Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Il 10 marzo scorso a Milano è stata presentata la prassi di riferimento UNI/PdR 17:2016 "Profili professionali della funzione Risorse Umane delle organizzazioni - Definizione dei requisiti di conoscenza, abilità e competenza e indirizzi operativi per la valutazione della conformità" (vd. Le prassi pubblicate).

Frutto della collaborazione tra HR People, associazione impegnata nel contribuire allo sviluppo culturale e all’aggiornamento professionale di coloro che operano nel settore dello sviluppo e della valorizzazione delle risorse umane, e UNI, il documento definisce i requisiti relativi a 14 profili professionali della funzione Risorse Umane delle organizzazioni, individuandone attività-responsabilità e relative conoscenze, abilità e competenze, definite sulla base dei criteri del Quadro europeo delle qualifiche (EQF - European Qualifications Framework).

L'impianto della prassi di riferimento è progettato, quindi, nel rispetto dell'EQF: ciò significa che il risultato dell’apprendimento di una persona è definito da ciò che un individuo conosce (conoscenze), comprende e interiorizza (abilità) e sa fare (competenze). È superato il tradizionale modello basato sui contenuti, sui programmi, sulla durata e sui luoghi dell’apprendimento a favore di una valutazione di quello che una persona dimostra di sapere agire, grazie soprattutto alle competenze comunque acquisite come risultato dei processi di apprendimento di cui è stata protagonista nel lavoro in generale e, più nello specifico, nell’area risorse umane.
Date queste premesse, la prassi di riferimento avrà come beneficio atteso quello di aumentare la trasparenza e la trasferibilità delle qualifiche e delle competenze in ambito risorse umane.

All'evento di presentazione hanno preso parte professionisti, rappresentanti di associazioni dei direttori delle risorse umane e dirigenti Risorse Umane, imprenditori, rappresentanti di organismi di certificazione, tutti concordi nel riconoscere che, con l'elaborazione e la pubblicazione della nuova UNI/PdR, il mercato dispone di uno un primo e univoco riferimento normativo per il riconoscimento delle figure professionali dell'HR. 

Tra i vantaggi indicati dai dirigenti HR delle aziende che hanno portato la loro testimonianza, la prassi di riferimento potrà dare risposta all'esigenza di disporre di uno strumento valido per misurare e confrontare in maniera obiettiva conoscenze e abilità delle varie figure operanti nelle risorse umane, per mappare e conoscere il patrimonio attitudinale e di competenze, ai fini della valorizzazione e dello sviluppo del potenziale delle risorse, in un'ottica di miglioramento continuo e costante, con evidenti ricadute positive per la risorsa e per l'azienda stessa.

Viene fatto notare come il valore del documento risieda anche nel dare un riferimento unico per la certificazione, andando a definire quelli che sono gli indirizzi operativi per la valutazione della conformità delle persone ai requisiti di conoscenza, abilità e competenza definiti per i profili professionali: la UNI/PdR 17 definisce, infatti, sia i pre-requisiti di accesso alle prove di valutazione (contenuti nell'Appendice B della prassi) che le persone che intendono certificarsi devono possedere, sia le modalità operative d'esame e i criteri per il rilascio della certificazioni.

Le presentazioni dei relatori all'incontro del 10 marzo possono essere scaricate da Slideshare. Per informazioni:
http://bit.ly/HR10marzo

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.