Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

li keqiangNel corso della Open session “Standards Improve Global Connectivity”, che si è tenuta il 14/9 durante la settimana ISO a Pechino, alti funzionari cinesi tra i quali il Primo ministro del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese Li Keqiang hanno sottolineato il valore delle norme internazionali.
Davanti a una platea di oltre 500 rappresentanti di organismi nazionali di normazione, di organizzazioni internazionali, autorità pubbliche e mondo imprenditoriale, Li ha posto l’accento su quanto le norme possono aiutare la Cina a recuperare la sua lenta crescita economica.

 La ripresa dell’economia mondiale implica un investimento nell’innovazione. “Le norme sono la base necessaria al progresso tecnologico.” ha spiegato il Premier cinese “Con la rapida evoluzione delle tecnologie, si deve accelerare l’implementazione, la formulazione e la revisione delle norme”.

 Per la seconda economia al mondo in termini di grandezza, gli standard contribuiscono a garantire qualità, efficienza e una crescita stabile; le norme riflettono la competitività delle imprese e la forza di una nazione. “Abbiamo intensificato i nostri sforzi per applicare le norme internazionali; ora la Cina deve promuovere il miglioramento della sua struttura economica” ha dichiarato Li. “La mia presenza oggi vuole dimostrare l’impegno del Governo cinese nei confronti della normazione: la Cina deve avere il coraggio di far rispettare standard elevati”. Con le sempre più diversificate esigenze dei consumatori, la Cina ha bisogno di utilizzare norme adeguate per promuovere la flessibilità.

 Li Keqiang ha sottolineato l’importanza delle norme per migliorare il settore manifatturiero - definito la “spina dorsale” dell’economia cinese - incoraggiare lo sviluppo di nuove fonti energetiche e promuovere una economia più “green”. “L’ISO è una forma di ONU della tecnologia” ha osservato. “Solo la cooperazione può portare vantaggi e risultati reciproci. È quindi importante sostenere anche il coinvolgimento nella normazione dei paesi in via di sviluppo”.

 “Per la Cina è il momento di riformare e modernizzare la sua amministrazione: c’è bisogno di maggiore flessibilità e autonomia nel promuovere standard internazionali e fare in modo che il governo giochi un ruolo meno importante” ha concluso il Premier cinese. “Semplicità, coerenza e trasparenza sono i valori incarnati dalla normazione, ma sono anche quelli di un buon governo". La Cina intensificherà quindi la cooperazione con l’ISO e con i suoi membri.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.