Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

cittaQuali strategie dovrebbe adottare una comunità per diventare più sostenibile?
Per rispondere a questa domanda viene in aiuto la nuova norma internazionale ISO 37101 “Sustainable development in communities - Management system for sustainable development - Requirements with guidance for use“, pubblicata lo scorso luglio.

La rapida urbanizzazione, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo, ha portato con sé nuove sfide per le autorità locali, nazionali e regionali coinvolte, per esempio, nella distribuzione spaziale di persone e di risorse e nell’utilizzo dei territori.

La nuova norma ISO 37101 aiuterà le comunità ad attuare una strategia di sviluppo sostenibile che tenga in considerazione il contesto economico, sociale e ambientale. Essa stabilisce i passi che una comunità deve compiere per poter raggiungere i propri obiettivi di sviluppo sostenibile, come ad esempio creare un piano d’azione, assegnare le responsabilità e misurare le prestazioni.

La norma incoraggerà inoltre le comunità a divenire più pro-attive e le aiuterà a dimostrare alle parti coinvolte che è stato attuato un sistema di gestione adeguato.

La corretta applicazione della norma ISO 37101 permetterà di:

  • generare e costruire il consenso sullo sviluppo sostenibile all’interno delle comunità
  • migliorare la sostenibilità e la resilienza delle strategie, dei programmi o dei piani sviluppati sotto la responsabilità delle comunità o sui territori che le riguardano
  • migliorare l’ambiente locale, creando dei contesti sociali più favorevoli ai cittadini e costruire una comunità che possa prevenire al meglio e adattarsi ai disastri naturali, alle crisi economiche e ai cambiamenti climatici.

La ISO 37101 pone l’accento sulle collettività in quanto trampolino verso lo sviluppo sostenibile della società nel suo insieme. Le comunità sono formate da diverse entità e da persone che vivono lavorano e interagiscono tra di loro. Inoltre il coinvolgimento delle parti interessate in un dialogo costruttivo per soluzioni più sostenibili è un elemento chiave dell’applicazione della norma.

Il presidente dell’ISO/TC 268 “Sustainable cities and communities” - il comitato tecnico che ha elaborato il documento - spiega “Lo scopo della norma è quello di aiutare le comunità a mettere in atto un piano di sviluppo sostenibile con tutte le parti coinvolte. L’obiettivo è quello di riunire intorno a un tavolo il più largo numero possibile di persone al fine di discutere insieme come sviluppare una strategia di sviluppo sostenibile per una comunità”.

Come tutte le norme sui sistemi di gestione, anche la nuova ISO 37101 è basata sul ciclo del miglioramento continuo “Plan-Do-Check-Act”. Ciò significa che gli utilizzatori devono regolarmente e periodicamente verificare i loro obiettivi e le loro strategie al fine di garantire che siano costantemente aggiornati.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.