Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

iso14001 2015La nuova UNI EN ISO 14001:2015, la norma sui sistemi di gestione ambientale celebre in tutto il mondo, è stata pubblicata un anno fa. Si è dunque ancora in una fase di transizione tra vecchia e nuova edizione, che si concluderà definitivamente ad ottobre 2018, ma ovviamente l’interesse – e a volte i dubbi - delle imprese per la sua corretta applicazione sono molto vivi.

Daniele Pernigotti, coordinatore del gruppo di lavoro UNI “Sistemi di gestione ambientale” e delegato italiano ai lavori dell’ISO/TC 207 "Environmental management", spiega bene i motivi di tale interesse: “le aziende stanno affrontando forse ancora con un po' di titubanza e preoccupazione questa fase di passaggio. Ciò può essere legato ai dubbi legittimi su come interpretare le novità introdotte dalla nuova struttura delle norme sui sistemi di gestione. Una volta avviato il processo di adeguamento ci si renderà immediatamente conto dei grandi vantaggi per tutte le organizzazioni che operano con un sistema di gestione integrato tra ISO 14001 e ISO 9001”.
Insomma, sicuramente le novità introdotte dalla nuova edizione della ISO 14001 – tra cui ovviamente la citata struttura che facilita l’integrazione con tutti gli altri sistemi di gestione aziendale, spingendo l’ambiente tra gli elementi strategici e di business di ogni organizzazione intenzionata a dare concretezza al concetto di sostenibilità – determinano una maggiore e giustificata attenzione alla sua adozione.

Ed è anche in questo quadro che si inserisce una nuova significativa attività che si sta sviluppando ora a livello normativo.
Si sta muovendo a livello ISO il tema delle interpretazioni”, spiega Daniele Pernigotti. “Si tratta di un argomento delicato. A livello dei diversi Paesi che aderiscono all'ISO esistono infatti diverse linee guida sulla ISO 14001, anche emesse da fonti autorevoli quali gli stessi enti di normazione. Bisogna però precisare che sono degli utili documenti di indirizzo e di facilitazione dell'applicazione della norma, ma non di documenti interpretativi in senso stretto. L'interpretazione della norma resta infatti sotto l'autorità ultima dell'ISO”.

Che cosa si sta muovendo dunque a livello internazionale?
E' stato lanciato un nuovo gruppo di lavoro proprio per dettagliare le regole su come gestire l'interpretazione”, prosegue Pernigotti, “e pertanto fare in modo che, una volta stabilita, questa interpretazione sia univoca in tutti i Paesi del mondo. Questo per evitare che ci siano disomogeneità che potrebbero avere ripercussioni in fase di una omogenea applicazone delle certificazioni di conformità”.

Il tema è di grande rilevanza e verrà seguito con attenzione.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.