Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

governanceIn che misura un’organizzazione è trasparente? Qual è il suo indirizzo strategico? Come viene gestita? Queste domande si riferiscono alla governance, vale a dire il sistema che regola il modello di gestione, di controllo e la responsabilità di una organizzazione nel realizzare la sua missione primaria, nel lungo termine.
Un nuovo comitato ISO si propone di aiutare le organizzazioni a raggiungere questi obiettivi attraverso lo sviluppo di norme nell’ambito della governance organizzativa.

“Una buona governance indirizza le organizzazioni verso il successo” spiega Dave Adamson del BSI (membro ISO per il Regno Unito) che ha proposto la creazione dell’ISO/TC 309 “Governance of organizations”. Egli sottolinea che il TC recentemente costituito “ha lo scopo di aiutare le organizzazioni a perseguire le proprie finalità con successo per conto delle persone verso le quali sono responsabili. Questo può comportare, ad esempio, che un’organizzazione renda chiari il suo scopo e i suoi valori agli stakeholders, oppure agisca con trasparenza in riferimento al proprio business”.

Secondo Adamson tutti potranno beneficiare del lavoro dell’ISO/TC 309. “La prima norma, per esempio, dovrà fornire principi e linee guida generali, di alto livello, su come creare un sistema di governance efficace nelle organizzazioni di ogni dimensione: dalla grande multinazionale alla piccola impresa individuale. Le norme elaborate dal comitato potranno essere utili anche alle autorità legislative come strumenti a sostegno delle politiche pubbliche”.

Il nuovo comitato ISO consoliderà le buone prassi in materia di governance delle prestazioni organizzative attraverso lo sviluppo di norme che integrino tutti gli aspetti: la gestione, il controllo, la responsabilità. Queste norme aiuteranno pertanto le organizzazioni a dimostrare il loro impegno nei confronti delle parti interessate attraverso evidenze e attività di reporting, incoraggiando gli organi di governo a prendere le giuste decisioni, assicurando il rispetto delle finalità, dei valori e degli obiettivi dell’organizzazione.

Accanto a questa norma generale sulla governance, il TC 309 prevede di concentrare i lavori normativi sulle politiche di segnalazione di illeciti, sulla conformità (compliance) e sulla corruzione. Il comitato potrà beneficiare del supporto del gruppo di esperti che ha elaborato la ISO 37001 sui sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione e la ISO 19600 sui sistemi di gestione della conformità (compliance). “Questi lavori - spiega Adamson – contribuiranno al raggiungimento dell’Obiettivo 16 per lo Sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, volto alla promozione della pace, della giustizia e di istituzioni forti, aumentando la trasparenza e la responsabilità, così come la buona direzione e il controllo, delle organizzazioni”.

La prima riunione dell’ISO/TC 309 si è svolta nel mese di novembre 2016 a Londra: 38 Paesi hanno già espresso interesse a partecipare ai lavori. L’Italia è uno di questi.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.