Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

L’ISO/TC 142 ha recentemente concluso l’elaborazione di una nuova norma per la misura delle prestazioni e la classificazione dei filtri per ventilazione generale che sarà pubblicata entro la fine del 2016. La nuova ISO 16890 rappresenta un’importante novità per il settore in quanto introduce un unico sistema di classificazione a livello internazionale.

La nuova classificazione fornisce indicazioni immediatamente utilizzabili per la scelta degli elementi filtranti e tiene conto della effettiva distribuzione delle dimensioni delle particelle presente nell’aria da filtrare.
Rappresenta quindi un passo in avanti rispetto agli principali sistemi di classificazione utilizzati ad esempio negli Stati Uniti (ASHRAE 52.2-2012 con sistema MERV) e in Europa (classi di efficienza della EN 779:2012). La norma consente di stimare la prestazione del filtro con riferimento agli aerosol presenti in ambiente urbano e rurale.

Le modifiche rispetto alla metodologia e alle apparecchiature di prova attualmente utilizzate sono limitate, per cui l’adozione e l’utilizzo da parte di produttori e laboratori di prova richiede investimenti limitati in apparecchiature, mentre sarà necessaria la formazione del personale di vendita affinché possa valorizzare gli aspetti positivi e avere presente le limitazioni.

La nuova norma è suddivisa in quattro parti:

  • ISO 16890-1 "Filtri d’aria per ventilazione generale - Parte 1: Specifiche tecniche, requisiti e sistema di classificazione dell’efficienza basato sul particolato (ePM)"
  • ISO 16890-2 "Filtri d’aria per ventilazione generale - Parte 2: Misurazione dell’efficienza spettrale e della resistenza al flusso d’aria"
  • ISO 16890-3 "Filtri d’aria per ventilazione generale - Parte 3: Determinazione dell’efficienza gravimetrica e della resistenza al flusso d’aria in funzione della quantità di polvere di prova trattenuta"
  • ISO 16890-4 "Filtri d’aria per ventilazione generale - Parte 4: Metodo di condizionamento per determinare l’efficienza spettrale minima di prova".

La nuova classificazione prevede che i filtri siano valutati in laboratorio in base alla loro capacità di rimuovere il particolato con riferimento alle tre principali frazioni della concentrazione particellare in atmosfera: PM10, PM 2,5 e PM1. L’indice ePMx rappresenta quindi l’efficienza del filtro per quella specifica classe di concentrazione particellare in base alla tabella seguente.

A livello europeo la norma, sviluppata secondo il Vienna Agreement, sarà automaticamente adottata e sostituirà la EN 779:2012. È però previsto un periodo di coesistenza di diciotto mesi tra la nuova norma e l’attuale EN 779. La sostituzione definitiva dovrebbe quindi avvenire entro maggio 2018. La EN 779 infatti costituisce un riferimento importante per il mercato europeo: molti regolamenti tecnici in vari Paesi fanno esplicito riferimento a tale norma per l’utilizzo dei filtri e per la progettazione e gestione dei sistemi di trattamento dell’aria. Ad esempio molte normative prescrivono l’utilizzo di filtri F7 per gli ambienti occupati dalle persone. Analogamente gli operatori del settore hanno bisogno di tempo per adattarsi al nuovo sistema di classificazione nonché di farlo conoscere e recepire al mercato.

Anna Martino
CTI
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Articolo pubblicato sulla rivista mensile "Energia e Dintorni. Il CTI informa" di ottobre 2016.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.