Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

In queste settimane cinque progetti di interesse della Commissione Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato si trovano nella fase dell’inchiesta pubblica preliminare. Dal 7 al 21 luglio sarà possibile inviare commenti utilizzando le apposite pagine online sul sito internet (>> vai alla banca dati).

I primi tre progetti di competenza del GL 04 “Additivi” rappresentano la revisione delle norme UNI 8146, UNI 8147 e UNI 8148 del 2008; rispetto alle precedenti edizioni vengono aggiornati i riferimenti normativi e apportate alcune correzioni editoriali.
UNI1601923 “Agenti espansivi non metallici per impasti cementizi - Idoneità e relativi metodi di controllo” specifica la definizione e i requisiti degli agenti espansivi non metallici e descrive i procedimenti per il controllo dell'idoneità a svolgere la loro azione specifica. UNI1601924 “Agenti espansivi non metallici per impasti cementizi - Determinazione dell'espansione contrastata della malta” stabilisce le modalità da seguire per misurare l'espansione prodotta nella malta contenente l'agente espansivo non metallico, in condizioni di espansione contrastata. Il metodo può essere applicato anche alle malte prodotte in cantiere o premiscelate. Il terzo progetto UNI1601925 “Agenti espansivi non metallici per impasti cementizi - Determinazione dell'espansione contrastata del calcestruzzo” stabilisce le modalità per misurare l'espansione prodotta nel calcestruzzo contenente l'agente espansivo non metallico in condizioni di espansione contrastata.

I restanti due progetti, di competenza del GL 13 “Metodi di prova del calcestruzzo”, vanno a sostituire le norme UNI 7087:2002 e UNI 7122:2008. Il primo definisce le modalità di prova per determinare la resistenza al degrado interno dovuto a cicli di gelo e disgelo di provini di calcestruzzo preparati in laboratorio, in cantiere o prelevati in situ: progetto UNI1602006 “Calcestruzzo - Determinazione della resistenza al degrado per cicli di gelo e disgelo”.

Il secondo descrive un metodo per determinare nel tempo la quantità d'acqua d'impasto essudata (progetto UNI1602007 “Prova sul calcestruzzo fresco - Determinazione della quantità d'acqua d'impasto essudata”): il metodo non è adatto per calcestruzzo confezionato con aggregato con massimo granulometrico maggiore di 40 mm.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.