Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Giungono alla fase dell’inchiesta pubblica finale due progetti di norma elaborati dal GL 05 “Requisiti” della Commissione Mobili. L’inchiesta, partita il 15 novembre scorso, scadrà il 13 gennaio 2017: chiunque fosse interessato può scaricarli online e inviare i propri commenti, utilizzando l’apposito form disponibile nella pagina “UNI: inchiesta pubblica finale”.

Il primo definisce i requisiti che consentono di denominare l’origine italiana dei mobili e specifica gli elementi oggettivi che i fornitori devono predisporre per dimostrare la veridicità della denominazione d’origine dei propri prodotti immessi sul mercato.
UNI1601356 “Mobili - Requisiti per la determinazione dell'origine italiana dei mobili” è stato predisposto al fine di definire un modello uniforme e accettato, in sintonia con la legislazione nazionale e internazionale di riferimento, che possa essere utilizzato per denominare l’origine italiana dei mobili finiti, immessi sul mercato e di cui si voglia fornire dichiarazione del Paese d’origine.
La norma risponde alle esigenze di tutela del mercato: quando viene dichiarata l’origine del prodotto si deve essere certi che questa sia legata a requisiti oggettivi e verificabili, per evitare che la dichiarazione di origine venga utilizzata senza regole né controllo e perda il suo valore.

Le abilità psicomotorie delle persone cambiano durante tutto il corso della vita sia con processi unidirezionali (invecchiamento) sia con processi caratterizzati da eventi casuali (riduzione delle abilità e attività temporanea). UNI1601357 “Mobili - Progettazione di arredi e i loro approcci per soddisfare le esigenze di tutte le persone - Requisiti” definisce i requisiti e le raccomandazioni per la progettazione degli arredi per soddisfare le esigenze di tutte le persone, comprese quelle con disabilità. La tipologia di arredo contemplata si riferisce a molteplici destinazioni d’uso: uffici pubblici e privati (per es. banche, uffici postali); collettività (per es. negozi, ospedali, bar, ristoranti, case di riposo, ostelli e alberghi, villaggi turistici); scuole (scuole di diverse tipologie, università, musei, biblioteche); domestico (abitazioni private).

I requisiti contenuti costituiscono anche una linea guida per valutare l'accessibilità e la fruibilità degli arredi esistenti e, ove possibile, come base per il loro miglioramento.

Le raccomandazioni e i requisiti riportati portano benefici alla fruibilità degli arredi anche da parte della popolazione in generale, ad esempio, anziani, o altre situazioni di bassa/ridotta mobilità e funzione.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.