Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Viene pubblicata oggi la nuova Prassi di riferimento che definisce le linee guida per la definizione dei servizi aggiuntivi delle strutture ricettive.

cover uni pdr 28 2017La UNI/PdR 28:2017 “Strutture ricettive - Linee guida per la definizione dei servizi aggiuntivi” (vd. Le prassi pubblicate) nasce dalla collaborazione con CODICI Lombardia, capofila del progetto STAR PLUS supportato da Regione Lombardia, e delle associazioni lombarde partner di tale progetto - CODACONS Lombardia, CASACONSUM Lombardia, ASSOUTENTI Lombardia e CASA DEL CONSUMATORE Lombardia. Nel documento sono fornite una serie di indicazioni sui servizi aggiuntivi, ritenuti particolarmente importanti da parte dei consumatori/utenti, che le strutture ricettive possono offrire ai propri clienti come valore aggiunto, a completamento dell’offerta proposta della struttura stessa e vengono individuati a titolo esemplificativo due modalità per la classificazione dei servizi aggiuntivi, che possono essere utilizzate come modelli di valorizzazione delle eccellenze e peculiarità proposte dalle strutture ricettive.

La prassi di riferimento nasce dall’esperienza derivante da HOTELEXPO, un progetto sviluppato nell'ambito del Programma Generale di intervento 2013 della Regione Lombardia, - Struttura Tutela dei Consumatori D.G. Commercio, Turismo e Terziario – finanziato tramite i fondi del Ministero dello Sviluppo Economico, che ha visto come capofila dell'iniziativa l'associazione dei consumatori CODICI Lombardia, affiancata da ADOC Lombardia, ALTROCONSUMO e CASA DEL CONSUMATORE Lombardia, con il patrocinio del Comune di Milano nell'ambito dell'iniziativa "Un patto per EXPO" e il supporto tecnico/metodologico di UNI.
Sfruttando l’esperienza e le informazioni raccolte tramite tale progetto, STAR PLUS ha approfondito la rilevazione a livello nazionale ed internazionale dei servizi aggiuntivi, i “plus”, che completano ed integrano l'offerta già codificata per legge con l’assegnazione delle “stelle” delle strutture ricettive.
La nuova prassi di riferimento è stata realizzata prestando particolare attenzione al suo possibile utilizzo da parte della Giunta Regionale Lombarda quale strumento utile nell’ambito del provvedimento di Giunta di cui al comma 2 dell’art 20. L.R. 27/2015, in cui si prevede, nell’ambito della classificazione delle strutture ricettive, una valutazione integrativa che individua i servizi offerti in aggiunta a quelli standard minimi obbligatori.

Si ricorda che le prassi di rifermento sono documenti che introducono prescrizioni tecniche o modelli applicativi settoriali di norme tecniche, elaborati sulla base di un rapido processo di condivisione ristretta ai soli autori, e costituiscono una tipologia di documento para-normativo nazionale che va nella direzione auspicata di trasferimento dell’innovazione e di preparazione dei contesti di sviluppo per le future attività di normazione, fornendo una risposta tempestiva ai mercati in cambiamento.

Per informazioni contattare:
Direzione Relazione Esterne, Sviluppo e Innovazione
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.