Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

CNIlogoLo scorso 16 ottobre si è tenuto, presso la sede UNI, un incontro organizzativo che ha esaminato lo stato dell'arte della presenza e dell’attività del Consiglio Nazionale Ingegneri all’interno delle commissioni tecniche UNI. Nell’occasione è stata annunciata la volontà di effettuare un “censimento” di tutti gli attuali rappresentanti.

“La categoria degli ingegneri - ha detto Piero Torretta, presidente UNI - è molto importante, essendo anche probabilmente la professione più rappresentata all'interno di UNI. La cosa assume ulteriore importanza considerando che all'interno dell'attività di normazione tecnica si ritiene si debba dare voce alle istanze delle cosiddette ‘categorie deboli’, intendendo con tale nome le pmi e i professionisti, che hanno storicamente avuto un ruolo minore rispetto agli altri portatori di interessi (grandi organizzazioni di impresa, istituzioni, ecc.) che concorrono alle attività dell'UNI”.

“Il Consiglio Nazionale Ingegneri reputa molto importante la sua adesione all'UNI - ha dichiarato Armando Zambrano, presidente del CNI -. L’ampia partecipazione odierna è una conferma della bontà della decisione di impegnarsi direttamente come categoria nell'attività di normazione tecnica. È importante per la categoria professionale poter incidere con le proprie competenze in scelte che vanno a incidere direttamente sulle norme giuridiche e sulla regolazione del mercato e della concorrenza.
Gli ingegneri stanno cominciando a comprendere l'importanza del ricorso alla normazione tecnica nella loro attività, al di là di quelli che possono essere degli obblighi di legge: il rispetto delle norme tecniche è sinonimo di prestazione professionale ben fatta, a regola d'arte, a tutela anche del destinatario finale del servizio. Per questo è importante lavorare insieme nella definizione degli standard tecnici, perché in questo modo si potrà anche far comprendere al mercato l'importanza della qualificazione tecnica e recuperare il concetto di valore della prestazione professionale a garanzia della committenza, senza per questo voler ora entrare nella polemica di tariffa minima, equo compenso, ecc.”.

Zambrano ha poi così concluso: “La comunicazione è importante anche per l'attività di normazione tecnica. Spesso l'efficacia dell'applicazione della norma è funzione di una sua buona comunicazione. A tal fine la categoria degli ingegneri può costituire un buon volano”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.