Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

 La Sottocommissione 05 “Navi da diporto” della Commissione Navale invia all’inchiesta pubblica preliminare, fase fondamentale per vagliare le concrete esigenze del mercato, sette progetti adozioni di norme ISO che definiscono alcuni requisiti per i grandi yacht (di lunghezza maggiore o uguale a 24 m). UNI detiene la segreteria della SC ISO corrispondente.

UNI1602225 “Costruzioni navali - Navi da diporto (grandi yacht) - Misurazione e valutazione dell’aspetto visivo della verniciatura” (adozione ISO 11347:2012) specifica i requisiti tecnici per la misurazione e la valutazione dell’aspetto visivo della verniciatura superficiale dei grandi yacht, in termini di brillantezza, colore e ogni altro difetto superficiale. È applicabile alle imbarcazioni utilizzate per attività sportiva o ricreativa o per operazioni commerciali.

Adotta la ISO 11336-1:2012 il progetto UNI1602226 “Navi da diporto (grandi yacht) - Robustezza, tenuta agli elementi atmosferici e all’acqua delle aperture trasparenti - Parte 1: Criteri di progettazione, materiali, intelaiatura e prove delle aperture trasparenti indipendenti”. Esso specifica i requisiti tecnici per le aperture trasparenti sui grandi yacht, considerando le condizioni di navigazione e l’ubicazione delle aperture. Le aperture e i dispositivi di chiusura associati considerati nella ISO 11336-1 sono soltanto quelli sopra la linea di galleggiamento più profonda e sono critiche per l’integrità della nave per quanto riguarda la tenuta agli elementi atmosferici e all’acqua, che potrebbero causare l’entrata di acqua nello scafo in caso di rottura di un vetro.

“Costruzioni navali - Navi da diporto (grandi yacht) - Requisiti di robustezza delle gru da ponte e delle passerelle d’accesso” è il titolo de progetto UNI1602227 che adotta la norma ISO 11209 del 2012. Essa fornisce le linee guida per il corretto dimensionamento strutturale delle attrezzature di sollevamento nei grandi yacht e si applica alle gru, alle passerelle d’accesso (incluse le scale laterali) e alle passerelle d’accesso utilizzate con funzioni di sollevamento. Copre principalmente i seguenti aspetti: classe di servizio, carichi applicati, criteri di progettazione, stress tollerabili, controllo della robustezza, controllo della stabilità elastica. Non è applicabile alle attrezzature di sollevamento per i mezzi di salvataggio, che sono coperte da regole riconosciute o da regolamenti internazionali.

Il progetto UNI1602228 “Navi da diporto (grandi yacht) - Motori diesel per propulsione principale e ausiliari essenziali - Requisiti di sicurezza” (adozione ISO 14885:2014) riguarda i motori diesel con una potenza nominale uguale e maggiore di 100 kW per la propulsione e per gli ausiliari essenziali per generare potenza per i grandi yacht, utilizzati per impiego commerciale, per uso sportivo o ricreativo, che non portano cargo né più di 12 passeggeri. Il motore è inteso come macchina motrice fino alla sua (o alle sue) estremità di guida per la presa di potenza; la norma non copre i motori utilizzati per l’alimentazione elettrica di emergenza.

UNI1602229 “Navi da diporto (grandi yacht) - Attrezzature di coperta - Attrezzature per l’ancoraggio” definisce i requisiti per il lay-out, la progettazione e l’installazione delle attrezzature di ancoraggio per i grandi yacht. Rappresenta l’adozione della norma ISO 16556:2014.

Adotta la ISO 14886:2014 il progetto UNI1602230 “Costruzioni navali - Navi da diporto (grandi yacht) - Protezione strutturale contro il fuoco per gli yacht in vetroresina (FRP)”. La norma si applica alla protezione strutturale dei grandi yacht in vetroresina che trasportano fino a 12 passeggeri. Non è applicabile alle unità soggette a SOLAS.

Infine, il progetto UNI1602231Navi da diporto (grandi yacht) - Porte a tenuta stagna - Requisiti di robustezza e di tenuta agli elementi atmosferici” (adozione ISO 14884:2015) specifica i requisiti tecnici per la tenuta stagna agli elementi atmosferici delle porte a battente, scorrevoli e a pantografo per le operazioni manuali e motorizzate che consentono l’accesso alle zone di alloggio e di servizio nei grandi yacht.

Da martedì 20 settembre, e sino al 4 ottobre 2016, tutti i soggetti interessati possono inviare i propri commenti nelle pagine web dell’Inchiesta pubblica preliminare.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.