1604267 “Vibrazioni meccaniche - Valutazione delle vibrazioni delle macchine mediante misurazioni sulle parti non rotanti - Parte 4: Gruppi con turbine a gas con cuscinetti a film-fluido” adotta la ISO 10816-4:2009 e l’Amd 1:2017 e sostituisce UNI ISO 10816-4:2010.
Anche questa aggiornata per l’aggiunta dell’emendamento 1, fornisce le linee guida per la valutazione "in sito" delle vibrazioni radiali di cuscinetti portanti o supporti e delle vibrazioni assiali di cuscinetti reggispinta. Vale per: vibrazioni in condizioni di funzionamento nominale e stabilizzato; vibrazioni in transitorio, incluse salite e discese di giri e variazioni di carico; variazioni di vibrazioni durante il funzionamento stabilizzato. Si applica a turbine a gas con cuscinetti a film fluido, potenza maggiore di 3 MW e velocità di rotazione compresa tra 3.000 giri/min e 30.000 giri/min. Include turbine accoppiate a moltiplicatori o riduttori di giri.

Questi due progetti sono competenza della SC 02 “Vibrazioni”.

UNI1604268 (adozione ISO/TR 18570:2017), futuro rapporto tecnico, compete invece alla SC 02/GL 01 “Vibrazioni trasmesse all'uomo”. Dal titolo “Vibrazioni meccaniche - Misurazione e valutazione dell'esposizione umana alla vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio - Metodo supplementare per valutare il rischio di lesione vascolare” il progetto fornisce una guida sul metodo supplementare rispetto a quello riportato nella UNI EN ISO 5349-1 per la misurazione e la comunicazione delle esposizioni di vibrazioni trasmesse dalla mano. Il metodo è pensato per fornire una migliore metodologia di valutazione per i rischi da vibrazione della mano-braccio vascolare. La metodologia definita in questo rapporto tecnico si basa su studi biomeccanici ed epidemiologici.
Si ritiene opportuna l’adozione nazionale in quanto rappresenta uno strumento utile per la valutazione e la prevenzione del rischio al fenomeno di Raynaud (dito bianco) causato da vibrazioni al sistema mano-braccio: introduce una nuova curva di ponderazione HTV applicabile alla valutazione del rischio da vibrazioni al sistema mano-braccio.

L’inchiesta pubblica preliminare è in corso. C’è tempo sino al 26 febbraio 2018 per inviare i propri commenti (>> vai alla banca dati online).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.