Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

credit cardsÈ in fase di revisione in sede internazionale la norma ISO/IEC 7812-1 “Carte di identificazione - Identificazione degli emettitori - Parte 1: Sistema di numerazione”, già adottata in Italia come UNI CEI ISO/IEC 7812-1.
Questa norma (che si compone anche di una parte 2 dedicata alle “Procedure di domanda e di registrazione”) è il documento che definisce l’Issuer Identification Number (IIN) ossia il numero di identificazione dell’emettitore impresso sulle comuni carte magnetiche, come ad esempio le carte di credito che abitualmente tutti noi utilizziamo.

Lo scopo di questo sistema è quello di identificare univocamente un istituto di emissione di carte in un ambiente di interscambio internazionale. Il numero IIN attualmente corrisponde alle prime sei cifre del lungo numero presente sulle nostre carte di debito o di credito e su altre tipologie di carte personali come, ad esempio, quelle che vengono utilizzate in ambito sanitario. Si tratta di uno schema di numerazione globale standardizzato che viene utilizzato per identificare l’Istituto che ha emesso la carta.

Ebbene questo numero ora sta per cambiare!

Nella versione attuale della norma UNI CEI ISO/IEC 7812-1 il numero IIN viene infatti definito con una lunghezza fissa di sei cifre. La norma definisce anche il PAN (Primary Account Number) ossia il numero che viene utilizzato per identificare il conto individuale e che ha una lunghezza che può variare dalle 8 alle 19 cifre.

Con il moltiplicarsi degli organismi emettitori di carte, i numeri IIN disponibili stanno diventando insufficienti. La revisione della norma ha quindi l’obiettivo di aumentare questi numeri che dovrebbero passare da sei a otto. Mentre il PAN continuerà a restare di lunghezza variabile e potrà andare dalle 10 alle 19 cifre.

La versione modificata di questa norma è già stata approvata dai membri ISO e la sua pubblicazione è prevista entro i primi mesi del 2017.
A partire dalla data di pubblicazione i principali cambiamenti apportati comporteranno le seguenti novità:

  • l’Autorità di Registrazione (RA) comincerà ad attribuire codici IIN di otto cifre a tutte le istituzioni che richiederanno IIN singoli o in blocco;
  • gli emettitori il cui codice IIN conta otto cifre dovranno emettere un PAN di una lunghezza minima di dieci cifre mentre la massima resta fissata a 19;
  • gli IIN a sei cifre già esistenti saranno convertiti in blocchi di cento IIN a otto cifre. Siccome la maggior parte degli emettitori difficilmente li utilizzerà tutti essi saranno incoraggiati a rendere all’Autorità di Registrazione i codici IIN inutilizzati.

Tutti gli utilizzatori della ISO/IEC 7812-1 sono fortemente incoraggiati a fare - già da ora - una valutazione al fine di identificare qualsiasi possibile ricaduta sui processi e sui sistemi associata alle novità introdotte dalla nuova norma.

UNINFO, su delega UNI, è l’Autorità responsabile per l'assegnazione e la registrazione del codice IIN in Italia.
La segreteria è a disposizione per informazioni all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.