Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Il Gruppo di lavoro “Attrezzature e macchine per la raccolta dei rifiuti” della Commissione “Ambiente” propone due nuovi progetti nazionali su un tema di grande attualità: la pulizia delle strade e la raccolta dei rifiuti.
pulizia strade01I progetti si trovano nella fase dell'inchiesta pubblica preliminare sino al 4 ottobre prossimo, data entro la quale sarà possibile inviare i propri commenti ed esprimere eventualmente il proprio interesse a partecipare ai lavori di normazione, utilizzando le apposite pagine della banca dati online.

Il primo progetto (UNI1602300) riguarda la “Metodologia per la rilevazione della presenza di spazzature negli spazi pubblici e la misurazione dell'efficacia dei servizi di pulizia svolti mediante la classificazione delle strade e l'applicazione del metodo delle sezioni”.
Esso consente di classificare le condizioni di pulizia delle strade prima e dopo lo svolgimento degli interventi di spazzamento e collaterali, secondo criteri di uniformità e di parametrizzazione applicabili in modo omogeneo a tutte le forme di insudiciamento degli spazi pubblici e a tutti i servizi di pulizia. Tali servizi comprendono, oltre allo spazzamento e al lavaggio, la rimozione delle polveri e dei detriti, delle foglie, delle macchie e delle gomme da masticare presenti sulle pavimentazione, delle deiezioni animali, nonché la rimozione di manifesti e adesivi.

Si tratta di un tema complesso e innovativo al tempo stesso” - spiega Gianmaria Baiano (FISE – Federazione Imprese di Servizi), coordinatore del gruppo di lavoro che sta portando avanti il progetto - “in quanto al momento non esiste in Italia una norma di riferimento. Per questo è stata avvertita l’esigenza di disporre di una metodologia standardizzata di rilevazione dello stato delle strade prima e dopo l’effettuazione di un servizio di pulizia. Mancando questo riferimento standardizzato - cioè riproducibile, obiettivo e uniforme - la pulizia delle strade, che già di per se è cosa abbastanza opinabile, diventa del tutto non misurabile e non comparabile. Quindi questa è stata la ragione che ci ha spinto a intraprendere questo lavoro”.
strade02La messa a punto della metodologia consente di valutare in modo scientifico i livelli di prestazione e le conseguenti modalità e condizioni di accettazione dei servizi di pulizia delle strade e, in particolare, di misurare i livelli di prestazione resi in relazione alle situazioni preesistenti, verificando così l'effettivo adempimento dei contratti relativi a questi servizi di igiene urbana.

Ma come funziona questa metodologia?
Innanzitutto – continua Baiano - questa procedura si basa su due pilastri fondamentali: il primo è quello di classificare in specifiche categorie ogni porzione di territorio in cui si vuole operare (di solito si tratta di territori urbanizzati). Ad esempio ci possono essere aree esclusivamente residenziali ad alta o bassa densità abitativa, zone commerciali, zone di servizi e così via…. In secondo luogo le strade che attraversano queste aree sono suddivise e mappate in sezioni lunghe 50 metri. Questa distanza è stata identificata perché sia possibile avere una buona visuale da una estremità all’altra delle ‘sezioni’ e quindi poter valutare il grado di pulizia o di sporcizia delle strade”.

Il sistema è molto flessibile – conclude Baiano - perché praticamente consente di quantificare qualsiasi fenomeno che si sviluppi sulle strade. Parliamo della pulizia ma teoricamente si potrà applicare anche ad altri servizi, per esempio la qualità della pavimentazione stradale, il grado di manutenzione dei marciapiedi e così via”.
La futura norma UNI potrà essere concretamente utilizzata dalle stazioni appaltanti, nella fattispecie i Comuni, dagli operatori che svolgono i servizi, dai controllori di questi servizi (sia a livello locale che sovralocale).

Strettamente collegato al precedente è il secondo progetto in inchiesta pubblica intitolato “Veicoli raccolta rifiuti - Livelli di prestazione e modalità e condizioni di accettazione dei servizi di pulizia delle strade e di gestione dei rifiuti urbani - Parte 3: Metodologie di misura dei livelli di prestazione e per determinare l’accettazione, definire i contenuti e assicurare l’adempimento dei contratti relativi alla pulizia manuale e meccanica e al lavaggio delle strade e dei marciapiedi”.
Questo progetto (UNI1601514) si propone di definire i principi generali che devono regolare lo svolgimento dei servizi di spazzamento delle strade, di grande importanza per le comunità urbane (insieme alla raccolta dei rifiuti essi costituiscono la seconda voce di spesa per i Comuni dopo i trasporti) ma sino ad oggi non regolamentati in modo organico.

Il progetto – che interessa il mercato nazionale – definisce i livelli di prestazione, la modalità e le condizioni di accettazione e le esigenze da prendere in considerazione per definire i contenuti e assicurare l’adempimento dei contratti di servizio per:

  • i servizi di spazzamento manuale e meccanico delle strade e dei marciapiedi;
  • i servizi di lavaggio delle strade e dei marciapiedi, nonché la pulizia delle superfici calpestabili di pregio;
  • i servizi collaterali e addizionali allo spazzamento quali: la messa in opera e la pulizia dei cestini gettarifiuti; il diserbo dei marciapiedi e dei cigli stradali; la rimozione degli escrementi animali; la pulizia dei mercati; la pulizia ordinaria delle fontane storiche o ornamentali; la raccolta di aghi e siringhe usate; la rimozione delle carcasse animali.

Nel progetto vengono definiti i parametri e gli elementi dei servizi considerati, le metodologie per controllarli e misurarli, il catalogo e la descrizione delle principali attività svolte, i sistemi da mettere in atto per controllare le prestazioni rese e la loro qualità, le modalità per valutare i livelli di prestazione e di qualità offerti.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.