Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

5 progetti di norma giungono in dirittura d'arrivo, entrando nella fase dell’inchiesta pubblica finale, base della democraticità dell'intero processo normativo. A partire dal 15 novembre - ed entro la data di fine inchiesta - è possibile inviare i propri commenti (>> consulta la banca dati).

Termineranno la fase di inchiesta pubblica finale il 13 gennaio 2017 quattro progetti di norma.

Il primo, di interesse CIG, riguarda i criteri di verifica metrologica dei contatori di gas con pressione di misura non maggiore di 0,07 bar (sostituisce UNI 11003:2013). Il progetto UNI1601650 definisce:i requisiti e la procedura operativa per la verifica metrologica del contatore (sia in laboratorio sia presso il cliente finale) e il calcolo dell’errore di misura; le caratteristiche degli strumenti di misura; la procedura di rimozione e trasporto al laboratorio; i requisiti dei laboratori. Si applica a tutti i contatori per la misura del gas della seconda e della terza famiglia, che effettuano la misurazione a una pressione non maggiore, rispettivamente di 0,04 bar (0,4 kPa) per gas naturale e 0,07 bar (0,7 kPa) per miscele di GPL.

Il progetto UNI1601856 definisce i requisiti per la valutazione e la certificazione delle conoscenze, abilità e competenze per i profili professionali ICT basati sul modello e-CF (UNI EN 16234‐1), indipendentemente dalle modalità lavorative e dalla tipologia del rapporto di lavoro. La futura norma, che sostituisce la UNI 11506 del 2013, definisce le modalità di certificazione rispetto le norme della serie UNI 11621. La competenza è della CT 526 UNINFO “Attività professionali non regolamentate”.

Due i progetti della Commissione Mobili. UNI1601356 specifica i requisiti che consentono di denominare l’origine italiana dei mobili e definisce gli elementi oggettivi che i fornitori devono predisporre per dimostrare la veridicità della denominazione d’origine dei propri prodotti. Il progetto risponde alle esigenze di tutela del mercato: quando viene dichiarata l’origine del prodotto si deve essere certi che questa sia legata a requisiti oggettivi e verificabili, per evitare che la dichiarazione di origine venga utilizzata senza regole né controllo e perda il suo valore.
UNI1601357 definisce invece i requisiti e le raccomandazioni per la progettazione degli arredi per soddisfare le esigenze di tutte le persone, comprese quelle con disabilità. La tipologia di arredo contemplata si riferisce a molteplici destinazioni d’uso: uffici pubblici e privati, collettività, scuole, arredo domestico. I requisiti contenuti costituiscono anche una linea guida per valutare l'accessibilità e la fruibilità degli arredi esistenti e, ove possibile, come base per il loro miglioramento.

Terminerà invece l’inchiesta in data 4 dicembre 2016 un progetto, futuro TR, che intende fornire agli Enti Pubblici, alle Società Concessionarie e a tutti gli interessati -tecnici, progettisti, produttori, applicatori- uno strumento di lavoro con le adeguate informazioni tecniche sulla segnaletica orizzontale. Il documento vuole essere una guida esaustiva per orientarsi tra i vari tipi di segnaletica offerti dal mercato, al fine di poter determinare quelli più adeguati alle esigenze da soddisfare, nel rispetto della legislazione vigente e delle indicazioni derivanti dalle specifiche tecniche emanate da organismi di normazione italiani ed europei. Il progetto, che risponde al codice U71012490, è di competenza della Commissione Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.