Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

La recente riunione del Gruppo di lavoro “Codificazione dei prodotti e dei processi costruttivi in edilizia”, della Commissione “Prodotti, processi e sistemi per l'organismo edilizio”, testimonia la vitalità dei lavori che riguardano in particolare il tema dei flussi informativi nel processo edilizio.

bimAl centro dei lavori, lo sviluppo della norma UNI 11337, che ha per oggetto appunto la “gestione digitale dei processi informativi delle costruzioni”. Si è quindi nell’ambito del BIM (Building Information Modeling), il nuovo acronimo che indica una metodologia di raccolta e gestione delle informazioni e rappresenta per certi versi una vera rivoluzione nel settore.
In Italia”, spiega Chiara Rizzarda, membro del GL che sta lavorando in questo ambito, “nel settore dell'edilizia la rivoluzione digitale ha preso una lunga rincorsa, ma la gestione informativa dei processi edilizi sta rapidamente emergendo come risposta ottimale alla crescente necessità di progettare e costruire in modo più efficace ed efficiente, con un maggiore controllo di qualità, a beneficio di tutti. Una importante innovazione, dunque, che porta con sé ovviamente l'affermarsi di nuovi concetti, nuovi schemi di mercato, nuovi sistemi di valori.
La norma UNI 11337 si muove su questo solco. La parte 3, pubblicata già nel 2015 e per la quale già si profila una prossima revisione, indica un modello operativo strutturato per raccogliere e archiviare i dati e le informazioni tecniche dei prodotti da costruzione.
Si parla dunque di prodotti (intesi anche come aggregati di più prodotti) e non di sole informazioni geometriche. La codifica di questi dovrebbe essere oggetto della parte 2, ancora in fase di elaborazione, a cui il GL lavora con le associazioni di categoria e la pubblica amministrazione, tra cui come ultimo socio si è aggiunto anche la Regione Lombardia.

Le parti 1, 4 e 5 sono invece state appena pubblicate (il 26 gennaio) e riguardano: modelli, elaborati e oggetti informativi per prodotti e processi; l'evoluzione e lo sviluppo informativo di modelli, elaborati e oggetti; i flussi informativi nei processi digitalizzati.

costruzioni prospettiveMa i lavori non si fermano. Sono infatti allo studio anche le parti 6, 7 e 8, destinate ad approfondire ulteriormente la materia in tutte le sue implicazioni.
Particolarmente significativi i lavori, che andranno a confluire nella progettata parte 7, sulle figure professionali chiamate in causa dal modello BIM, tra le quali il gestore dei processi informativi, il coordinatore dei flussi informativi e il modellatore informativo.
"Le figure di gestione del progetto e delle informazioni", prosegue Chiara Rizzarda, "sono cruciali per entrare nell'era digitale ed è cruciale che siano in possesso di competenze all'avanguardia. Ma i processi alla base del Building Information Modeling si trovano ad una intersezione tra il settore delle costruzioni e quello dell'informatica, intesa nel senso più profondo del termine come la gestione automatizzata delle informazioni. Figure deputate alla gestione e al coordinamento di processi come questi sono quindi figure complesse, che devono essere in possesso di requisiti spiccatamente multidisciplinari sulla cui formazione l'intera Europa sta sviluppando percorsi e piani solo negli ultimi anni. Con questa norma, l'Italia non vuole essere da meno: i lavori del tavolo al momento si pongono l'obiettivo di proporre, per queste professionalità, requisiti e caratteristiche in grado di guidare il mercato verso la ricerca di figure che siano veramente adatte ad accompagnarlo nella transizione digitale".

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.