Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Da tempo si è sentita l’esigenza di adottare sistemi di trasporto di persone capaci di soddisfare la mobilità urbana con elevata frequenza e affidabilità. In tale contesto, nel perseguimento di potenzialità orarie approssimativamente comprese tra quelle dei tradizionali sistemi di metropolitana e quelle dei mezzi di superficie (autobus e tranvie), si può ricorrere a sistemi non convenzionali o APM (Automated People Mover), che meglio si prestano a servizi con frequenza variabile nel corso della giornata, ad elevata automazione, eventualmente in presenza di percorsi con andamento plano-altimetrico irregolare.
Tra i sistemi non convenzionali ad automazione integrale, gli impianti di trasporto con trazione a fune hanno avuto negli anni duemila uno sviluppo significativo. Sovente si è trattato di sviluppi, migliorie o adattamenti a nuove situazioni di contorno - solitamente ambiti urbani o comunque molto antropizzati - di sistemi e impianti già ampiamente sperimentati nei loro luoghi di utilizzo originario, tipicamente aree montane, prevalentemente sciistiche.

La Commissione tecnica Trasporto guidato su ferro invia ora all’inchiesta preliminare il progetto UNI1602865 “Linee guida per la progettazione dei sistemi di trasporto persone ad automazione integrale con trazione a fune” (futuro TR), di competenza del GL 01 “Prescrizioni di sicurezza delle installazioni di trasporto a fune”.

Si tratta di sistemi di trasporto a impianto fisso, dotati di un posto centrale di controllo, che non prevedono necessariamente la presenza di personale sui veicoli né presso le stazioni; sono caratterizzati da veicoli che operano su vie di transito riservate, con pendenza e tortuosità variabili, la cui trazione principale è affidata ad uno o più anelli di fune e la cui velocità può essere annullata presso le stazioni.
Prerogativa di tali sistemi di trasporto è l’assenza di motore di trazione principale a bordo, il che consente una motorizzazione elettrica principale in stazione e la trasmissione del moto con un organo meccanico a bassa inerzia, la fune, con conseguente contenuto consumo energetico se ben utilizzati e assenza di emissioni.

L’obiettivo delle linee guida è coprire le specificità di servizio proprie di servizi di trasporto in ambito urbanizzato o fortemente antropizzato quindi non ad uso sportivo né ricreativo, tipici servizi di trasporto per aree montane e parchi a tema. Viene quindi contemplata la possibilità di trasporto di bagagli, carrozzine, accesso da parte di ogni genere di persone, inclusi coloro con difficoltà di deambulazione.

Il progetto si trova nella fase dell’inchiesta pubblica preliminare: sino al 13 marzo prossimo è possibile, attraverso la il form a disposizione sul sito internet, inviare i propri commenti.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.