Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

desertificazioneCrescita demografica, eccessivo sfruttamento di alcune regioni e condizioni climatiche in continua evoluzione impattano fortemente, giorno dopo giorno, sul territorio che ci circonda. Siccità, inondazioni, sfruttamento del suolo, deforestazione, esaurimento delle risorse idriche e pratiche contrarie a una gestione sostenibile stanno letteralmente devastando le nostre terre.

L’erosione e la perdita di fertilità del suolo, il declino della biodiversità e la diminuzione delle riserve d’acqua ci segnalano il degrado del territorio. Si stima che fino al 20% delle zone aride del mondo* e il 25% delle terre coltivate, pascoli, boschi e foreste** subiscono negativamente questo deterioramento.

Ne siamo tutti vittime. Il degrado del suolo minaccia la nostra sicurezza - in termini di accesso all’acqua e forniture di cibo - con gravi ripercussioni sulle economie, in particolare per i paesi in via di sviluppo.

Una nuova norma intende contribuire a combattere tutto questo, fornendo le linee guida volte a stabilire le migliori pratiche contro il degrado del territorio. Il documento, in corso di elaborazione, ha raggiunto una tappa decisiva verso la pubblicazione. L’ISO/DIS 14055-1 “Environmental management - Guidelines for establishing good practices for combating land degradation and desertification - Part 1: Good practices framework” ha recentemente raggiunto lo stadio di Draft International Standard; gli organismi nazionali membri ISO sono ora invitati a votare e a commentare il testo del progetto prima che raggiunga lo stadio finale (final draft) e la successiva pubblicazione.

La futura norma si rivolge ai gestori del territorio, ai tecnici, agli esperti, alle organizzazioni e ai politici che manifestano un interesse nella lotta contro gli effetti e il degrado territoriale. Essa va a completare e a supportare le attività dell’UNCCD, la Convenzione delle Nazioni Unite per combattere la desertificazione in zone aride, semi-aride e subumide.

“Il degrado del suolo rappresenta un problema significativo in molte regioni del mondo, e può avere una influenza diretta nel peggioramento della povertà e nel declino delle economie” spiega Marcia Franco, segretaria dell’ISO/TC 207/WG 9 “Land degradation and desertification”, il gruppo di lavoro incaricato dello sviluppo della norma guidato dall’ente normatore brasiliano ABNT. “Questa norma aiuterà non soltanto a combattere il degrado del territorio, ma anche a riabilitare i terreni interessati da questo fenomeno”.

La pubblicazione della ISO 14055 è prevista per i primi mesi del 2017.

 


 

* fonte: Millennium Ecosystem Assessment 2005
** fonte: FAO 2011

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.