Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Rappresentano l’adozione di due recenti norme ISO i progetti UNI1601544 e UNI1601583 della Commissione Acustica e vibrazioni, entrati lunedì 29 febbraio nella importante fase dell’inchiesta pubblica preliminare UNI. Sino al 14 marzo prossimo, per i progetti sarà possibile inviare commenti nelle apposite pagine del sito web (>> vai alla banca dati).

Lo stato vibrazionale di una macchina può essere monitorato mediante misurazioni delle vibrazioni su un cuscinetto o su una struttura di supporto e/o mediante misurazioni delle vibrazioni di elementi rotanti della macchina. Le misurazioni possono essere continue o discontinue: nel progetto UNI1601544 “Monitoraggio e diagnostica dello stato delle macchine - Monitoraggio dello stato vibrazionale - Parte 2: Elaborazione, analisi e presentazione” (adozione ISO 13373-2:2016) si fornisce una guida per entrambe le modalità di misurazione.
Vengono fornite le linee guida generali per le attività di misurazione e di raccolta di dati sulle vibrazioni di macchine, ai fini del monitoraggio del loro stato. La norma - di interesse del SC 2/GL 4 “Diagnostica su elementi rotanti” (Gruppo misto Acustica e Vibrazioni/Manutenzione) - è indirizzata a promuovere la coerenza di procedure e di prassi di misurazione.

Il secondo progetto UNI1601583 (adozione ISO 14835-1:2016) dal titolo “Vibrazioni meccaniche e urti - Test di provocazione al freddo per la valutazione della funzione vascolare periferica - Parte 1: Misura e valutazione della temperatura cutanea delle dita” è di competenza del SC 2/GL 1 “Vibrazioni trasmesse all'uomo”. La norma specifica i metodi di misura della temperatura cutanea sulle dita (finger skin temperature FST); il procedimento di esecuzione delle misure (compresa l’esecuzione del test di provocazione al freddo); le modalità di presentazione dei risultati delle misure.
I metodi specificati nella norma hanno lo scopo di fornire assistenza nella raccolta dei dati di base per una valutazione quantitativa della risposta vascolare a uno stimolo freddo e a rendere possibile la presentazione di valori numerici normativi di riferimento. È applicabile alla misura della FST in risposta a uno stimolo freddo, allo scopo di valutare vari disturbi vascolari periferici in persone esposte a vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio ed è da utilizzare, insieme ad altri test, per la diagnosi della sindrome da vibrazioni mano-braccio. La necessità è quella di definire il metodo di prova al fine di renderlo comparabile alle reali esigenze di salute del lavoratore in ambienti freddi. La norma sostituisce la UNI ISO 14835-1:2010.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.