Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

ISOTC131SC4Sono stati quattro giorni di intenso lavoro per la sottocommissione ISO/TC 131/SC 4 “Connectors and similar products and components” e per i suoi cinque gruppi di lavoro (WG1, WG2, WG4, WG6, WG9) che anche quest’anno, dopo il successo degli incontri organizzati negli anni precedenti, si sono riuniti nuovamente a Milano, presso l’UNI, dal 7 al 9 novembre.

In particolare va ricordato che all’Italia è affidata la segreteria del WG4 “Hydraulic and pneumatic quick-action couplings”, il gruppo che si occupa di innesti rapidi per idraulica e pneumatica, raccordi che permettono di collegare e scollegare in modo rapido e sicuro i tubi flessibili, parti di macchine ad attrezzature che usano energia ottenuta mediante l’uso di fluidi idraulici o pneumatici.

Il gruppo è stato riattivato nel 2008 (prima era gestito dall’ente normatore statunitense) e da allora ha realizzato - in collaborazione con diversi rappresentanti dei costruttori di questi prodotti - due nuove norme sugli innesti rapidi a vite che vengono utilizzati soprattutto da operatori che lavorano su macchine movimento terra e che utilizzano utensili e attrezzature idrauliche.

Queste norme riguardano gli innesti rapidi a vite sia per media pressione (ISO 14541:2013 adottata in Italia come UNI ISO 14541 "Oleoidraulica - Dimensioni e requisiti degli innesti rapidi con sistema di connessione a vite per impieghi generali"), sia per alta pressione fino a 720 atmosfere (ISO 14540:2013 adottata in Italia come UNI ISO 14540 "Oleoidraulica - Dimensioni e requisiti degli innesti rapidi con sistema di connessione a vite per impiego alla pressione di 72 MPa (720 bar)"). E infine è stata aggiornata la norma ISO 7241:2014 "Hydraulic fluid power - Dimensions and requirements of quick-action couplings", sulle dimensioni e i requisiti per gli innesti rapidi cosiddetti “ISO A e ISO B”.

“Inoltre - sottolinea Giovanni Stucchi (STUCCHI S.p.A.), coordinatore del gruppo di lavoro ISO e del corrispondente GL nazionale (CT 048/GL04) - stiamo revisionando altre due norme: abbiamo appena pubblicato l’aggiornamento di una parte della ISO 15171 “Connections for fluid power and general use - Hydraulic couplings for diagnostic purposes - Part 2: Coupling with M16 x 2 end for connection under pressure” e stiamo aggiornando la vecchia ISO 7241-2 (Hydraulic fluid power - Quick-action couplings Test methods) sui metodi per sottoporre a prova gli innesti rapidi, che cambierà numero e sarà pubblicata come ISO 18869".

A conclusione della tre giorni ISO si è svolta la riunione plenaria della sottocommissione 4 durante la quale sono state ratificate le principali decisioni inerenti l’attività dei singoli gruppi di lavoro.
“Per quanto riguarda il WG4 - spiega Stucchi - è stato deciso di processare come FDIS (Final draft international standard) la norma ISO 18869 sui test; inoltre abbiamo assegnato un nuovo project leader (tedesco) per la norma ISO 16028 “Hydraulic fluid power - Flush-face type, quick-action couplings for use at pressures of 20 MPa (200 bar) to 31,5 MPa (315 bar) - Specifications” e infine abbiamo coniato nuove definizioni sugli innesti rapidi che verranno proposte per essere utilizzate per modificare la norma ISO 5598 che riguarda appunto la terminologia (Fluid power systems and components - Vocabulary)”.

"Le norme - secondo Stucchi - sono documenti nei quali vengono travasate le esperienze di anni di lavoro, strumenti che raccolgono il know-how dei maggiori esperti nazionali e internazionali e che - proprio per questo motivo - aiutano le imprese a fare chiarezza su alcune tematiche di specifico interesse.
Anche la terminologia comune aiuta la diffusione di questo know-how ormai consolidato. Se poi le norme sono fatte bene, definiscono vincoli precisi ma non troppo stringenti, possono senz’altro aiutare a sviluppare le proprie attività produttive”.

“Per noi le norme non hanno rappresentato una costrizione - conclude Stucchi - non hanno assolutamente inibito il nostro business ma l’hanno anzi favorito. Come tutti coloro che partecipano a questi tavoli di lavoro, sia che si tratti di grossi produttori sia di realtà più piccole come la nostra, abbiamo messo a disposizione il nostro know-how a favore di tutti. Questo però non ci ha impedito di continuare a crescere: altre aziende hanno realizzato i prodotti simili ai nostri e anche noi continuiamo a produrli e questo è un beneficio per tutti, per la concorrenza, per il mercato e per gli utilizzatori finali… È un circolo virtuoso!”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.