Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

energy managementNel corso di un convegno tenutosi lo scorso 21 giugno a Milano, la Federazione italiana per l'uso razionale dell'energia (FIRE) ha presentato i risultati di una indagine condotta in collaborazione con CEI e CTI in tema di sistemi di gestione dell’energia.

L’Indagine sui sistemi di gestione dell’energia certificati ISO 50001 in Italia. Evoluzione, problematiche e dati tratteggia lo scenario nazionale, mostrando come la norma ISO 50001 sia uno strumento efficace, fondamentale per aiutare le imprese a collegare benefici economico-finanziari e sostenibilità.

Le imprese che hanno investito su ambiente, aspetti sociali e governance hanno ottenuto consistenti miglioramenti in termini di aumento del valore delle proprie azioni. Dallo studio FIRE è emerso che un SGE certificato ISO 50001 comporta un grande valore aggiunto per tutte quelle organizzazioni, private o pubbliche, che decidano di implementarlo: non solo consente di realizzare consistenti risparmi energetici, ma permette di sfruttare investimenti di tipo energetico e ambientale per cogliere dei benefici in collegamento al core business.

Attorno alla ISO 50001, al momento in fase di revisione per aumentarne l’efficacia e rispondere ad alcune problematiche emerse nei primi cinque anni di utilizzo sul campo, sono state pubblicate diverse norme che coprono temi come le diagnosi energetiche, la misura dei risparmi energetici, il benchmarking.

I sistemi di gestione dell’energia (SGE) definiti dalla norma ISO 50001 sono stati introdotti nel 2011. Sono basati sul ciclo di miglioramento continuo Plan-Do-Check-Act focalizzato sull’energia e caratterizzati da un approccio quantitativo fondato su dati misurati, che ne assicura una maggiore efficacia rispetto ai sistemi analoghi sulla qualità (ISO 9001) e sull’ambiente (ISO 14001). Gli SGE sono consigliati in tutte le realtà medio-grandi in virtù dei benefici superiori che consente di ottenere grazie alla definizione di politiche aziendali con obiettivi specifici, all’impegno dei vertici dell’organizzazione, al coinvolgimento di tutti i livelli del personale, alla definizione di un piano di azione dettagliato e alle azioni di monitoraggio dei consumi puntuali e di sensibilizzazione del personale.

>> Guarda le slide presentate nel corso del convegno

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.