Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

A fine 2014 è stata pubblicata la norma UNI 11566-1 "Linea guida per la definizione dei modelli organizzativi di distribuzione e vendita al consumo: requisiti dei modelli per la vendita su aree pubbliche" elaborata e approvata dalla commissione "Commercio".
Si tratta di una linea guida che identifica e definisce quali sono attualmente i modelli e i processi organizzativi delle modalità di vendita del commercio ambulante presente nei mercati, nelle fiere, nei posteggi fissi, e anche nelle comunità più isolate con la sua attività itinerante.

fiva logo 250Queste modalità di commercio al dettaglio di più piccole dimensioni con vendita assistita costituiscono oggi il risultato dei processi di libera competizione generati dalla liberalizzazione del commercio del 1998, che ha abolito classificazioni, regole, protezioni: la norma vuole fotografare la situazione e definire una terminologia, in modo da aiutare queste imprese a identificarsi, migliorare e crescere.

FIVA CONFCOMMERCIO - Federazione Italiana Venditori Ambulanti e su aree pubbliche (tra i promotori della norma UNI 11566-1) ha ritenuto utile una fase di verifica della "bontà" della norma, organizzando un campionamento sperimentale delle imprese del settore attraverso un questionario in formato elettronico: ciò consentirà di affinare e meglio definire le modalità di impatto dell’autovalutazione e classificazione (livello standard, superiore, avanzato, avanzato plus) previste dalla norma stessa.

All’indirizzo http://www.fiva.it/uni_classification.html è disponibile il questionario on-line:

  1. nella schermata iniziale si sceglie la struttura di vendita (chiosco, banco/banchetto, autotenda o automarket…),
  2. successivamente si sceglie la tipologia merceologica dell’impresa,
  3. si passa quindi alla tabella di autovalutazione,
  4. infine si completano le informazioni identificative dell’impresa.

Il questionario va quindi salvato e inviato all'indirizzo e-mail della Federazione.

Nella fase di sperimentazione la classificazione verrà fatta da FIVA CONFCOMMERCIO ma a regime potrà svolgersi in automatico (fatto salvo il controllo di veridicità a cura della Federazione).
Più imprese parteciperanno alla sperimentazione, migliore sarà la messa punto dello schema e delle modalità di funzionamento: tutte le attività di vendita su aree pubbliche sono quindi invitate ad autovalutarsi!

I prossimi ambiti di applicazione saranno i pubblici esercizi/bar, il commercio al dettaglio con vendita assistita dei settori moda, abbigliamento, calzature… e quello alimentare.

Per informazioni:
FIVA CONFCOMMERCIO
Via Cola di Rienzo 285
00192 Roma
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.