Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

Interessano la Commissione Protezione attiva contro gli incendi tre progetti di norma entrati lunedì 29 febbraio nella fase dell’inchiesta pubblica preliminare.

“Linea guida per la progettazione, l'installazione, la messa in servizio, la verifica funzionale, l'esercizio e la manutenzione dei sistemi di rivelazione fumo ad aspirazione” è il titolo del progetto UNI1601539 che definisce i requisiti dei sistemi di rivelazione fumo ad aspirazione (secondo la EN 54-20) interconnessi agli impianti di rivelazione e allarme incendio. La linea guida – di competenza del GL 04 “Sistemi automatici di rivelazione di incendio” – tratta in maniera più specifica tutti i dispositivi di rivelazione fumo ad aspirazione della UNI 9795. Essa intende fornire all’installatore e al progettista uno strumento efficace e completo da affiancare alla UNI 9795. Chiarisce inoltre e amplia le indicazioni fornite nella UNI 11224 per quanto riguarda la manutenzione.

Altri due progetti - UNI1601542 e UNI1601543 - sono di interesse del GL 07 “Sistemi e componenti ad acqua”.
Il primo dal titolo “Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per impianti antincendio - Caratteristichecostruttive e funzionali” definisce i requisiti minimi da soddisfare nella realizzazione di locali tecnici destinati a ospitare gruppi di pompaggio per l'alimentazione idrica di impianti antincendio. Sostituisce la UNI 11292:2008 e si allinea alle nuove disposizioni normative europee e agli indirizzi internazionali. La revisione tiene infatti conto delle indicazioni contenute nella nuova versione della EN 12845 e cerca di chiarire alcuni concetti sulla base dell’esperienza degli ultimi anni. Il progetto fornisce requisiti per: scale, cofanatura, apertura areazione/ventilazione, definizione del locale pompe per pompe sommerse, combustibilità dei serbatoi, resistenza al fuoco.
Il secondo progetto “Installazioni fisse antincendio - Gruppi di pompaggio - Istruzioni complementari per l'applicazione della UNI EN 12845 (sprinkler)”, futuro rapporto tecnico che sostituisce l’UNI/TR 11438:2012, chiarisce alcuni punti della norma europea EN 12845, in virtù delle nuove specifiche contenute.

Da lunedì 29 febbraio, e sino al 14 marzo, tutti i soggetti interessati possono inviare il proprio commento nelle pagine web dell'Inchiesta pubblica preliminare.

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.