Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Non esistono metodi ufficiali per la determinazione di basse concentrazioni di lattosio, glucosio e galattosio in prodotti lattiero-caseari, in particolare in formaggi a lunga stagionatura. Una nuova specifica tecnica intende descrivere le procedure necessarie alla misurazione dei tre zuccheri (estrazione, purificazione e analisi strumentale): la disponibilità di questi dati potrà essere di aiuto anche al legislatore, per meglio definire la regole di etichettatura.

 La SC 09 “Latte e derivati” della Commissione Agroalimentare propone un progetto - in questi giorni in inchiesta preliminare - che descrive il metodo per l’analisi nel formaggio a pasta dura del contenuto in lattosio, glucosio e galattosio, mediante sistema di cromatografia liquida ionica con detector amperometrico (High Performance Anion-Exchange Chromatography with Pulsed Amperometric Detector: HPAEC-PAD).

Il progetto UNI1602160 “Metodo per l'analisi del contenuto in lattosio, glucosio e galattosio di formaggi a pasta dura e lunga maturazione”, futura TS, è adatto per formaggi duri il cui processo tecnologico ha determinato una naturale riduzione del lattosio presente nel latte e una successiva metabolizzazione sia di galattosio che di glucosio a opera della microflora.
Non è adatto per prodotti in cui la riduzione del lattosio è stata ottenuta mediante azione enzimatica della beta-galattosidasi aggiunta e, di conseguenza, contengono elevate concentrazioni sia di glucosio che di galattosio.

La determinazione del contenuto in lattosio, glucosio e galattosio in formaggio a lunga maturazione, prodotto utilizzando un sieroinnesto naturale costituito da una coltura di batteri lattici, richiede l’utilizzo di una strumentazione particolarmente sensibile, in grado di quantificare contenuti decisamente ridotti, dell’ordine di pochi mg/kg. La microflora lattica naturale, infatti, ha come substrato elettivo di crescita proprio il lattosio che, previa idrolisi in glucosio e galattosio, viene rapidamente consumato già nei primi periodi di maturazione.

La conoscenza dell’effettivo contenuto di lattosio, ma anche di galattosio, in questi prodotti, appare come un’esigenza sempre più sentita da parte dei consumatori che soffrono di intolleranza per questi zuccheri e che spesso hanno a disposizione solo informazioni scarse e poco chiare.

C’è tempo sino al 16 novembre 2016 per inviare i propri commenti al progetto (>> vai alla banca dati online).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.