Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Sono disponibili sul sito internet (vd. banca dati >>) dieci nuovi progetti di norma che hanno raggiunto la fase di inchiesta pubblica finale.
Come è noto, l’inchiesta pubblica finale è una fase fondamentale del processo di elaborazione delle norme, perché, offrendo a tutti i potenziali interessati la possibilità di esprimere i propri commenti sui contenuti del progetto, garantisce la democraticità dell'intero processo normativo.

I dieci progetti toccano molti temi tra i più significativi e attuali del mondo della normazione.
Alcuni di questi riguardano professioni non regolamentate.
Il primo, che fa capo alla Commissione “Sicurezza della società e del cittadino”, delinea i requisiti di conoscenza, abilità e competenza del Professionista della Protezione Civile, o meglio del “Disaster Manager”.

Il secondo, di competenza del CTI (Comitato Termotecnico Italiano) riguarda invece le figure professionali che eseguono l’installazione, la manutenzione e la pulizia degli impianti termici.
Per entrambi questi progetti la fase di inchiesta pubblica finale scadrà il prossimo 17 settembre.

Della specifica Commissione “Attività professionali non regolamentate” è invece il progetto che riguarda gli insegnanti di yoga. In questo caso l’inchiesta pubblica scadrà il prossimo 14 ottobre.

Dalla Commissione “Ambiente” vengono due progetti (parte 1 e parte 2) che trattano dei livelli di prestazione, modalità e condizioni di accettazione dei servizi di pulizia delle strade e di gestione dei rifiuti urbani.

Altri due progetti sono stati sviluppati dalla Commissione “Acustica e vibrazioni”: il primo riguarda le misure di mitigazione sonora, il secondo l’acustica in edilizia e in particolare il collaudo acustico di impianti a servizio di unità immobiliari.

Di qualità dell’acqua, e in particolare della determinazione dell’azoto totale, parla invece un progetto di norma elaborato dall’UNICHIM (Associazione per l'Unificazione nel settore dell'Industria Chimica).

Due infine i progetti, sempre di competenza del CTI, che hanno per argomento i sistemi di gestione della sicurezza degli impianti a rischio di incidente rilevante: la parte 1 rappresenta delle linee guida per l’effettuazione degli audit; la parte 2 fissa invece i requisiti di conoscenza, abilità e competenza delle figure professionali che effettuano tali audit.

Anche per questi progetti la fase di inchiesta pubblica finale scadrà il 14 ottobre.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.