Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

forum unicig2016Si è tenuto nei giorni 16-17 giugno a Milano il Forum UNI-CIG 2016, l'appuntamento di aggiornamento e formazione sul sistema gas-europeo rivolto agli operatori nazionali del settore. L'evento "Dallo smart meter alle smart cities" conteneva già nel titolo la promessa di un percorso nuovo che avrebbe toccato più ambiti con la stessa capacità di collegamento della rete e dell'innovazione tecnologica. Di fatto, è stata un'edizione trasversale, che ha coinvolto non solo gli addetti ai lavori della normazione tecnica del gas, ma anche molti altri soggetti che vanno dal mondo delle telecomunicazioni ai regolatori del mercato e dei diritti del cittadino. 

Di particolare interesse è stato il dibattito tra i rappresentanti delle autorità AGCOM, AEEGSI e AGCM, che hanno confermato la necessità di un dialogo e di una stretta collaborazione per dipanare le questioni ancora aperte in termini di regolazione e gestione dell'erogazione dei servizi, concorrenza del mercato, controllo delle reti e tutela dei consumatori.

Il contributo di Raffaele Tiscar, Vice Segretario Generale alla Presidenza del Consiglio, è stato un vero e proprio invito a mantenere le reti interoperabili, per non frenare e l'inventiva e l'opportunità di crescita economica che può scaturire da un sistema aperto ed interconnesso. Suo anche un decalogo di priorità per aprire la strada all'internet delle cose in Italia. Dietro l'angolo le insidie della cybersecurity, che sono state affrontate dal Forum con l'auspicio di una maggiore consapevolezza degli strumenti, sia da parte degli operatori delle piattaforme, sia dei consumatori stessi. Occorre dunque essere utenti smart, per usufruire correttamente di servizi smart.

Tema di grande attenzione per CIG è da sempre la sicurezza, affrontata nel dibattito con le parole chiave qualità del gas e controlli degli impianti.
La statistica incidenti da gas combustibile (gas naturale e GPL) per il 2015, impegno annuale del CIG su mandato dell'AEEGSI in attuazione del Protocollo di intesa in essere con il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, ha evidenziato un trend che – in linea con i dati rilevati anche negli ultimi anni – conferma l’efficacia delle norme tecniche di settore ma evidenzia comunque la necessità di incidere con interventi decisi in materia di controlli sul campo, incentivi alla sostituzione di apparecchi e per il rifacimento degli impianti, informazioni al consumatore e qualificazione degli operatori post-contatore. L'urgenza, in sintesi, di un sistema paese che affronti l'emergenza incidenti da gas in maniera strutturale.

L'ampliamento del tema di discussione sul sistema gas ha ricalcato la dinamica di lavoro condotta in questi anni dal CIG sullo smart meter che ha trovato sul percorso una serie di questioni inevitabili nate dalla convergenza di più reti e di più utilities: poiché le piattaforme di comunicazione sono le stesse, per la gestione intelligente delle reti che trasportano gas, così come altri servizi, appare necessaria una visione integrata, sistemica e una progettualità dedicata e al passo con i tempi.

>> Guarda tutti i video del Forum

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.