Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

E' stata recentemente pubblicata la norma UNI 11698 "Gestione Ambientale di Prodotto - Stima, dichiarazione e utilizzo dell’incertezza dei risultati di una Valutazione di Ciclo di Vita - Requisiti e linee guida". L'LCA (Life Cycle Assessment) è il metodo che valuta l’interazione di un prodotto (o di un servizio) con l’ambiente, dalla sua produzione alla sua dismissione, e uno dei temi principali per l'interpretazione dei risultati di questo studio – già individuato dalle norme cardine di questo settore (nella fattispecie la ISO 14040 e la ISO 14044)- è proprio quello dell'analisi dell'incertezza. Tuttavia queste norme ISO non forniscono linee guida, o requisiti o procedure affinché questa analisi dell'incertezza possa essere condotta in modo standardizzato da chi esegue studi di LCA.intervista manzardo 2018

La necessità di dotarsi di una norma UNI in questo settore è stata quindi avvertita da diversi stakeholder tra cui il Ministero dell'ambiente, diverse aziende private, il mondo accademico e della ricerca… i quali hanno preso parte attivamente all’elaborazione della nuova norma UNI. La norma è nata infatti proprio per offrire una procedura definita e chiara affinché si possa quantificare, stimare e poi anche dichiarare in modo trasparente e ripetibile l'incertezza legata ad una analisi del ciclo di vita.

Di questo abbiamo parlato con Alessandro Manzardo del CESQA (Centro Studi Qualità Ambiente dell'Università di Padova), coordinatore del Gruppo di lavoro sulla gestione ambientale di prodotto della Commissione Ambiente dell'UNI.

“Il tema dell’incertezza degli studi di LCA sarà trattato anche in ambito ISO –dichiara Manzardo- dove l’Italia potrà dare il proprio contributo proprio grazie all’esperienza maturata in sede nazionale con l’elaborazione della UNI 11698”.

Per saperne di più guarda l’intervista ad Alessandro Manzardo sul canale UNI di YouTube (Playlist “Ambiente”).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.