Stampa 

Comunichiamo con qualche giorno di anticipo l’avvio di una nuova inchiesta pubblica preliminare UNI che interesserà dieci progetti di norma. Solo a partire dal 2 maggio, e sino a lunedì 15 maggio, le schede dei progetti saranno a disposizione sulla banca dati online (>> vai alla pagina), aperte ai vostri commenti.

Due progetti interessano il GL 03 “Segnaletica per aree dove si effettuano sport invernali” della Commissione Sicurezza. UNI1603081 (che sostituisce UNI 8132:2002) e UNI1603082 (che sostituisce 17 parti della UNI 8133) specificano le caratteristiche della segnaletica e i segni grafici per i segnali di informazione da utilizzare per gli impianti a fune adibiti al servizio pubblico e nelle aree destinate allo sci, alle attività ricreative e agli sport della montagna.

Rappresentano adozioni di norme internazionali ISO sette progetti di competenza della SC “Protezione dalle radiazioni” della Commissione Tecnologie nucleari e radioprotezione.
UNI1603142 (adozione ISO 15080:2001) specifica i requisiti di costruzione e installazione dei dispositivi di schermaggio radiobiologico utilizzati nelle penetrazioni della ventilazione attraverso confinamenti schermati realizzati in cemento o in piombo ai fini della protezione dalla radiazione gamma. UNI1603143 (adozione ISO 17873:2004) definisce i requisiti applicabili alla progettazione ed esercizio di sistemi di ventilazione per impianti nucleari come ad esempio celle calde, laboratori per la fabbricazione e l’esame di combustibile nucleare, impianti per il trattamento del plutonio, impianti di riprocessamento, impianti di arricchimento, stazioni di gestione di rifiuti radioattivi, depositi, etc.
I restanti progetti adottano le parti da 1 a 5 della ISO 11933 sui componenti per sistemi di confinamento: scatole a guanti e celle calde. Nello specifico, le parti riguardano:

Infine, il progetto CTI UNI1603052 – che sostituisce la UNI/TS 11163:2009 - definisce la classificazione e le specifiche degli oli e grassi animali e vegetali, dei loro principali intermedi e derivati nonché degli oli esausti recuperati ai fini del loro utilizzo quali combustibili per la produzione di energia o materie prime per la produzione di biodiesel.

Le schede generali dei progetti sono disponbili sino al 15 maggio 2017. Attendiamo i vostri commenti!

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.