Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Da martedì 29 marzo si trovano in inchiesta preliminare cinque progetti di interesse della Commissione Trasmissioni oleoidrauliche e pneumatiche che vanno a incrementare il parco normativo del settore e che adottano norme internazionali ISO pubblicate nel 2015.

UNI1601598 “Pneumatica - Cilindri a stelo semplice, serie 1 000 kPa (10 bar), alesaggi da 8 a 25 mm - Dimensioni di base e di fissaggio” (adozione ISO 6432) stabilisce una serie di dimensioni metriche di montaggio per l'intercambiabilità dei cilindri pneumatici più comunemente utilizzati, per una pressione massima di esercizio di 1 000 KPa (10 bar). Di interesse del GL 03 “Cilindri pneumatici”, sostituisce la norma UNI ISO 6432 del 1991.

Adottano le parti 2 e 3 della ISO 6020 i progetti UNI1601597 e UNI1601599 di competenza del GL 02 “Cilindri oleoidraulici”, che vanno a sostituire le UNI ISO 6020-2 e 6020-3 del 1993. Dal titolo generale “Oleoidraulica - Dimensioni di fissaggio per cilindri 16 MPa (160 bar) a stelo semplice”, il primo progetto “Parte 2: Serie compatta” stabilisce le dimensioni metriche di montaggio per cilindri a serie compatta da 16 MPa, come richiesto per l'intercambiabilità dei cilindri idraulici più comunemente utilizzati.
Il secondo “Parte 3: Serie compatta con alesaggi da 250 mm a 500 mm” stabilisce le dimensioni metriche di fissaggio per cilindri idraulici a stelo semplice serie compatta con alesaggi da 250 mm a 500 mm per utilizzo a 16 MPa, come richiesto per l'intercambiabilità dei cilindri idraulici più comunemente utilizzati.

Il progetto UNI1601600 “Oleoidraulica e pneumatica - Cilindri - Serie fondamentale delle corse del pistone” (adozione ISO 4393) specifica le serie preferenziali delle corse del pistone per applicazione a cilindri oleoidraulici e pneumatici a semplice e doppio effetto. Questi pistoni sono principalmente utilizzati per cilindri pneumatici ma possono essere utilizzati anche per cilindri idraulici. Il progetto del GL “Cilindri idraulici” sostituisce la vecchia UNI ISO 4393 del 1991.

Infine, il progetto UNI1601589 “Oleoidraulica - Elementi di filtrazione - Parte 1: Verifica della resistenza alla deformazione assiale” (adozione ISO 3723) del GL “Controllo della contaminazione” definisce un metodo per la verifica del coefficiente di carico finale per un elemento di filtrazione oleoidraulico. Esso verifica anche la capacità di un elemento di filtrazione oleoidraulico di sopportare il carico assiale designato imposto dall'installazione e l'utilizzo. Va a sostituire la norma UNI ISO 3723 del 1991.

Entro il 12 aprile per tutti i documenti sarà possibile inviare commenti nelle apposite pagine del sito web (>> vai alla banca dati).

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.