Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Si è tenuta nei giorni scorsi una riunione del Gruppo di Lavoro UNI "Codificazione dei prodotti e dei processi costruttivi in edilizia", a cui partecipano i principali stakeholder del settore.
Al centro delle attività del GL, che sta ulteriormente ampliando la rosa dei propri partecipanti, c'è l'elaborazione di quel corpus normativo in grado di fornire criteri applicativi di codificazione di opere e prodotti da costruzione, attività e risorse, sulla scia del modello BIM (Building Information Modelling), un tema molto dibattuto e trattato a livello europeo dal comitato CEN/TC 442 e a livello internazionale dall'ISO/TC 59/SC 13.

Quello del GL UNI, che opera in seno alla commissione "Prodotti, processi e sistemi per l'organismo edilizio", è un lavoro importante e quanto mai tempestivo, anche alla luce del nuovo Codice degli Appalti pubblici, approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 3 marzo, che intende incentivare l'uso di "strumenti elettronici specifici, quali quelli di modellazione elettronica e informativa per l'edilizia e le infrastrutture".

bim meeting osloOltre alla norma UNI 11337 ("Edilizia e opere di ingegneria civile - Criteri di codificazione di opere e prodotti da costruzione, attività e risorse - Identificazione, descrizione e interoperabilità"), pubblicata nel 2009, e alla UNI/TS 11337-3 sui modelli di raccolta, organizzazione e archiviazione dell’informazione tecnica, pubblicata meno di un anno fa, il lavoro sta ora proseguendo più speditamente con l'elaborazione delle altre quattro parti di cui dovrebbe comporsi la specifica tecnica. Parti che dovrebbero fornire le indicazioni necessarie a tutti gli operatori della filiera per adottare concretamente il modello BIM. Le parti 1, 4 e 5 dovrebbero vedere la luce entro l'estate, mentre per la parte 2 si prevedono tempi leggermente più lunghi. Ad ogni modo entro la fine dell'anno il quadro dovrebbe essere completato.

I vantaggi previsti dall'applicazione di un modello BIM sono numerosi, in termini di gestione, di qualità del processo edilizio, di tempi e di costi. Si tratta quindi di una articolata opera di razionalizzazione. Soprattutto, nelle parole di Roland Dominici, coordinatore del CEN/TC 442/WG 4 "Support Data Dictionaries", il BIM può avere un impatto immediatamente significativo per quanto riguarda gli aspetti di facility management, cioè tutto ciò che afferisce alla gestione generale degli edifici e dei loro impianti.

Il BIM ha ovviamente un respiro internazionale ma al tempo stesso è innervato di numerose e varie esperienze nazionali che nel BIM devono trovare la loro sintesi più efficace.

Il comitato europeo CEN/TC 442 - i cui lavori sono interfacciati dal GL UNI che sta elaborando le specifiche tecniche nazionali di dettaglio - si è riunito qualche settimana fa a Oslo. E' stata l'occasione per fare il punto sulle attività in corso, che al momento sono orientate a creare una terminologia comune che permetta di tradurre in un linguaggio condiviso i processi edilizi presenti nei vari Paesi. Il BIM infatti, come dichiara Pieter Kompolscek, coordinatore del WG 3 "Information Delivery Specification", ha tra i suoi obiettivi proprio quello di facilitare la collaborazione transnazionale: di creare cioè una sorta di sistema armonizzato per gestire l’intero processo edilizio, dalla fase preliminare alla fase esecutiva, lungo tutto il suo ciclo di vita. Spesso infatti le differenti tradizioni costruttive rischiano di porre un ostacolo che l'adozione del modello BIM può aiutare a superare. In questo senso, anzi, il BIM diviene quasi un emblema della funzione e dei valori della normazione tecnica nel suo insieme.

Ma non solo. Come sottolineato da Richard Waterhouse, coordinatore del WG 1 "Strategy and Planning", il BIM favorisce la intercomunicabilità tra i vari attori della filiera: un altro aspetto che spesso risulta problematico nell’intero arco di vita di un progetto.

L'attività di normazione dunque prosegue, sia a livello europeo che nazionale, seguita con interesse dagli operatori del settore.

Il Gruppo di lavoro UNI, coordinato da Alberto Pavan, si riunirà nuovamente nel mese di aprile.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.