Compila i campi per il download gratuito della UNI/PdR richiesta





Si No


Trattamento dei dati personali – informativa ex art.13 DLgs. 196/2003

Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs. 196/2003, UNI - titolare del trattamento dei dati, domiciliato in via Sannio 2 - 20137 Milano - informa che i dati richiesti sono raccolti e trattati per finalità di:

- verifica che non vengano violate le norme sul diritto d’autore - informazione e promozione commerciale di prodotti e servizi UNI - indagini di mercato inerenti le attività UNI.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati, esso viene effettuato in modo da garantire la sicurezza e riservatezza degli stessi mediante:

- strumenti manuali - strumenti informatici.

Nel caso in cui non venisse accordato il consenso al trattamento dei dati si segnala che verranno meno le prestazioni richieste di cui al punto precedente senza che UNI possa essere tenuto responsabile per il disservizio. Infine, come previsto dall'art. 7 del DLgs. 196/2003, si comunica al conferente dati che è in suo diritto accedere ai propri dati per consultarli, aggiornarli, cancellarli nonché opporsi al loro trattamento per legittimi motivi.

Trattamento dei dati personali – Consenso ex artt. 23,24,25 DLgs. 196/2003

Il sottoscritto, dato atto di avere ricevuto l'informativa prevista all'art. 13 del DLgs. 196/2003 in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, espressamente garantisce il suo consenso ai sensi degli articoli 23, 24, 25 del summenzionato decreto (inclusivo di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione) secondo i termini della summenzionata informativa e nei limiti ivi indicati, dei propri dati personali acquisiti o che saranno acquisiti in futuro dall'UNI.

X

MENU

accordo cencenelec sccLo scorso 25 gennaio a Bruxelles CEN e CENELEC hanno formalmente rinnovato l’accordo di cooperazione con lo Standards Council of Canada (SCC), l’Ente normatore canadese. Avviata già nel 2012, la cooperazione intende contribuire alla rimozione degli ostacoli tecnici in campo commerciale, facilitando gli scambi di beni e servizi tra Europa e Canada. Con il nuovo accordo, firmato da Elena Santiago Cid, direttore generale CEN-CENELEC, e da John Walter, amministratore delegato di SCC, le parti continueranno a scambiarsi informazioni e a cercare nuove opportunità di cooperazione in ambito normativo in diversi settori tra i quali aerospaziale, chimico, costruzioni, prodotti di consumo, energia e tecnologie ambientali, dispositivi medici e nanotecnologie.

Il primo accordo tra CEN, CENELEC e SCC risale al febbraio del 2012: l’obiettivo era quello di giocare un ruolo costruttivo nei negoziati per il raggiungimento di un accordo globale economico e commerciale tra l'UE e il Canada. L’accordo ha fornito un quadro di riferimento per lo scambio di informazioni e per coordinare le attività di normazione in specifici settori come le Smart Energy Grids e le strutture in legno; ha inoltre permesso al Canada di adottare norme sui contatori di calore identiche alle norme europee elaborate dal CEN.

Questi esempi mostrano come, lavorando insieme, sia possibile contribuire a prevenire e a rimuovere barriere tecniche agli scambi e sostenere la crescita commerciale tra economie nazionali.
Le tre organizzazioni riconfermano il loro impegno a promuovere l’armonizzazione delle norme anche a livello internazionale (in ambito ISO e IEC).

Elena Santiago Cid ha sottolineato il valore economico dell'accordo: "Il Canada è un mercato importante di esportazione per le imprese europee. Continuando la collaborazione avremo modo di compiere ulteriori progressi nella rimozione degli ostacoli tecnici agli scambi, sostenendo così la crescita e l'occupazione in Europa come in Canada".

Anche John Walter ha evidenziato i benefici in termini commerciali: "SCC, CEN e CENELEC sono impegnati congiuntamente per rafforzare e aumentare le opportunità di scambi commerciali attraverso l'utilizzo strategico della normazione, fornendo alla popolazione europea e canadese un migliore accesso al mercato".

Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per ulteriori informazioni.