Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Lo scorso 15 giugno si è tenuto a Milano presso la sede di UNI il convegno “Lo sviluppo dell’integrità, oltre la legalità. Verso un Codice Etico della consulenza finanziaria”, durante il quale si è parlato dell’importanza di un cambiamento culturale, anche attraverso il passaggio da un approccio di tipo rule-based a uno di tipo value-based, per poter interiorizzare un sistema di valori e generare risultati etici nella direzione dello sviluppo dell’integrità etica delle organizzazioni e degli operatori del settore finanziario.

relatori lensi01Gli interventi della mattina – coordinati dal direttore Relazioni esterne sviluppo e innovazione, Ruggero Lensi - hanno messo in evidenza il ruolo delle norme e delle prassi di riferimento UNI come soluzione tecnica per affrontare le “zone d’ombra” dell’etica professionale del settore finanziario, nella prospettiva di una responsabilità e sostenibilità della società: ne sono una testimonianza tangibile le linee guida ISO sulla responsabilità sociale delle organizzazioni e la recentissima UNI/PdR 18:2016 che fornisce gli indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000. Sono seguiti gli interventi del presidente della Commissione “Servizi”, Stefano Bonetto, e di alcuni esponenti del GL UNI 14, attualmente impegnato nella revisione della specifica tecnica UNI/TS 11348 “Pianificazione finanziaria, economica e patrimoniale personale - Guida all'applicazione della UNI ISO 22222:2008 - Terminologia, classificazione e requisiti del servizio”.

relatori01È stata infine presentata l’esperienza dell’Ordine degli Ingegneri di Milano che ha collaborato con UNI all’elaborazione di una Prassi di Riferimento che fornisce a ogni tipo di organizzazione le linee guida per lo sviluppo della cultura della integrità e del ragionamento morale degli individui ad essa appartenenti, attraverso processi e strumenti per la progettazione, l’implementazione e la gestione di un modello funzionale alla cultura dell’integrità. I lavori del mattino si sono conclusi con un intervento del Presidente dell’UNI, Piero Torretta.

Le tavole rotonde del pomeriggio sono state l’occasione per i soggetti appartenenti alla filiera del mercato creditizio, finanziario, assicurativo e previdenziale di riflettere e confrontarsi sulle modalità di messa a punto di linee guida per lo sviluppo della cultura dell’integrità e della competenza etica degli operatori e delle organizzazioni, con interventi anche delle autorità di controllo OAM (Organismo degli agenti e dei mediatori) e OCF (Organismo di vigilanza e tenuta dell'albo unico dei consulenti finanziari).

video fabiLa giornata si è conclusa con gli spunti e le riflessioni offerte da parte del Segretario generale del Movimento Consumatori che ha ribadito la necessità di un’autoriforma culturale del settore finanziario, da compiersi con un forte coinvolgimento anche della società civile.

Su questo argomento segnaliamo un video realizzato da FABI (Federazione Autonoma Bancari Italiani) con le interviste a Giuseppe Milazzo (Segretario nazionale FABI) e ad Alessio Amadori (Presidente di Assonova). Il video è disponibile sul canale UNI di Youtube nella playlist “Educazione finanziaria”.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.