Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

accendiniÈ stata pubblicata in sede europea – e adottata in Italia come UNI EN 13869:2016 – una nuova versione, aggiornata, della norma sui requisiti di sicurezza e i metodi di prova per gli accendini.

Gli accendini per sigarette sono considerati potenzialmente pericolosi per i bambini in quanto, producendo fiamma e calore e contenendo un combustibile infiammabile, possono provocare incidenti anche gravi: questo è particolarmente vero nel caso degli accendini usa e getta (che spesso vengono lasciati in giro).

Proprio per evitare il verificarsi di questi incidenti esistono dei meccanismi di sicurezza “a prova di bambino” che vengono applicati agli accendini e che sono già obbligatori in Paesi come Australia, Canada, Nuova Zelanda e Stati Uniti. A seguito dell’introduzione di questo particolare tipo di accendini, proprio negli Stati Uniti si è registrata una riduzione del 60% nel numero di incidenti.

La norma UNI EN 13869 prevede che gli accendini siano dotati di un dispositivo di sicurezza che non permetta ai bambini al di sotto dei cinque anni di azionarli e stabilisce un metodo di prova mediante il quale questi prodotti vengono sottoposti al tentativo ripetuto di accensione da parte di un panel di 100 bambini: solo se l’85% dei tentativi darà esito negativo allora gli accendini potranno essere considerati sicuri, anche se la supervisione da parte degli adulti - i quali non devono mai tenere gli accendini a portata dei bambini - rimane comunque di fondamentale importanza.

La nuova versione della norma è stata sviluppata in sede europea dal comitato tecnico CEN/TC 355 “Lighters”. I metodi di prova meccanici per accendini sicuri per i bambini sono basati sui risultati e le raccomandazioni di una ricerca condotta tra il novembre 2011 e l’aprile 2013 supportata dalla Commissione europea.

Lo sviluppo di questa norma è stato effettuato a seguito di una richiesta ufficiale proveniente dalla Commissione europea (M/427) e accettata dal CEN a fine 2009. Questa richiesta è collegata alla Decisione 2006/502/CE - adottata dalla Commissione nel maggio 2006 - con la quale si richiedeva a tutti gli Stati membri di mettere in atto misure per assicurarsi che solo gli accendini a prova di bambino potessero essere immessi sul mercato e che fosse proibita la commercializzazione dei cosiddetti “accendini fantasia” che - presentando una componente attrattiva di tipo ludico (luci, colori, disegni) - potevano essere utilizzati dai bambini in modo improprio.

La nuova UNI EN 13869:2016 sostituisce la precedente versione del 2011 ed è destinata ad essere citata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea. Una volta che il suo riferimento sarà pubblicato in Gazzetta, la conformità alla nuova norma permetterà ai produttori di accendini di dimostrare che i loro prodotti rispondono ai requisiti della Direttiva 2001/95/CE sulla sicurezza generale dei prodotti.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.