Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Fase di inchiesta pubblica preliminare dal 9 al 23 maggio per 27 progetti di norma. Le schede della banca dati dell’Inchiesta pubblica preliminare saranno consultabili a partire da lunedì 9 maggio: tutti gli interessati potranno inoltrare i propri commenti.

Interessano l’Ente federato UNINFO tre progetti: in tema di sistemi di trasporto intelligenti, UNI1601618 fornisce una panoramica sull’architettura e le realizzazioni delle mappe dinamiche locali (LDM). Gli altri due riguardano le professioni non regolamentate: il primo UNI1601856 definisce gli elementi per la valutazione e la convalida dei risultati d'apprendimento nonché gli aspetti deontologici applicabili alle conoscenze, abilità e competenze delle figure professionali operanti nel settore ICT definite nella EN 16234-1. Il secondo UNI1601822 definisce i profili professionali di terza generazione delle professionalità operanti nel settore dell’informazione geografica.

Due adozioni di norme ISO per la Commissione Macchine utensili: si tratta dei progetti UNI1601661 e UNI1601784 che riguardano rispettivamente i metodi di prova e valutazione dell'accuratezza e della ripetibilità di posizionamento degli assi delle macchine utensili a comando numerico e le verifiche geometriche e le prove di lavorazione per rettificatrici per piani con mandrino porta-mola verticale e tavola alternativa.

La Commissione Gomma intende adottare la norma ISO 20299-1:2015 che specifica i requisiti relativi ai materiali e alle proprietà fisiche di pellicole non strappabili per l’imballaggio di balle di gomma sintetica, previste per tenere le balle separate durante l’immagazzinamento. Il codice del progetto è UNI1601665.

Competenza CIG per due progetti: il primo, in tema di impianti a gas per uso civile, riguarda i criteri di verifica, risanamento e ristrutturazione dei sistemi per l’evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas (progetto UNI1601648); riguarda invece i criteri di verifica metrologica dei contatori di gas con pressione di misura non maggiore di 0,07 bar il progetto UNI1601650.

La Commissione Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio propone due rapporti tecnici: UNI1601685 tratta i requisiti specifici per il campionamento di prodotti da costruzione al fine di determinare il rilascio o l’emissione delle sostanze pericolose in base alla loro destinazione d’uso; UNI1601686 descrive i metodi di prova di riferimento appropriati per la determinazione del contenuto di sostanze pericolose regolamentate nei prodotti da costruzione.

Tre i progetti di interesse della Commissione Acustica e vibrazioni. Due rappresentano l’adozione di norme internazionali: la ISO 1996-1:2016 definisce le grandezze fondamentali da usare per la descrizione, misurazione e valutazione del rumore ambientale (progetto UNI1601687), la ISO 29821-2:2016 rappresenta una guida per il monitoraggio dello stato e la diagnostica delle macchine con l’utilizzo delle misurazioni degli ultrasuoni trasmessi sia attraverso l’aria sia per via strutturale.
Il terzo progetto, futuro TR, si propone come linea guida per l’applicazione della marcatura CE ai sensi della legislazione vigente sui prodotti da costruzione che costituiscono dei dispositivi di riduzione del rumore da traffico stradale in conformità alle prove elencate nella nuova UNI EN 14388:2015 armonizzata alla direttiva 89/106/CEE.

Adotta il CEN ISO/TR 8124-8:2016 il progetto UNI1601707, rapporto tecnico che intende fornire le linee guida per determinare l’età di partenza a cominciare dalla quale i bambini giocano con specifici giocattoli - suddivisi in sottocategorie - e si rivolge in primo luogo ai produttori e agli enti che valutano la conformità dei giocattoli agli standard di sicurezza. La Competenza è della Commissione Sicurezza.

Altri progetti di norma sono stati sviluppati dalle Commissioni Agroalimentare, Luce e illuminazione, Impianti e attrezzi sportivi e ricreativi e dall’Ente federato UNIPLAST. Essi riguardano un metodo per la determinazione dei grani cristallini e non cristallini nel riso (UNI1601753); l’illuminazione delle gallerie stradali (UNI1601781); i requisiti degli impianti di circolazione, filtrazione, disinfezione e trattamento chimico dell’acqua di piscina (UNI1601819) e la classificazione delle materie plastiche prime-secondarie ottenute da recupero e riciclo di rifiuti di plastica (UNI1601663).

La Commissione Servizi presenta due progetti. Il primo UNI1601729, adozione della ISO 21504:2015, fornisce linee guida sui principi di gestione dei portafogli di progetti e di programmi e riguarda qualsiasi tipo di organizzazione pubblica o privata di qualsiasi dimensione o settore. Riguarda invece le professioni il progetto UNI1601752 che definisce i requisiti di conoscenza, abilità e competenza delle figure professionali operanti nella pianificazione e nella compliance nelle persone giuridiche, associazioni ed enti del settore bancario, finanziario e assicurativo.

Competenza UNICHIM per i progetti UNI1601750 (recepimento CEN/TR 16884:2016) e UNI1601751: il primo riguarda il gasolio per motorie diesel e riporta gli esiti di uno studio sulla correlazione tra i risultati dei diversi test di operabilità a freddo e le prestazioni dei combustibili nei motori in condizioni reali a freddo. L’altro progetto specifica un metodo per la determinazione della quantità di cromo esavalente solubile in acqua presente negli adesivi a base cementizia mediante cromatografia ionica.

La Commissione Ambiente intende adottare la norma ISO 14066:2011 che specifica i requisiti di competenza per validatori e verificatori di gas a effetto serra, che completa l'implementazione della ISO 14065 (progetto UNI1601824).

La Commissione Legno presenta due progetti che trattano gli imballaggi: UNI1601820 stabilisce i principi, i criteri e le modalità per condurre e documentare gli audit per gli imballaggi di legno e speciali; UNI1601854 fornisce indicazioni per la progettazione e realizzazione di casse pieghevoli di legno.

Infine, gli ultimi due progetti delle Commissioni Tecnologie nucleari e radioprotezione e Trasmissioni oleoidrauliche e pneumatiche adottano norme internazionali ISO. Il primo UNI1601850 specifica procedure per il monitoraggio individuale per l’esposizione della pelle, estremità (mani, dita, polso, avambracci, piedi e caviglie), del cristallino nel caso di esposizioni programmate: fornisce una guida alla pianificazione del programma di monitoraggio per assicurare il rispetto dei limiti individuali di esposizione previsti dalla legge. Il secondo progetto UNI1601601 stabilisce invece un procedimento di prova per la misurazione della fonte dell'ondulazione del flusso e la fonte dell'impedenza delle pompe volumetriche idrauliche.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.