Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

water monitoringNel mondo le malattie virali trasmesse dall’acqua rappresentano ancora oggi un elevato rischio per la salute pubblica. Le acque possono essere contaminate da particelle virali infettive attraverso il rilascio di acque reflue sanitarie e le persone possono infettarsi dal contatto con queste acque o attraverso il loro consumo: virus enterici umani - che possono causare polio, epatiti, gastroenteriti o altre innocue infezioni - sono spesso rilevati in campioni di acque ambientali. Va infine detto che le acque reflue urbane contengono un gran numero di virus patogeni che anche il trattamento più avanzato non può rimuovere completamente.

In Europa le acque sono sicure?
Il CEN/WS 82 “Virus sensor system for monitoring rotavirus, norovirus and hepatitis A virus in various types of water intended for human use (AquaVir)” (segreteria tedesca DIN) è stato creato per sviluppare il CWA 17102:2017, CEN Workshop Agreement che fornisce un metodo rapido, economico e standardizzato per il rilevamento on-site di livelli pericolosi di virus nelle acque. Il sistema di monitoraggio riguarda il rotavirus (la causa più comune di gastroenteriti virali), il norovirus (uno tra gli agenti più diffusi di gastroenteriti acute di origine non batterica) e il virus dell’epatite A in acque comunali, acque di superficie, acque di balneazione, acqua potabile e acqua di falda.
Il CWA 17102 rappresenta il primo passo verso lo sviluppo di una norma europea.

“In Europa il monitoraggio dei virus in acqua non è obbligatorio. Il test disponibile - basato sulla biologia molecolare - è costoso, richiede tempo e molto lavoro: è quindi limitato ad alcuni laboratori in alcuni paesi nonostante la protezione delle reti idriche da virus patogeni sia fondamentale” spiega Noemi Rozlosnik, presidente del CEN Workshop WS 82. “Con il nuovo CWA - e successivamente con una norma europea - ci auguriamo un aumento dei monitoraggi dei virus patogeni nelle acque, per proteggere le persone da gravi epidemie”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.